Airbus

Nasce l’Hydrogen in Aviation Alliance

  • 8 mesi fa
  • 6minuti

easyJet, Rolls-Royce, Airbus, Ørsted, GKN Aerospace e Bristol Airport, hanno istituito oggi l’Alleanza Hydrogen in Aviation (HIA) per accelerare il percorso Net-ZERO nel settore dell’aviazione in UK.

HIA lavorerà per garantire che il Regno Unito capitalizzi l’enorme opportunità dell’idrogeno per supportare l’economia del paese. Sebbene esistano varie opzioni per la decarbonizzazione del settore dell’aviazione, compresi i carburanti sostenibili per l’aviazione (SAF), i carburanti sintetici o la propulsione elettrica a batteria, HIA ritiene che occorra prestare maggiore attenzione al potenziale dell’uso diretto dell’idrogeno.

L’idrogeno è un’opzione di carburante alternativo molto promettente per l’aviazione a corto raggio.

Airbus sta sviluppando nuovi velivoli alimentati a idrogeno con l’obiettivo di entrare in servizio commerciale dal 2035 e Rolls-Royce ha già dimostrato che l’idrogeno potrebbe alimentare un motore a reazione dopo il successo prove a terra nel 2022. Inoltre, molti operatori più piccoli stanno facendo progressi sui velivoli alimentati a idrogeno, in particolare ZeroAvia e Universal Hydrogen che hanno già effettuato prove di volo.

HIA lavorerà in modo costruttivo con il governo, le autorità locali e i settori dell’aviazione e dell’idrogeno per consentire al Regno Unito di realizzare il suo potenziale come leader globale in questo settore critico Applicazione della tecnologia dell’idrogeno.

Ciò includerà la definizione del percorso per potenziare l’infrastruttura e la politica, la regolamentazione e la sicurezza quadri necessari affinché l’aviazione commerciale su larga scala possa diventare un realtà.

L’alleanza è convinta che il governo deve concentrarsi su:

  • sostenere la fornitura delle infrastrutture necessarie affinché il Regno Unito sia leader;
  • garantire che il regime normativo per l’aviazione sia pronto per l’idrogeno;
  • trasformare i finanziamenti per il sostegno alla R&S nel settore dell’aviazione a idrogeno in 10 anni se il Regno Unito vuole vedere i benefici economici e affrontare gli obbiettivi di decarbonizzazione.

Johan Lundgren, CEO di easyJet e primo presidente di HIA, ha dichiarato: “Non c’è dubbio che il Regno Unito abbia il potenziale per diventare un leader mondiale nell’aviazione dell’idrogeno, che potrebbe portare con sé 34 miliardi di sterline all’anno per l’economia del paese entro il 2050, ma al fine di catturare questo Opportunità, è necessario un rapido cambiamento e il momento di agire è ora. Dobbiamo lavorare insieme per realizzare il radicale Soluzioni necessarie per un settore difficile da abbattere come l’aviazione in modo da poter proteggere e massimizzare i benefici che porta all’economia e alla società del Regno Unito e che sappiamo che i consumatori britannici vogliono essere preservati. HIA non vede l’ora di lavorare con il governo del Regno Unito. per garantire che vengano implementati i giusti finanziamenti, modifiche normative e politiche per accelerare la fornitura di un’aviazione a zero emissioni di carbonio”.

Grazia Vittadini, Chief Technology Officer di Rolls-Royce, ha dichiarati: “La collaborazione è fondamentale quando si tratta di raggiungere il nostro Net zero ambitions come industria, motivo per cui siamo orgogliosi di far parte del Hydrogen in Aviation Alliance. Il nostro contributo all’HIA è la capacità e L’esperienza che abbiamo nel pioniere di nuove tecnologie e soluzioni – abbiamo già testato un moderno motore aeronautico su idrogeno verde e crediamo fortemente È una delle soluzioni che aiuteranno a decarbonizzare l’aviazione nelle medie dimensioni. a lungo termine.”

Sabine Klauke, Chief Technology Il funzionario di Airbus ha dichiarato: “Mentre Airbus continua a maturare, l’aereo Tecnologie necessarie per fornire un volo alimentato a idrogeno, una voce unita del settore è necessario per garantire un solido ecosistema di idrogeno proveniente da fonti rinnovabili. Unione i nostri colleghi provenienti da tutto il panorama dell’aviazione del Regno Unito in un approccio mirato a L’azione politica e di investimento ci avvicina a un futuro decarbonizzato di volare.”

Olivia Breese, Senior Vice President e Head of Power-to-X per Ørsted, ha commentato: “Ørsted è pienamente impegnata nell’idrogeno rinnovabile come Soluzione chiave per defossilizzare settori difficili da elettrificare come l’aviazione. Nostro La lunga esperienza nello sviluppo e nell’implementazione di nuove tecnologie ci ha insegnato che Collaborazione tra responsabili politici, sviluppatori, clienti e supply chain – e investimenti considerevoli da parte di ciascuno di essi – è fondamentale per ridurre i costi e guidare un nuovo settore su larga scala. Alleanze come l’HIA sono essenziali per riunire diversi attori lungo tutta la catena del valore per sostenere e accelerare il ruolo che l’idrogeno può, e deve, svolgere nel Regno Unito”.

L’idrogeno è la chiave per l’industria, l’occupazione e l’obbiettiovo Net XERO del Regno Unito

Gli esperti suggeriscono che l’aviazione alimentata a idrogeno non sarà solo critica nel fornire zero netto, ma anche fornire una spinta significativa all’economia del Regno Unito.

La strategia Jet Zero di DfT afferma che i rapidi investimenti nell’aviazione dell’idrogeno potrebbero vedere il Regno Unito garantire 60.000 nuovi posti di lavoro e le recentiproiezioni di Hydrogen UK** prevede che l’idrogeno potrebbe contribuire a 18 miliardi di sterline di VAL e contribuire a soddisfare fino al 50% della nostra energia domanda entro il 2050.

Il tasso di ricerca e sviluppo all’interno del Regno Unito significa che il Il settore dell’aviazione è già in una posizione avanzata per trarne vantaggio opportunità significativa. Ad esempio, l’anno scorso ha visto il primo test a terra di un Motore a reazione completamente alimentato a idrogeno e il primo corpo stretto alimentato a idrogeno gli aeromobili dovrebbero essere pronti per i voli a corto raggio in tutto il Regno Unito e Europa entro il 2035.

I vantaggi del volo alimentato a idrogeno.

La decarbonizzazione dell’aviazione è una sfida significativa che richiederà implementazione e implementazione di successo di più tecnologie e approcci, tra cui SAF, nonché idrogeno. Tuttavia, l’uso di idrogeno (in particolare l’idrogeno verde) ha un potenziale come combustibile per aeromobili in quanto produce Nessuna emissione di carbonio, rispetto ad altre tecnologie.

Aiuterà preservare un’industria che è una parte fondamentale della nostra economia. L’aviazione del Regno Unito l’industria contribuisce con oltre 22 miliardi di sterline direttamente al PIL, più 34 miliardi di sterline da esportazione di componenti aerospaziali. L’industria impiega direttamente oltre 230.000 persone.

Investire nell’idrogeno contribuirà anche a preservare la benefici sociali del volo, continuando a connettere i consumatori a business, persone care e nuove destinazioni.

E infine creerà posti di lavoro. In termini di idrogeno, una consultazione dal governo nel 2021*** ha rivelato che lo sviluppo di un’economia dell’idrogeno nel Regno Unito potrebbe supportare oltre 9.000 posti di lavoro entro il 2030 – e fino a 100.000 posti di lavoro entro il 2050 – in tutto il il nostro cuore industriale e in tutto il Regno Unito.

Il Regno Unito è in una posizione di forza per guidare la diffusione globale dell’idrogeno nel settore dell’aviazione. Se massimizziamo questo potenziale possiamo passare e migliorare le competenze forza lavoro esistente, creando migliaia di posti di lavoro in più attraverso l’esportazione Tecnologie e conoscenze prodotte nel Regno Unito.