Airbus

Consegnato a JetBlue l’Airbus A220 numero 220

Tempo di lettura 3 minuti

Airbus celebra questa settimana la 220° consegna dell’A220 sei anni dopo la sua entrata in servizio, il cliente è JetBlue.

L’airbus A220 ha finora trasportato 60 milioni di passeggeri in più di 700 rotte, sono oltre 760 ordini in portafoglio. Una rapida crescita che evidenzia la svolta dell’A220 nel mercato delle piccole corsie a corridoio singolo. 

Il 220° A220 nella versione più grande (300) è stato recentemente consegnato a JetBlue, il più grande cliente di A220 con 100 A220 ordinati e già 10 in servizio, attualmente però il cliente con più A220 in flotta è AirBaltic con oltre 30. 

Al di là di un simbolo, il 220° A220 segna un’importante pietra miliare per Airbus e la sua famiglia di successo a corridoio singolo sei anni dopo che il primo aeromobile, un CSeries 100/300 Bombardier, così si chiamava l’A220 prima dell’acquisto del progetto da Airbus, è stato consegnato all’operatore di lancio del programma SWISS International Air Lines. 

Un aereo rivoluzionario per l’operatore

Sei anni dopo, l’A220 continua ad attrarre operatori e passeggeri, l’acquisto del progetto da parte di Airbus che ne ha cambiato nome e continua a produrlo anche negli storici stabilimenti ex-Bombardier di Mirabel in Canada ne ha aumentato ordini e consegne.

L’Airbus A220 offre un’elevata flessibilità – da 30 minuti a sette ore di volo ed efficienza con il 25% in meno di consumo di carburante ed emissioni di CO2 e il 50% in meno di impronta acustica rispetto agli aeromobili della generazione precedente. 

E molte compagnie aeree in tutto il mondo, tra cui airBaltic, Air Canada, Air France e JetBlue, hanno scelto l’A220 per raggiungere i propri obiettivi ambientali, come parte di uno sforzo collettivo per guidare il viaggio di de-carbonizzazione dell’industria aerospaziale. 

Ad oggi, la Famiglia A220 vola con orgoglio nelle livree di oltre 15 compagnie aeree su oltre 700 rotte e 300 destinazioni in tutto il mondo.

 Aprire nuovi orizzonti per i passeggeri

Negli ultimi sei anni, l’A220 è stato in grado di sbloccare numerose rotte per passeggeri dal Nord America all’Asia Pacifico, Africa ed Europa, collegando circa 60 milioni di passeggeri che hanno goduto di una cabina luminosa con grandi finestrini panoramici, sedili più ampi, offrendo loro un comfort superiore e spazio personale.

Nel continente nordamericano, dove ha sede e costruzione l’A220, compagnie aeree come JetBlue, Breeze Airways, Air Canada e Delta Air Lines si sono sempre concentrate sull’esperienza dei passeggeri e l’A220 si adatta perfettamente a questa filosofia offrendo un vero widebody comfort in un aeromobile a corridoio singolo. 

Questo è anche il caso in Europa con airBaltic, con sede in Lettonia, che ha pilotato un’esclusiva flotta di A220-300 dal 2020 e ha reso l’A220 la sua spina dorsale operativa offrendo ai passeggeri un’esperienza di volo unica. Negli Stati Uniti, l’A220 è anche molto apprezzato per fornire un servizio non-stop tra rotte poco servite a tariffe convenienti, offrendo voli point-to-point da aeroporti secondari più piccoli e bypassando gli hub per tempi di viaggio più brevi.

Soddisfare la crescente domanda

Con un portafoglio ordini di A220 più che raddoppiato dal 2018, Airbus sta espandendo la sua presenza industriale per supportare la crescente domanda di A220. 

Oltre alla linea di assemblaggio finale (FAL) con sede a Mirabel, in Canada, nel gennaio 2019 Airbus ha esteso la sua capacità di assemblaggio dell’A220 all’A320 FAL con sede negli Stati Uniti situato a Mobile, in Alabama.

Più recentemente, Mirabel ha accolto con favore un’ulteriore linea di pre-assemblaggio, diventando il primo Airbus pre-FAL situato al di fuori dell’Europa. 

Questa espansione consentirà ad Airbus di più che raddoppiare gli attuali tassi di produzione di A220 a 14 aeromobili al mese entro la metà di questo decennio e di soddisfare un fabbisogno di mercato stimato in almeno 7.000 aeromobili nei prossimi 20 anni, in particolare a causa dell’attuale accelerazione in esigenze di sostituzione della flotta aerea obsoleta. L’A220 è decollato ed è sulla buona strada per il grande successo,