Ryanair

Kiwi.com risponde alle dure accuse di Ryanair

  • 3 mesi fa
  • 2minuti

Kiwi.com ha risposto alle dure accuse di Ryanair di oggi, accusata di essere una “OTA Pirata” dalla compagnia aerea.

Kiwi.com ha inviato una nota alle agenzie di stampa e testate, compresa WEtravel.biz: “non sorprende l’ennesimo blitz a livello di PR da parte di Ryanair nel tentativo di distogliere l’attenzione da sé stessa e infangare la reputazione della concorrenza” [continua nell’articolo].

Un portavoce di Kiwi.comha dichiarato: “Con le molteplici indagini condotte a livello europeo dalle associazioni dei consumatori e dalle autorità garanti per la concorrenza e il mercato sull’operato di Ryanair, non sorprende l’ennesimo blitz a livello di PR da parte di Ryanair nel tentativo di distogliere l’attenzione da sé stessa e infangare la reputazione della concorrenza, utilizzando informazioni scelte a tavolino che non riflettono la scala molto più ampia di combinazioni e opzioni che le OTA sono in grado di offrire ai loro clienti e che Ryanair non è in grado di rendere disponibili.

Questo attacco tramite un’attività di PR è un’altra azione intrapresa da Ryanair per dissuadere i clienti dal prenotare con le OTA. Questo si aggiunge all’implementazione da parte di Ryanair di quello che consideriamo un cosiddetto processo di verifica immotivatamente sproporzionato che è oggetto di indagine e che noi, e molti altri operatori del settore, riteniamo sia stato concepito per penalizzare i consumatori che desiderano avere la libertà di scegliere tra tutte le opzioni a loro disposizione“.