Covid-19 Regno Unito UK

Regno Unito: Summer 2022, Slot al 70%

Tempo di lettura 2 minuti

Il Regno Unito ha deciso di modificare la soglia della regola “use it or lose it” degli slot aeroportuali al 70% per la prossima estate 2022, nel caso in cui per una determinata destinazione, causa Covid-19 vi sia una drastica riduzione della domanda, i vettori possono essere giustificati.

Il Regno Unito si è allineato alla scelta della Comunità Europea, che ha posto una soglia di poco inferiore: 64%, un importante differenza è la “flessibilità” che a causa del mutevole scenario in corso, potrebbe richiedere lo stop di rotte da aeroporti inglesi, verso specifiche destinazioni, in questo caso (l’Europa al momento non lo ha previsto o lo ha previsto con regole più rigide) il vettore non sarà costretto ad effettuare voli fantasma per non perdere i diritti sullo slot, ma sarà “giustificato“.

Nonostante questa flessibilità i vettori inglesi non hanno accolto favorevolmente la decisione del governo inglese, illustrata ieri dal ministro dell’aviazione britannica.

Gli aeroporti al contrario hanno accolto favorevolmente la decisione.

Questa soglia e la modalità di esonero in casi specifici, è stata decisa per sostenere ulteriormente la ripresa del traffico aereo e quindi del settore, in previsione di un stagione estiva che potrebbe tornare ai livelli del 2019, nella giornata di ieri, Johan Lundgren CEO di easyJet, commentando la decisione del governo di eliminare dal giorno 11 febbraio l’obbligo di tampone entro il secondo giorno per chiunque arrivi nel Regno Unito, ne è sicuro.

E’ necessario infatti bilanciare un supporto continuo per le finanze del settore aeronautico, fornendo alle compagnie aeree una flessibilità sufficiente per adattarsi alle mutevoli restrizioni e preoccupazioni relative alle nuove varianti, assicurando al contempo che gli slot vengano utilizzati dove la domanda lo consente.

L’elenco delle situazioni in cui le compagnie aeree possono rivendicare la giustificazione per non utilizzare le loro bande orarie viene ulteriormente ampliato, coprirà le situazioni in cui le restrizioni relative al COVID-19 alle due estremità di un percorso si traducono in una grave riduzione della domanda, come ad esempio, se un paese richiede la quarantena in hotel o chiude hotel o ristoranti a causa del COVID-19. 

Tuttavia, per la stagione estiva 2022, non sarà più necessario che la compagnia aerea dimostri che le misure erano imprevedibili.

La compagnia aerea potrà mantenere i propri diritti storici sugli slot anche se la domanda dei passeggeri non giustifica l’esecuzione del volo. 

Il segretario ai trasporti Grant Shapps ha dichiarato: “L’uscita dall’UE ci ha permesso di riprendere il controllo delle nostre regole sugli slot aeroportuali, offrendoci una maggiore flessibilità per bilanciare le esigenze della nostra magnifica industria aeronautica mentre affronta la pandemia. La proroga di oggi segna un passo indietro verso le normali regole, aiutando il settore a riprendersi e a crescere con il ritorno dei viaggi, proteggendolo da qualsiasi incertezza futura.”

Il ministro dell’aviazione Robert Courts ha dichiarato: “Dall’inizio della pandemia abbiamo fornito sollievo dalla regola di utilizzo degli slot per fornire stabilità finanziaria al settore e prevenire voli fantasma dannosi per l’ambiente.  Con il ritorno della domanda di voli, è giusto tornare gradualmente alle regole precedenti assicurandoci di continuare a fornire al settore il supporto di cui ha bisogno.”