Airbus A321neo Wizz Air Wizz Air

Wizz Air cresce ed aumenta la redditività nel Q3…

  • 1 anno fa
  • 10minuti

I ricavi totali per Wizz Air ammontano a 911,7 milioni di euro, rispetto a Q3 F22 i rcavi dalla vendita dei biglietti sono aumentati del 186,3% a 464,7 milioni di euro, le ancillary dell’81,7% a 447,0 milioni di euro.

Mentre i più critici avevano sollevato dubbi sui risultato dello scorso semestre, Wizz Air ha chiuso il Q3 al 31 dicembre 2022, riflettendo la crescita della compagnia sia in termini di aeromobili, di capacità, rotte e aeroporti serviti, consolidando le sue operazioni che effettivamente durante l’estate 2021 non hanno brillato ma che nel corso del 2022 si sono in gran parte normalizzate.

József Váradi, Chief Executive Officer di Wizz Air Group, ha commentato i risultati: “Wizz Air ha continuato a registrare una crescita leader del settore durante il terzo trimestre operando il 49% in più di ASK rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (e +38% rispetto al 2019), continuando a registrare una crescita dei ricavi unitari e un secondo trimestre consecutivo di utile netto. Nel corso del periodo, abbiamo assistito a un solido contesto di prezzi, supportato da una forte domanda attraverso la nostra rete Wizz Air più ampia e diversificata.

Di conseguenza, i ricavi nel trimestre sono cresciuti significativamente a +123% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre i ricavi per ASK sono aumentati del 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (e +4% rispetto al 2019).

Dal lato dei costi, gli adeguamenti operativi hanno contribuito a ridurre significativamente i costi di interruzione (cancellazioni e ritardi) dei voli rispetto ai trimestri precedenti. Il rafforzamento dell’euro ha contribuito a ridurre i costi complessivi di carburante e alcuni costi di manutenzione; tuttavia, il suo maggiore impatto è stato sulla rivalutazione delle passività di leasing in dollari USA, invertendo la maggior parte delle perdite dei due trimestri precedenti e contribuendo a realizzare un utile netto di 33,5 milioni di euro per il trimestre.

La liquidità totale di Wizz Air era di 1,37 miliardi di euro alla fine dell’anno solare, approssimativamente lo stesso livello di liquidità totale della fine del 2021.

Commentando gli sviluppi commerciali nel periodo, Váradi ha dichiarato: Siamo orgogliosi di essere stati premiati come Global Environmental Sustainability Airline Group of the Year dal CAPA (Centre for Aviation), nominando Wizz Air come la compagnia aerea più sostenibile dal punto di vista ambientale non solo in Europa ma a livello globale. Questa è un’ulteriore conferma del nostro impegno a diventare la scelta più responsabile dal punto di vista ambientale per i viaggi aerei. A sostegno di tale impegno, abbiamo anche firmato un memorandum d’intesa (MoU) per la fornitura di carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) tra il 2023 e il 2030.

Operativamente, durante il periodo abbiamo annunciato espansioni di base in Cipro, Italia, Austria, Polonia, Albania, Georgia, Bulgaria e Serbia, aprendo una nuova base in Romania e rafforzando la nostra leadership in questo mercato principale Wizz Air CEE.

Abbiamo iniziato a operare ulteriori rotte verso l’Arabia Saudita come parte di una fase iniziale di servire quell’importante mercato in crescita e siamo soddisfatti delle prestazioni iniziali di queste rotte. Wizz Air Abu Dhabi ha ricevuto otto aeromobili ed è destinata a più che quadruplicare le sue entrate nel trimestre in corso rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nella CEE abbiamo mantenuto la nostra posizione di leadership di mercato, aumentato la nostra quota di mercato del quattro per cento rispetto al trimestre precedente e del nove per cento rispetto allo stesso periodo del 2019″.

Sul trading attuale e sulle prospettive, Váradi ha aggiunto: “La nostra continua gestione dei costi sta spingendo il nostro CASK ex-fuel verso la guidance fornita durante l’ultimo rapporto intermedio (aumento a una cifra rispetto a H2 F20) e abbiamo raggiunto i peer in termini di impatto sistematico di copertura del carburante per jet attraverso F24. Ci aspettiamo che il nostro CASK ex-fuel in F24 torni ai livelli pre-COVID.

Più in generale, continuiamo a vedere prove di un solido contesto tariffario, poiché le tariffe medie (biglietti combinati e accessori) sono scambiate al di sopra dei livelli del 2019 e del 2022. Mentre ci avviciniamo alla fine di gennaio, stiamo assistendo a volumi di prenotazioni in arrivo prima del 2022, il che è in linea con le aspettative. Rimaniamo ottimisti e manteniamo la nostra guidance RASK per H2 F23 a una cifra media superiore allo stesso periodo del 2019.

Rimaniamo sulla buona strada per operare con una capacità superiore del +35% rispetto a H2 F20 (normalizzata per l’impatto COVID-19 a febbraio-marzo 2020). Per H1 F24 la crescita ASK prevista è +30% rispetto al 2023 (e +65% rispetto al 2019). Come per il terzo trimestre, ci aspettiamo di vedere un contributo ASK leggermente maggiore dalle rotte più lunghe, collegando località in Medio e Vicino Oriente, poiché questa regione continua ad attrarre un volume maggiore di passeggeri nei mesi a venire. Ciò dovrebbe anche essere di buon auspicio per migliori opportunità di prezzo.

Recentemente, abbiamo anche visto migliorare i fattori di carico, in particolare novembre, ma anche durante dicembre, nonostante l’impatto del traffico direzionale distorto, che è caratteristico in questo periodo. Prevediamo che il divario del fattore di carico continuerà a ridursi rispetto al 2019 nei prossimi trimestri, man mano che i nostri recenti investimenti di rete inizieranno a maturare.

Continuiamo ad aspettarci una perdita netta complessiva nell’F23, ma rimaniamo fiduciosi che l’F24 sarà redditizio (soggetto a nessuna pandemia avversa o eventi geopolitici). Siamo pronti a tornare ai livelli di utilizzo pre-COVID-19 e a schierare una flotta di c.185+ degli aeromobili narrowbody più efficienti questa estate, attraverso una rete più diversificata e con una forza lavoro altamente impegnata di oltre 7.000 professionisti dell’aviazione, senza i quali ciò non sarebbe possibile”.

Q3 Revisione finanziaria

Nel terzo trimestre, Wizz Air ha trasportato 12,4 milioni di passeggeri, con un aumento del 59,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e ha generato ricavi per 911,7 milioni di euro, il 123,2% in più rispetto allo scorso anno. Queste tariffe si confrontano con l’aumento della capacità misurato in termini di ASK del 48,6% e del 40,5% in termini di posti. Il load factor è aumentato dal 77,1% all’87,3%. L’utile netto riportato per il terzo trimestre è stato di € 33,5 milioni, rispetto a una perdita di € 267,5 milioni nello stesso periodo di F22.

Prospetto riepilogativo dei redditi complessivi (non sottoposto a revisione contabile)

 2022milioni di euro 2021milioni di euro  variazione
Entrate dei biglietti passeggeri464.7162.3186.3%
Entrate accessorie447.0246.081.7%
Entrate totali911.7408.4123.2%
Costi del personale(99.0)(61.8)60.2%
Costi del carburante (comprese le spese straordinarie)(490.6)(204.3)140.1%
Distribuzione e commercializzazione(25.4)(11.7)117.1%
Materiali di manutenzione e riparazioni(53.6)(59.6)(10.1%)
Spese aeroportuali, di gestione e di rotta(241.1)(155.3)55.2%
Ammortamenti(152.7)(126.0)21.2%
Altre spese nette(4.8)(3.2)50.0%
Totale spese operative(1,067.2)(621.9)71.6%
Perdita operativaComprendente:Spese operative escluse le spese straordinarieSpese straordinarie(155.5) (155.5)(213.6) (213.6)-(27.2%)   
Proventi finanziari5.90.6
Oneri finanziari(38.1)(22.1)
Utile/(perdita) netto su cambi224.2(31.1)
Proventi/(oneri) finanziari netti192.0(52.6)n.m.**
Utile/(perdita) prima delle imposte sul reddito36.4(266.1)n.m.**
Oneri fiscali sul reddito(3.0)(1.4)114.3%
Utile/(Perdita) del periodo33.5(267.5)n.m.**
Utile/(Perdita) del periodo attribuibile a:
Partecipazione di minoranza(4.7)(2.6)
Proprietari di Wizz Air Holdings Plc38.2(264.9)
Utile/(perdita) sottostante del periodo*33.5(267.5)n.m.**
Utile/(perdita) sottostante del periodo attribuibile a:
Partecipazione di minoranza(4.7)(2.6)
Proprietari di Wizz Air Holdings Plc38.2(264.9)

*    La perdita sottostante esclude le voci eccezionali, essendo l’impatto delle perdite di copertura classificate come cessate derivanti dall’impatto del COVID-19.

**  N.M.: Non significativo in quanto la varianza è superiore a (-)100%.

Ricavi

I ricavi da biglietti passeggeri sono aumentati del 186,3% a 464,7 milioni di euro e i ricavi accessori (o ricavi “non da biglietto”) sono aumentati dell’81,7% a 447,0 milioni di euro, trainati da una maggiore capacità operativa e da un fattore di carico più elevato rispetto al terzo trimestre dell’anno fiscale precedente. I ricavi totali per ASK (RASK) sono aumentati del 50,2% a 3,73 centesimi di euro da 2,49 centesimi di euro a causa della crescente domanda, dei prezzi dei biglietti più elevati e del 13,2% in più del fattore di carico.

I ricavi medi per passeggero sono aumentati a € 73,57 nel Q3 F23, il 40,3% in più rispetto al livello Q3 F22 di € 52,42. I ricavi medi dei biglietti per passeggero sono aumentati da € 20,84 nel Q3 F22 a € 37,50 nel Q3 F23 e i ricavi accessori medi per passeggero sono aumentati da € 31,51 nel Q3 F22 a € 36,04 nel Q3 F23, con un aumento del 14,4%.

Spese operative

I costi operativi sono aumentati del 71,6% a €1.067,2 milioni da €621,9 milioni del Q3 F22. L’aumento di capacità per lo stesso periodo in termini di ASK è stato del 48,6%. Il costo totale per ASK (“CASK”) è aumentato del 15,0% a 4,50 centesimi di euro nel terzo trimestre F23 da 3,92 centesimi di euro nel terzo trimestre F22. I costi variabili sono aumentati con l’aumento della capacità operativa, con conseguente aumento del personale, dell’aeroporto, della gestione e delle tariffe di rotta. Le altre spese nette sono aumentate a causa di diverse operazioni di finanziamento su aeromobili e motori di ricambio durante il trimestre fiscale.

I costi del personale sono aumentati del 60,2% a 99,0 milioni di euro nel terzo trimestre F23 da 61,8 milioni di euro nel terzo trimestre F22, poiché la società ha continuato le sue iniziative di assunzione e formazione.

Le spese per il carburante sono aumentate del 140,1% a 490,6 milioni di euro nel terzo trimestre F23 da 204,3 milioni di euro nello stesso periodo di F22. L’aumento riflette la maggiore capacità operativa nel periodo e l’aumento dei prezzi del 40,7% (escludendo l’impatto di copertura e il premio in piano) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il prezzo medio del carburante (incluso l’impatto di copertura ed escluso il premio in aereo) pagato da Wizz Air durante il terzo trimestre è stato di 1.088,9 dollari per tonnellata, con un aumento del 51,7% rispetto ai 717,9 dollari dello stesso periodo dell’F22.

I costi di distribuzione e marketing sono aumentati del 117,1% nel terzo trimestre F23 a €25,4 milioni da €11,7 milioni nel Q3 F22.

I costi di manutenzione, materiali e riparazione sono diminuiti del 10,1% a 53,6 milioni di euro nel terzo trimestre F23 rispetto ai 59,6 milioni di euro del terzo trimestre F22.

Le tariffe aeroportuali, di handling e di rotta sono aumentate del 55,2% a 241,1 milioni di euro nel terzo trimestre di F23 rispetto a 155,3 milioni di euro nello stesso trimestre dell’anno fiscale precedente.

Gli ammortamenti aumentano del 21,2% nel terzo trimestre a 152,7 milioni di euro, rispetto ai 126,0 milioni di euro dello stesso periodo di F22. Questo è il risultato dell’aumento della flotta e del maggiore utilizzo degli aeromobili, raggiungendo una media di 10:31 ore di blocco per aeromobile per il terzo trimestre fiscale.

Gli altri oneri ammontano a 4,8 milioni di euro nel terzo trimestre, rispetto ai 3,2 milioni di euro dello stesso periodo dello scorso esercizio.

I proventi finanziari sono stati pari a 5,9 milioni di euro nel terzo trimestre, rispetto ai 0,6 milioni di euro dello stesso periodo dello scorso esercizio.

Gli oneri finanziari ammontano a €38,1 milioni nel Q3 F23 rispetto a €22,1 milioni nel Q3 F22.

Il guadagno netto su cambi è stato pari a €224,2 milioni nel Q3 F23, rispetto a una perdita di €31,1 milioni nel Q3 F22. La variazione è trainata principalmente da guadagni sui cambi non realizzati, poiché l’EUR si è rafforzato rispetto all’USD.

Gli oneri fiscali sono stati pari a 3,0 milioni di euro (Q3 F22: 1,4 milioni di euro) riflettendo principalmente l’imposta locale sulle imprese e l’imposta sull’innovazione in Ungheria.

La perdita netta dei nove mesi chiusi al 31 dicembre 2022 è stata pari a 350,8 euro rispetto ai 388,4 euro dello stesso periodo di F22.