Blue Air

La Romania deve recuperare aiuti a Blue Air

  • 2 mesi fa
  • 4minuti

La Commissione europea ha concluso che il piano di ristrutturazione di Blue Air non era in grado di ripristinare la redditività a lungo termine della compagnia aerea ed è quindi incompatibile con le norme dell’UE sugli aiuti di Stato. 

La Romania deve ora recuperare gli aiuti di Stato illegali di Blue Air pari a circa 33,84 milioni di euro (163,8 milioni di RON), la decisione arriva dopo l’avvio delle indagini nell’aprile 2023, per valutare se un piano di ristrutturazione per Blue Air e le misure di aiuto attuate a sostegno di tale piano fossero in linea con le norme dell’UE sugli aiuti di Stato.

“Il sostegno pubblico alle imprese in difficoltà deve essere accompagnato da piani realizzabili per garantire che la ristrutturazione abbia successo senza distorcere indebitamente la concorrenza. Dopo un’indagine approfondita, abbiamo confermato che il piano di ristrutturazione e le misure attuate per Blue Air non sono in linea con le norme sugli aiuti di Stato dell’UE. La Romania deve ora recuperare gli aiuti per ripristinare la concorrenza nel mercato interno dei servizi di trasporto aereo.” ha dichiarato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva responsabile della politica di concorrenza.

Blue Air attraversa difficoltà finanziarie dal 2019. Nell’agosto 2020 , la Commissione ha approvato due misure a favore della compagnia aerea: (i) una garanzia pubblica di circa 28 milioni di euro (circa 137 milioni di RON) per coprire i danni direttamente causati dal coronavirus epidemia; e (ii) una garanzia pubblica di circa 33,84 milioni di euro (163,8 milioni di RON) su un prestito di salvataggio destinato a coprire parzialmente il fabbisogno di liquidità di Blue Air per i successivi sei mesi. Blue Air ha cessato le operazioni l’11 settembre 2022.

La Romania ha convenuto che se la garanzia pubblica sul prestito di salvataggio non fosse stata revocata entro sei mesi  dal primo pagamento dell’aiuto, avvenuto nell’ottobre 2020, avrebbe presentato alla Commissione un piano di liquidazione o un piano di ristrutturazione globale per Blue Air. 

Nell’aprile 2021 la Romania ha presentato un piano di ristrutturazione che è stato successivamente aggiornato più volte. Nel novembre 2022, la Romania ha rimborsato il prestito e ha acquisito una partecipazione del 75% in Blue Air dopo che la compagnia aerea ha sospeso le operazioni nel settembre 2022.

A seguito dell’indagine approfondita avviata nell’aprile 2023, la Commissione ha concluso che il piano di ristrutturazione di Blue Air non era fattibile, coerente e di portata sufficiente per ripristinare la redditività a lungo termine della compagnia aerea entro un lasso di tempo ragionevole e senza distorcere indebitamente la concorrenza nel settore. il mercato unico. Ciò è stato corroborato dall’incapacità di Blue Air di mantenere le operazioni e dalla sua richiesta nel marzo 2023 di avviare una procedura di insolvenza. Il piano di ristrutturazione non è stato aggiornato a seguito della cessazione dell’attività o dell’avvio dell’indagine approfondita.

Le misure a sostegno di un piano di ristrutturazione inadeguato e irrealistico che non è supportato da sufficienti finanziamenti di mercato da parte degli investitori oltre il periodo di salvataggio sono illegali ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato. La Romania deve ora recuperare da Blue Air l’aiuto di Stato illegale pari a 33,84 milioni di euro (163,8 milioni di RON) più interessi.

Legislazione UE

Le norme dell’UE sugli aiuti di Stato, più specificamente gli  orientamenti sugli aiuti per il salvataggio e la ristrutturazione , consentono agli Stati membri di sostenere le imprese in difficoltà, a determinate condizioni rigorose. 

In particolare, gli aiuti possono essere concessi per un periodo massimo di sei mesi (“aiuti per il salvataggio”). Oltre tale periodo, l’aiuto deve essere rimborsato oppure gli Stati membri devono notificare un piano di ristrutturazione alla Commissione, affinché venga valutato ai sensi delle norme sugli aiuti di Stato. Affinché l’aiuto alla ristrutturazione possa essere approvato, il piano deve garantire che la redditività dell’impresa possa essere ripristinata senza il mantenimento del sostegno statale, che l’impresa contribuisca in misura sufficiente ai costi della sua ristrutturazione e che le distorsioni della concorrenza create dall’aiuto siano affrontate attraverso misure compensative, comprese in particolare misure strutturali o comportamentali.

Le norme dell’UE sugli aiuti di Stato richiedono che gli aiuti di Stato incompatibili siano recuperati al fine di eliminare la distorsione della concorrenza creata dall’aiuto. Non sono previste sanzioni ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato e il recupero non penalizza la società in questione. Si ripristina semplicemente la parità di trattamento con le altre imprese.

Per maggiori informazioni: La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.62829 nel registro degli aiuti di Stato sul sito web della concorrenza della Commissione una volta risolte eventuali questioni di riservatezza. Le nuove pubblicazioni delle decisioni sugli aiuti di Stato su Internet e nella Gazzetta ufficiale sono elencate nella e-News settimanale della concorrenza .