Hi Fly

Hi Fly e il Wet lease

Tempo di lettura 2 minuti

Hi Fly è una società di Wet Lease aerea molto conosciuta dagli addetti al settore, ma poco dai non addetti ai lavori, ovvero dai passeggeri che a volte si ritrovano su un aereo di una compagnia diversa rispetto a quella con la quale hanno acquistato il biglietto.

Il 18 agosto è stata Norwegian ad utilizzare l’Airbus A380 di Hi Fly per sopperire alla mancanza di un B787 in manutenzione, per il volo Londra LGW – New York JFK.

Un aereo in Wet lease può essere noleggiato per un solo volo o per brevi e medio lunghi periodi.

Il noleggio in Wet Lease, consiste nel noleggio dell’aeromobile compreso l’equipaggio, ovvero pronto all’uso.

Hi Fly ha due società con licenza di volo, una con sede in Portogallo ed una a Malta, con una flotta composta di soli Airbus: 4 A320, 8 A330, 7 A340 e 1 A380 ed occupa 800 persone.

Hi Fly ha due certificati di operatore aereo, uno rilasciato da ANAC dal Portogallo e l’altro da TM-CAD da Malta, membro a pieno titolo della IATA (International Air Transport Association) e certificato IOSA (IATA Operational Safety Audit) e detiene l’autorizzazione per operare in tutto il mondo, ogni giorno un aereo di linea Hi Fly parte o atterra in tutti e cinque i continenti sulla terra.

Hi Fly si impegna a contribuire a un pianeta più responsabile e sostenibile combattendo contro le questioni molto importanti che sono l’inquinamento da plastica e le emissioni di carbonio.
La società sta attivamente implementando e promuovendo le buone pratiche nella sua attività:

Plastic free

Hi Fly  sarà completamente “senza plastica” entro la fine del 2019

Carbon Offset

Tutti i voli Hi Fly saranno a zero emissioni di carbonio entro la fine del 2021. Numerosi programmi di compensazione delle emissioni di carbonio vengono presi in considerazione, testati e verificati indipendentemente per l’implementazione.

Programmi di gestione dei rifiuti

L’aviazione commerciale è una delle industrie in più rapida crescita al mondo. Il potenziale grande impatto ambientale dell’aviazione deve essere affrontato attraverso lo sviluppo di pratiche sostenibili seguite dalla sua gestione e smaltimento sicuro. Come parte di una strategia integrata di gestione dei materiali

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi