Fraport

Lufthansa, Fraport, aeroporto Monaco chiedono politica climatica efficace equa

Tempo di lettura 2 minuti

Nel suo programma di protezione del clima “Fit for 55“, la Commissione Europea propone tre strumenti per l’aviazione: l’introduzione di una tassa sul kerosene, un inasprimento dello scambio di emissioni (ETS) e l’introduzione di una quota crescente per i combustibili sostenibili (Sustainable Aviation Fuels = SAF) ed entro il 2050, il traffico aereo dovrebbe diventare Carbon-Neutral.

Il Gruppo Lufthansa, Fraport e Flughafen München GmbH sostengono gli ambiziosi obiettivi di protezione del clima dell’Unione Europea. Tutte e tre le società perseguono un chiaro programma di protezione del clima e stanno investendo molto nella decarbonizzazione delle loro operazioni, ma chiedono una politica climatica che assicuri una concorrenza leale con i concorrenti al di fuori dell’Europa e prevenga lo spostamento del traffico e delle emissioni di CO2 senza alcun beneficio per il clima (rilocalizzazione delle emissioni di carbonio).

Lo hanno spiegato Jost Lammers, CEO di Flughafen München GmbH, il Dr. Stefan Schulte, presidente del consiglio di amministrazione di Fraport AG, e Carsten Spohr, presidente del consiglio di amministrazione di Deutsche Lufthansa AG, in una conferenza stampa congiunta a Francoforte. 

Se gli attuali piani Fit for 55 venissero implementati senza correzioni, ciò comporterebbe aumenti unilaterali dei costi per le compagnie aeree e gli hub della rete europea. Connettività, valore aggiunto e occupazione in Europa sarebbero notevolmente indeboliti.

Lufthansa, Fraport e l’aeroporto di Monaco si appellano quindi al Parlamento e al Consiglio europeo affinché migliorino le proposte della Commissione europea e avviino una regolamentazione che promuova un’efficace protezione del clima garantendo nel contempo la competitività degli hub e delle compagnie aeree europee. 

La parità di trattamento tra le compagnie aeree e gli aeroporti all’interno dell’UE ei loro concorrenti al di fuori dell’UE è fondamentale. Finora, questo equilibrio è mancato. Perché i requisiti di protezione del clima proposti sono significativamente più severi per le compagnie aeree e gli hub nell’UE rispetto ai concorrenti non europei.

Carsten Spohr, CEO di Deutsche Lufthansa AG , afferma: “Non può essere nell’interesse dell’Europa e dell’UE mettere in svantaggio l’aviazione europea e indebolirla nella concorrenza internazionale con Fit for 55. Con le misure ora previste, le emissioni di CO 2 del traffico aereo verrebbero spostate e non ridotte. L’Europa diventerebbe più dipendente dai paesi terzi in termini di politica dei trasporti. Non si può desiderare politicamente“.

dott Stefan Schulte, CEO di Fraport AG , afferma: “Sì, abbiamo bisogno di più impegno e velocità nella protezione del clima! Non si tratta di “se” ma di “come” di una politica climatica ambiziosa. Tuttavia, vogliamo evitare il rischio di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e distorsioni della concorrenza, ovvero ottenere misure efficaci per il clima E mantenere la connettività e l’occupazione in Europa“.

Jost Lammers, CEO di Flughafen München GmbH , aggiunge: “Abbiamo bisogno di una politica climatica equa ed efficace che non metta le compagnie aeree europee in una posizione di svantaggio rispetto ai loro concorrenti. In quanto tassa pura, una tassa sul kerosene non fa risparmiare un grammo di CO 2 , ma lo scambio di emissioni e la quota SAF – attuati correttamente – sono strumenti efficaci per la desiderata decarbonizzazione del traffico aereo”.