Aviation UK

Regno Unito, nuovi fondi per riorganizzare lo spazio aereo

  • 2 anni fa
  • 4minuti

Il governo inglese ha autorizzato nuovi fondi per il recupero degli stakeholder dell’industria del trasporto aereo, con un obbiettivo sostenibile.

Ripensare lo spazio aereo del Regno Unito per creare percorsi più veloci e ridurre le emissioni, un ulteriore investimento di 3,7 milioni di sterline.

Il governo ha confermato che i viaggi in aereo più veloci, più silenziosi e più ecologici sono un passo più vicini oggi (21 gennaio 2022) grazie a un ulteriore investimento di 3,7 milioni di sterline nel ridisegno delle autostrade del Regno Unito nel cielo.

Il finanziamento sosterrà il programma per modernizzare dello spazio aereo del Regno Unito per la prima volta dagli anni ’50, aiutando l’industria aeronautica a riprendersi meglio dalla pandemia di COVID-19 e creare uno spazio aereo resiliente ed efficiente, adatto al futuro.

Supporterà gli aeroporti nello sviluppo di nuove rotte di volo più efficienti che utilizzino la tecnologia moderna, come la navigazione basata sulle prestazioni, che consentirà agli aeromobili di volare su rotte più precise.

I 3,7 milioni di sterline di oggi in nuovi finanziamenti portano il finanziamento totale a 9,2 milioni di sterline, dopo un primo round di investimenti nel marzo 2021 , e vengono forniti in via eccezionale mentre il settore si riprende dagli impatti della pandemia.

Il ministro dell’aviazione Robert Courts ha dichiarato: “Ridisegnando i nostri cieli, stiamo creando uno spazio aereo moderno nel Regno Unito che sia adatto alle generazioni future e renda i viaggi più veloci, più silenziosi e più ecologici. Questo finanziamento di 3,7 milioni di sterline sosterrà l’industria nell’ammodernamento del nostro spazio aereo, consentendo al settore dell’aviazione di continuare a crescere mentre ricostruiamo in modo più ecologico, riduciamo le emissioni di carbonio e realizziamo i nostri ambiziosi piani per raggiungere il net zero.

Mark Swan, capo dell’Airspace Change Organizing Group (ACOG), ha dichiarato: “L’annuncio del finanziamento di oggi consente all’industria di passare con sicurezza alla fase successiva della modernizzazione dello spazio aereo del Regno Unito. Questo programma è un progetto infrastrutturale nazionale fondamentale per il Regno Unito e porterà vantaggi in tutto il paese, dall’aumento dell’efficienza nelle rotte degli aerei al supporto dell’industria per raggiungere i suoi obiettivi netti zero. Con lo spazio aereo non aggiornato dagli anni ’50, rimane un programma atteso da tempo. Il finanziamento aggiuntivo di oggi mantiene lo slancio dietro il programma dopo la sua rimobilitazione e non vediamo l’ora del nostro continuo impegno con il governo, la CAA e gli sponsor del cambiamento dello spazio aereo nel fornire la modernizzazione dello spazio aereo per il paese.

Lo spazio aereo britannico ed in particolar modo il controllo e lo spazio aereo su Londra, ha causato notevoli ritardi, ritardi che non hanno come unica causa la congestione.

Lo spazio aereo britannico è costituito da una complessa rete di corridoi di volo che hanno avuto scarso sviluppo da quando sono state progettate 70 anni fa, nonostante l’aumento della domanda nel nostro spazio aereo da aerei commerciali a aerei privati, militari e droni.

La riprogettazione dello spazio aereo consentirà agli aeromobili di volare su rotte più dirette e precise, con percorsi di salita più rapidi e una ridotta necessità di schemi di attesa, riducendo fino a circa 600.000 tonnellate di CO2 all’anno, secondo le prime analisi.

Oltre al passaggio a velivoli best-in-class e operazioni aeronautiche più efficienti, la modernizzazione dello spazio aereo potrebbe contribuire a ridurre fino al 36% di CO2 entro il 2050.

I 3,7 milioni di sterline di oggi di finanziamento sosterranno gli aeroporti a continuare a progredire attraverso la seconda fase del processo di cambiamento dello spazio aereo, che prevede lo sviluppo e la valutazione di potenziali progetti per modifiche allo spazio aereo.

Nella fase successiva, gli aeroporti avvieranno consultazioni pubbliche sulle modifiche proposte allo spazio aereo.