easyJet

easyJet non disposta a trattare, sciopero in Spagna confermato

Tempo di lettura 2 minuti

E’ confermato lo sciopero dei dipendenti easyJet delle tre basi spagnole di Barcellona, Malaga e Palma nelle giornate del 15-16-17 luglio, nessun progresso tra il sindacato USO e easyJet.

“Ci siamo trovati ancora una volta con un atteggiamento di blocco e chiusura da parte della società, che si rifiuta di inviarci nuove proposte o di fornirci feedback.” Ha dichiarato a Wetravel Miguel Galán, segretario generale dell’USO di EasyJet Malaga.

Miguel ci sono stati progressi con le negoziazioni con easyJet? Non ci sono progressi nelle nostre negoziazioni con easyJet. Dopo aver elaborato due nuove proposte economiche con punti/articoli diversi che ci permettessero di avvicinare la nostra retribuzione a quella dei colleghi delle altre basi europee, quindi l’aumento del salario minimo garantito e aver mostrato la nostra disponibilità al dialogo su questi articoli, ci siamo trovati ancora una volta con un atteggiamento di blocco e chiusura da parte della società, che si rifiuta di inviarci nuove proposte o di fornirci feedback.

Mi sembra di capire che easyJet non abbia quindi alcuna intenzione di avere un dialogo costruttivo con voi. “L’atteggiamento dell’attuale negoziatore non facilita affatto il processo, con una totale mancanza di empatia per le nostre argomentazioni, con affermazioni molto serie come “easyJet è molto soddisfatta dell’attuale contratto collettivo” e una totale mancanza di rispetto, sorridendo il nostro smarrimento. easyJet è rimasta molto turbata dalle nostre comunicazioni con i media e dal fatto che abbiamo indetto uno sciopero, tuttavia è impossibile capire perché easyJet continua a dire ai media che desiderano negoziare ma in pratica si rifiutano di parlare e negoziare non lasciandoci scelta per continuare lo sciopero.

Quindi confermi le prossime tre giornate dello sciopero? “Sì, purtroppo, poiché il dialogo e i negoziati non sono fruttuosi, non abbiamo altra scelta che continuare con i nostri prossimi giorni di sciopero, dal 15 al 17. EasyJet non è disposta a discutere alcuna proposta con noi a questo punto.

Qual è l’umore dei tuoi colleghi?L’equipaggio di cabina easyJet con sede in Spagna è molto deluso dall’atteggiamento della compagnia durante le trattative. Avevano grandi speranze per il nostro management e, dopo aver consultato con loro le diverse proposte economiche che sono state inviate all’azienda, erano fiduciosi che si potesse raggiungere un accordo ragionevole ed equo.“

“Ancora una volta sentono di essere trattati come manodopera a basso costo, facilmente sostituibile, il gradino più basso della scala easyJet in Europa e il loro livello di indignazione e rabbia cresce di giorno in giorno” ha aggiunto Miguel Galán, segretario generale dell’USO di EasyJet Malaga, che conclude: “non permetteremo all’azienda di continuare a trattarci in questo modo e lotteremo per ciò che è giusto e ragionevole con tutti i mezzi a nostra disposizione.”

Nota easyJet

easyjet ha inviato a WEtravel la seguente nota: “Siamo delusi da questa azione in questo momento critico per il settore, soprattutto perché stiamo facendo notevoli progressi nei negoziati verso un nuovo CLA, e speriamo che USO si impegni nuovamente con easyJet. Abbiamo anche offerto un aumento di stipendio a partire dal 23 gennaio ma l’offerta è stata rifiutata. Vorremmo continuare il dialogo costruttivo con loro.”