Thomas Cook

Thomas Cook

Tempo di lettura 2 minuti

Terminata nella notte londinese la storia del più antico tour operator inglese, Thomas Cook.

178 anni di storia, terminati con la dichiarazione di fallimento, dopo un ultimo tentativo di trovare i 200 milioni di sterline, necessari per il salvataggio.

E’ uno dei fallimenti più importanti della storia del turismo, destinato a coinvolgere centinaia di migliaia di clienti che erano in vacanza in questi giorni o che avrebbero dovuto partire da oggi, tutte le partenze infatti sono state cancellate.

Il governo inglese ha avviato tutte le procedure necessarie per riportare in patria i passeggeri inglesi, si parla 150mila turisti coinvolti, attualmente all’estero e con il volo di ritorno tra oggi e domani: 16mila.

Thomas Cook

Il boom dei treni e delle navi a vapore, che fece nascere, quello che oggi chiamiamo “turismo di massa” diede al fondatore omonimo Thomas Cook l’idea di fondare la prima agenzia inglese.

Thomas Cook era un tipografo,di religione battista il quale, con spirito umanitario, altruista e, ovviamente, imprenditoriale, diventa il profeta delle vacanze per tutti, creando un impero turistico parallelo a quello delle colonie britanniche.

Era il 5 luglio 1841 quando Cook organizzo la primissima escursione da Leichester a Loughborough, un escursione accessibile ed appositamente pensata per la classi bassa del regno, a cui parteciparono 570 persone, pagando uno scellino.

Il programma, era del tutto simile ad un’escursione di oggi, prevedeva un posto in terza classe, un pranzo e uno spettacolo di gran galà.

Cook vendeva esperienze turistiche

Thomas Cook è stato il primo a riscrivere l’idea di viaggio, trasformandolo da costosa esperienza legata alla sensibilità e ai gusti individuali, ad una nuova esperienza collettiva in cui l’agente di viaggio aveva un ruolo chiave

Thomas Cook, ha introdotto la figura dell’agente di viaggio moderno, che ha l’obbiettivo di organizzare e semplificare il viaggio, rendendolo accessibile anche ai viaggiatori meno esperti, a chi non aveva mai viaggiato, non avendone la possibilità economica.

I primi voli

Thomas Cook fu il primo nel 1919 ad inserire nel pacchetto vacanza, un volo aereo ed infatti qualche decennio dopo creò anche la sua compagnia aerea, che ad oggi contava 41 aerei.

La fine di un modello

E’ la fine di un modello, oggi chiunque è in grado di organizzare in autonomia il proprio viaggio, dal volo, al noleggio dlel’auto, alla prenotazione di una sistemazione, non solo più hotel, ma Air B&B, ostelli, Bed&Brekfast, in questi anni come 178 anni fa si sta verificando una nuova fase del turismo di massa, in cui le agenzie di viaggio rischiono di non avere più clienti e se non capaci di reinventarsi, il fallimento.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi