Approfondimenti

in arrivo un eco-tassa anche in Svizzera?

Tempo di lettura 2 minuti

Non solo la Francia, anche la Svizzera sta pensando ad una tassa sui biglietti aerei, la commissione ambiente ha formulato una proposta che prevede l’applicazione di un minimo di 30 franchi a biglietto.

Quella francese è notevolmente più bassa, il cambio euro – franco svizzerò è circa alla pari (1 euro) significherebbe quindi anche pagare il doppio il costo di un biglietto come ad esempio VCE-GVA con easyJet che attualmente si aggira intorno ai 30 euro a tratta.

Da una verifica direttamente sul sito di easyJet, acquistandolo con circa 2 mesi di anticipo, partenza da VCE il 3 ottobre e ritorno il 6 da GVA, il prezzo totale del biglietto è di 44 euro, ovvero circa 22 euro a tratta, mentre la tassa partirebbe da 30.

Da quando easyJet ha attivato la rotta per GVA, operata con CREW di base VCE, i voli hanno anche un load factor soddisfacente per il vettore, e sicuramente ha contribuito ad incrementato il turismo della città svizzera, sede di importanti delegazioni umanitarie, come la sede europea dell’ONU e la sede mondiale della Croce Rossa.

La proposta che arriverà in parlamento nella camera alta a Berna, per essere votata a settembre ha come scopo quello di abbattere del 50% le emissioni di gas serra entro il 2030.

Una tassa che con colpirà solo il mercato aereo, ma anche quello automobilistico, secondol’agenzia Ats, l’idea avanzata dalla commissione ambiente, con una vera e propria nuova tassa sul carburante, colpirebbe in primis le società che importano benzina, ma sicuramente questa avrà una ricaduta sul prezzo finale alla pompa, che secondo la commissione non potrà però superare i 10 centesimo al litro (12 a partire dal 2025).

Biglietti aerei

La commissione propone una tassa sul biglietto che oscilla tra i 30 e i 120 franchi, a seconda della lunghezza del volo, nel caso francese si parte da 1,50 euro per arrivare ai 18 per il lungo raggio.

SWISS contraria

La compagnia di bandiera Swiss come fece anche Air France, appena fu diffusa la notizia dell’ecotassa francese, manifesta la sua contrarietà, in quanto l’eventuale applicazione potrebbe favorire aeroporti dislocati al di fuori del territorio Svizzero.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi