Qantas

Qantas torna in utile dopo 3 anni

  • 12 mesi fa
  • 6minuti

Dopo tre anni e 7 miliardi di dollari di perdite dovute alla pandemia, il Gruppo Qantas è tornato in utile con un risultato record per la prima metà del FY23.

Il Gruppo ha realizzato 1,43 miliardi di dollari di utile ante imposte al 31 dicembre 2022, superiore del 49% rispetto al precedente risultato record del primo semestre raggiunto nel FY18. L’utile al netto delle imposte è stato di 1,0 miliardi di dollari.

Il risultato record è stato raggiunto grazie alla costante forte domanda di viaggi, ai rendimenti più elevati e al miglioramenti dei costi derivanti dal programma di efficienza da 1 miliardo di dollari del Gruppo che è in fase di completamento.

Un investimento di 200 milioni di dollari nella resilienza operativa, tra cui il mantenimento di alcuni velivoli in riserva e l’equipaggio in duty per un maggior numero di turni, ha portato un significativo miglioramento delle prestazioni operative per i clienti.

Alan Joyce, CEO di Qantas Group, ha dichiarato: “Questa è un’enorme inversione di tendenza considerando le enormi perdite che stavamo affrontando solo 12 mesi fa. Quando abbiamo ristrutturato l’attività all’inizio del COVID, è stato per assicurarci di poter riprenderci rapidamente quando i viaggi sono tornati. Questo è effettivamente ciò che è successo, ma è la forza della domanda che ha guidato un risultato così forte.

Le tariffe sono aumentate a causa dei maggiori costi del carburante, ma anche perché i problemi della catena di approvvigionamento e delle risorse hanno fatto sì che la capacità non abbia tenuto il passo con la domanda. Ora che queste sfide stanno iniziando a diminuire, possiamo aggiungere più capacità e ciò eserciterà una pressione al ribasso sulle tariffe. In termini di spese generali, prevediamo che i costi che stiamo sostenendo dal buffer operativo aggiuntivo inizieranno a ridursi da questa metà e nel prossimo anno finanziario.

Le nostre persone sono state assolutamente fondamentali per la nostra ripresa ed è per questo che siamo così lieti di essere in grado di premiarli con fino a $ 11.500 in contanti e azioni, e perché abbiamo dato loro un altro credito di viaggio del personale di $ 500 oggi. Tornare al profitto significa che possiamo tornare a reinvestire per i nostri clienti, come è chiaro dagli annunci di rete, flotta e lounge che abbiamo fatto, e dalle cabine Project Sunrise che stiamo visualizzando in anteprima. È importante sottolineare che per i nostri investitori, questo ci consente anche di fornire valore a lungo termine per gli azionisti”, ha aggiunto Joyce.

Traffico domestico Qantas in Australia.

Il Traffico domestico Qantas in Australia ha registrato un EBIT sottostante di 915 milioni di dollari, con un aumento dei voli dall’86% della capacità pre-COVID nel 2H22 al 94% durante il semestre.

Le operazioni domestiche di Qantas hanno fruttato 785 milioni di dollari e quelle di Jetstar 130 milioni di dollari, con margini rispettivamente del 22% e dell’11%.

La domanda leisure ha continuato a guidare la ripresa, che il Gruppo è ben posizionato per servire sia attraverso i suoi marchi premium che budget. La domanda di viaggi aziendali e PMI è rimasta forte.

Traffico internazionale di Qantas.

Dal traffico internazionale, Qantas ha realizzato un EBIT sottostante di 511 milioni di dollari, con una capacità quasi raddoppiata, passando dal 31% della capacità pre-COVID nel 2H22 al 60% durante il semestre. Sono state riaperte due rotte e sono state avviate sette nuove rotte, che hanno rappresentato un grande sforzo logistico nella preparazione e nell’addestramento dei porti dopo un lungo periodo di chiusura nella maggior parte dei paesi.

Qantas Freight ha continuato a generare utili ben al di sopra dei livelli pre-COVID. Mentre i rendimenti internazionali si stanno indebolendo con il ritorno di una maggiore capacità sul mercato, un aumento permanente dell’e-commerce a livello nazionale ha creato un cambiamento strutturale nei volumi di trasporto e negli utili.

Tariffe

Le tariffe medie nazionali e internazionali rimangono al di sopra dei livelli pre-COVID in Australia e in tutti i principali mercati. I fattori chiave sono:

  • Un aumento del 65% del prezzo del carburante che è una combinazione di maggiori costi del petrolio, un dollaro USA più forte in cui viene acquistato il carburante e margini di raffinazione più elevati.
  • Minore capacità da parte di tutte le compagnie aeree a causa di problemi della supply chain (tra cui ritardi nella consegna di nuovi aeromobili), colli di bottiglia nella manutenzione man mano che la flotta globale di aeromobili widebody ritorna dal deposito e sforzi per migliorare le prestazioni operative dopo riavvii impegnativi.
  • Alti livelli di domanda in quanto le persone danno priorità ai viaggi.

I fattori che hanno limitato la capacità si stanno gradualmente allentando e le previsioni mostrano che i voli nazionali e internazionali in Australia continueranno a crescere per il resto dell’anno solare. Questa offerta aggiuntiva eserciterà una pressione al ribasso sulle tariffe.

Mentre i prezzi medi sono circa il 20% più alti rispetto al 2021, c’è ancora un valore significativo disponibile per i consumatori, soprattutto quando acquistano con largo anticipo e al di fuori dei picchi.

Qantas e Jetstar hanno rilasciato oggi più di un milione di tariffe di vendita, con posti scontati per quasi tutte le città australiane e le città regionali sulla rete domestica. (Vedere il comunicato JetstarQuesta è la nona vendita di Qantas o Jetstar negli ultimi sei mesi.

Flotta

Qantas è all’inizio del più grande programma di rinnovamento della flotta nella sua storia, con un massimo di 299 aeromobili (comprese le opzioni di acquisto) distribuiti su oltre 10 anni.

Dodici nuovi aeromobili dovrebbero essere consegnati a Qantas e Jetstar entro la fine di questo anno  Il piano della flotta contiene una notevole flessibilità ma, nel complesso, il Gruppo prevede di ricevere in media un nuovo aereo ogni tre settimane per i prossimi tre anni.

I problemi di certificazione della supply chain e del design hanno creato ritardi di produzione per tutte le compagnie aeree, ma il Gruppo è stato in grado di limitarli efficacemente a meno di sei mesi con Airbus.

Il Gruppo ha annunciato oggi una serie di aggiornamenti al proprio piano di flotta, che sono riassunti di seguito.