Boeing

Boeing ha completato oltre 800 test in volo simulato…

Tempo di lettura < 1 minuto

Boeing ha rilasciato un comunicato in cui dichiara di aver completato oltre 800 test di volo nel simulatore, per il B737 Max con le modifiche al SW del MCAS.

Nel comunicato stampa intitolato “Boeing Progress su 737 MAX Safe Return to Service“, Boeing ha voluto fare chiarezza sugli avanzamenti dei test per riavere la certificazione al volo per il Max.

800 voli con il nuovo software equivalgono a circa 1.500 ore di volo, con un tempo di volo medio di circa 1.9 ore.

Le prove di volo sono state effettuate da più piloti, poco meno di 450, lo stesso simulatore nel quale Mark Forkner, allora pilota capo tecnico per il 737 MAX, che aveva riscontrato nel 2016 problemi nel MCAS, ovviamente le simulazioni oggi sono state fatte con il software aggiornato.

I piloti che hanno effettuato i test di volo nel simulatore, non sono solo dipendenti Boeing, ma anche piloti di compagnie aeree clienti e delle agenzia di sicurezza al volo mondiali.

Il colosso manifatturiero americano continua dicendo “Proprio la scorsa settimana la compagnia ha condotto con successo una prova a secco di un test di volo di certificazione

Boeing prosegue con una riorganizzazione interna per aumentare il livello di sicurezza di tutti i processi aziendali, parte di questo processo, la separazione della figura di CEO da quella del presidente,  Dennis Muilenburg rimane CEO, mentre si attende la nomina del nuovo presidente.

Dennis Muilenburg ha dichiarato:

“Continuiamo a compiere progressi costanti nel rimettere in sicurezza ed in volo il 737 MAX.

I nostri team Boeing sono fermi nel loro impegno nei confronti dei nostri clienti e dei nostri valori e i cambiamenti che stiamo implementando ora rafforzeranno ulteriormente il nostro approccio alla sicurezza in tutta la nostra azienda e la comunità aerospaziale “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi