Aviation

The Miracle on the Hudson

  • 1 mese fa
  • 3minuti

15 anni fa (15 gennaio 2009), un Airbus A320 con al comando Sully Sullenberger, che stava operando il volo US1549 US Airways è atterrato sul fiume Hudson a New York City, un disastro evitato grazie alla professionalità e all’addestramento del pilota.

Noto come il “miracolo di Hudson” (The Miracle on the Hudson) ma le indagini e i rapporti confermano che non e’ stato un miracolo ma se l’aereo è oggi ancora integro in un museo e nessun passeggero o membro dell’equipaggio ha perso la vita, è tutto merito dei piloti.

Il Volo US1549 decollo’ intorno alle 15:25 dall’aeroporto La Guardia di New York (LGA) diretto all’aeroporto di Charlotte Douglas (CLT), in North Carolina.

Poco dopo il decollo, il capitano avverti’ il copilota di uno storno di uccelli, impossibile evitarli, pochi secondi dopo alcuni uccelli, per l’esattezza oche, furono risucchiate da entrambi i motori che persero immediatamente potenza a 3200 piedi, circa 1km di altitudine.

La soluzione immediatamente proposta dal controllore di volo, il ritorno a La Guardia “Impossibile, potremmo finire a Hudson“, rispose il capitano Sully, una frase che divenne famosa, perché fu questa la scelta del capitano, un ammaraggio sul fiume Hudson, pochi minuti dopo un ammaraggio perfetto che riportò tra i 150 passeggero e 6 membri dell’equipaggio, solo 78 feriti non gravi.

Il salvataggio fu’ quasi immediato, tutte le imbarcazioni nelle immediate vicinanze, compresi i traghetti turistici si avvicinarono all’areo che nel frattempo veniva evacuato con i passeggeri sulle ali, l’aereo ancora galleggiava e furono tratti in salvo.

Un Tweet, di un social nato da poco diffuse le prime immagini live in tutto il mondo, ovviamente sto parlando di Twitter.

Il National Transportation Safety Board (NTSB) ha elogiato “il processo decisionale dei membri dell’equipaggio di volo e la loro gestione delle risorse dell’equipaggio durante la sequenza dell’incidente“, insieme al comportamento dell’equipaggio di cabina durante l’evacuazione.

Una volta che lo stormo di uccelli e l’aereo si sono scontrati e l’incidente è diventato inevitabile, molte cose sono andate per il verso giusto“, ha detto il presidente dell’NTSB Deborah A.P. Hersman. “Questo è un ottimo esempio della professionalità dei membri dell’equipaggio, dei controllori del traffico aereo e dei soccorritori che hanno tutti svolto un ruolo nel preservare la sicurezza di tutti a bordo“.

L’incidente e’ stato anche oggetto di un film con Clint Eastwood, che ha interpretato il capitano Chesley “Sully” Sullenberger.

L’Airbus A320 e’ stato estratto quasi integro, senza i motori dal fiume Hudson e posizionato in un hangar del Carolinas Aviation Museum nell’aeroportodi Charlotte in North Carolina.

Carolinas Aviation Museum #flight1549