IATA

SAF: le stime IATA per il 2024

  • 3 mesi fa
  • 4minuti

Nel 2023, i volumi di SAF hanno raggiunto oltre 600 milioni di litri secondo le stime dell ’International Air Transport Association (IATA), il doppio dei 300 milioni di litri prodotti nel 2022 e rappresentava il 3% di tutti i combustibili rinnovabili prodotti, ma il 97% della produzione viene destinata ad altri settori . 

Nel 2024 si prevede che la produzione di SAF triplicherà arrivando a 1,875 miliardi di litri.

“Il raddoppio della produzione di SAF nel 2023 è stato incoraggiante, così come la prevista triplicazione della produzione prevista per il 2024. Ma anche con questa crescita impressionante, la SAF come parte di tutta la produzione di combustibili rinnovabili crescerà solo dal 3% quest’anno al 6% nel 2024. Questa allocazione limita l’offerta di SAF e mantiene i prezzi elevatiL’aviazione necessita tra il 25% e il 30% della capacità di produzione di carburante rinnovabile per SAF. A questi livelli l’aviazione si troverà sulla traiettoria necessaria per raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050. Fino a quando tali livelli non saranno raggiunti, continueremo a perdere enormi opportunità per far avanzare la decarbonizzazione dell’aviazione. Sarà la politica del governo a fare la differenza. I governi devono dare priorità alle politiche volte a incentivare l’incremento della produzione di SAF e a diversificare le materie prime con quelle disponibili localmente”, ha affermato Willie Walsh, direttore generale della IATA.

Esito CAAF/3

La terza conferenza sui combustibili alternativi per l’aviazione (CAAF/3), ospitata dall’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), ha concordato un quadro globale per promuovere la produzione di SAF in tutte le aree geografiche affinché i carburanti utilizzati nell’aviazione internazionale abbiano un’intensità di carbonio inferiore del 5% entro il 2030. Per raggiungere questo livello è necessario produrre circa 17,5 miliardi di litri (14 Milioni tonnellate) di SAF.

“I governi vogliono che l’aviazione raggiunga lo zero netto entro il 2050. Dopo aver fissato un obiettivo intermedio nel processo CAAF, ora devono fornire misure politiche in grado di raggiungere il necessario aumento esponenziale della produzione di SAF”, ha affermato Walsh.

Il problema non è la domanda: ogni goccia di SAF prodotta è stata acquistata e utilizzata. In effetti, SAF ha aggiunto 756 milioni di dollari a una bolletta del carburante record nel 2023. Almeno 43 compagnie aeree si sono già impegnate a utilizzare circa 16,25 miliardi di litri (13 milioni di tonnellate) di SAF nel 2030, con ulteriori accordi annunciati regolarmente.

Sbloccare l’offerta per soddisfare la domanda è la sfida che deve essere risolta: le proiezioni parlano di oltre 78 miliardi di litri (63 Mt) di combustibili rinnovabili da produrre nel 2029. I governi devono stabilire un quadro politico che incentivi i produttori di combustibili rinnovabili a stanziare il 25-30% dei loro risultati alla SAF per soddisfare le ambizioni CAAF/3, le politiche regionali e nazionali esistenti e gli impegni delle compagnie aeree.

Obiettivi politici

Incentivi efficaci alla produzione per SAF dovrebbero sostenere i seguenti obiettivi:

  • Accelerare gli investimenti in SAF da parte delle compagnie petrolifere tradizionali
  • Garantire incentivi alla produzione di combustibili rinnovabili incoraggia quantità sufficienti di SAF
  • Concentrare le parti interessate sulla diversificazione regionale delle materie prime e della produzione di SAF
  • Individuare e dare priorità a progetti di produzione ad alto potenziale per il sostegno agli investimenti
  • Fornire un quadro contabile SAF globale

Sbloccare la diversificazione

Circa l’85% degli impianti SAF che entreranno in funzione nei prossimi cinque anni utilizzeranno la tecnologia di produzione Hydrotreatment (HEFA), che si basa su grassi animali non commestibili (sego), olio da cucina usato e grasso industriale come materia prima. Quantità limitate di questi richiedono politiche per:

  • Diversificare la produzione di SAF aumentando la produzione attraverso percorsi già certificati, in particolare Alcohol-to-Jet (AtJ) e Fischer-Tropsch (FT) che utilizzano rifiuti e residui bio/agricoli.
  • Promuovere gli investimenti e l’accelerazione della certificazione per i nuovi percorsi di produzione SAF attualmente in fase di sviluppo.
  • Identificare più potenziali materie prime per sfruttare tutte le tecnologie SAF per fornire diversificazione e opzioni regionali, comprese quelle con vantaggi collaterali come il ripristino ambientale.

Supporto ai passeggeri

Un recente sondaggio IATA ha rivelato un significativo sostegno pubblico alla SAF. Circa l’86% dei viaggiatori concorda sul fatto che i governi dovrebbero fornire incentivi alla produzione affinché le compagnie aeree possano accedere al SAF. Inoltre, l’86% concorda sul fatto che dovrebbe essere una priorità per le compagnie petrolifere fornire SAF alle compagnie aeree.

Presentazione: Carburante per l’aviazione sostenibile (pdf)