easyJet

easyJet Rising, il libro di Tony Anderson

Tempo di lettura 2 minuti

Tony Anderson è stato dal 1995 al 1999 direttore marketing di easyJet.

easyJet nel 2020 festeggierà il suo 25° compleanno, Anderson in un suo libro appena pubblicato, racconta i suoi primi anni nella compagnia che ha visto nascere, il suo rapporto con il fondatore Stelios Haji-Ioannou e la nascita di easyGroup.

“a British Airways, le cui tariffe elevate hanno reso possibile questo libro” [cit. Tony Anderson, easyJet Rising 2019, pubblicato da Oranssi ].

l libro easyJet Rising è il resoconto senza esclusione di colpi su come una start-up basata a Luton con soli due aerei, abbia raggiunto la vetta nel mercato dell’aviazione europeo dipingendolo di arancione.

#Orange il colore di easyJet e dell’intero easyGroup.

Il libro offre non solo approfondimenti unici sui trucchi, i suggerimenti e le trappole delle compagnie aeree a basso costo, non un libro contro easyJet ma un occasione, il suo venticinquesimo compleanno per raccontare il mercato dei LCC.

Tony Anderson e British Airways.

Tony Anderson non perde occasione per ironizzare sulla rivale da sempre che è British Airways, che ha in easyJet nel mercato a breve e medio raggio un competitor diretto, il vettore arancione è riuscito a “costringere” BA, per mantenere una sua quota di mercato in particolare nei cieli del Regno Unito, ad adattare la sua politica tariffaria.

Anderson lavorò anche per British Airways tra il 1988 e il 1991, la lascio per Thomas Cook per cui lavorò fino ad aprile 17del 1995 per poi passare ad easyJet.

British Airways nel 1995 per la tratta Londra a Edimburgo o Glasgow partiva con una tariffa base di £ 120 solo andata da , easyJet £ 29.

easyJet pioniera nella vendita diretta.

Anderson ci tiene a sottolineare come uno dei motivi che ha permesso ad easyJet e alle altre LC di mantenere i prezzi bassi è l’aver “tagliato fuori” agenti di viaggio e intermediari:

“I vettori pagavano di più in commissione [agli agenti sui biglietti aerei] di quanto non fossero sulle loro bollette del carburante.

Semplicemente non poteva andare avanti. Se la storia ci dice qualcosa, è che alla fine tutte le cose troppo belle per essere vere finiscono.

La nostra sarebbe la prima compagnia aerea in qualsiasi parte del mondo a eliminare completamente l’intermediario.

Fondamentalmente, è stata una grande scommessa. Puntavamo sui costi a lungo termine per la costruzione e il mantenimento di un marchio, poiché la pubblicità era inferiore alle commissioni degli agenti e ai costi associati “.

easyJet si sarebbe dovuta chiamare “Stelair”

Il marchio easyJet, depositato presso Companies House il 1 ° marzo 1995, oggi è uno dei più conosciuti in Europa, ma il suo nome doveva essere un altro.

Stelios Haji-Ioannou aveva già fondato una compagnia di navigazione chiamata Stelmar e in seguito una società finanziaria chiamata Stelinvest, easyJet avrebbe dovuto chiamarsi Stelair.

Ma il successo delle vendite dei primi anni, la crescita del vettore, ha spinto a mantenere il nome che racchiudo uno dei mood che ancora oggi distingue easyJet da altri vettori ed è stata una delle chiavi del suo successo, il suo essere #easy .

Ed è anche da quel successo che il nuovo nome dell’intero gruppo fosse proprio easy … easyGoup.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi