11 september 2001 - 11 september 2021 #NeverForget Delta Airlines Delta

Delta: risultati Q4 e FY21

Tempo di lettura 3 minuti

Delta Air Lines (NYSE:DAL) ha riportato i risultati finanziari per il trimestre di dicembre e l’intero anno 2021 e ha fornito le sue prospettive per il trimestre di marzo 2022.

Il 2021 è stato un anno come nessun altro per Delta, con progressi significativi nella nostra ripresa supportati dalla crescente preferenza per il marchio, che ci ha consentito di essere l’unica grande compagnia aerea statunitense a fornire redditività nella seconda metà dell’anno“, ha affermato Ed Bastian, CEO di Delta “Come sempre, il nostro personale ha guidato questo successo, motivo per cui siamo stati felici di annunciare questa mattina un pagamento speciale di partecipazione agli utili per tutti i dipendenti idonei”.

Ed Bastian CEO di Delta

Sebbene la variante omicron in rapida diffusione abbia avuto un impatto significativo sui livelli di personale e interrotto i viaggi nel settore, l’attività di Delta si è stabilizzata nell’ultima settimana ed è tornata alle prestazioni pre-festività”, ha affermato Bastian. “Si prevede che Omicron ritarderà temporaneamente la ripresa della domanda di 60 giorni, ma mentre guardiamo oltre il picco, siamo fiduciosi in una forte stagione di viaggio primaverile ed estiva con una domanda significativa repressa per i viaggi di lavoro e di consumo”.

Dati chiave

  • Perdita GAAP ante imposte del trimestre di dicembre 2021 di 395 milioni di dollari, margine ante imposte del (4,2) percento e perdita per azione di 0,64 dollari su un fatturato operativo totale di 9,5 miliardi di dollari
  • Utile ante imposte rettificato del trimestre di dicembre 2021 di 170 milioni di dollari, margine ante imposte rettificato del 2,0% e utile rettificato per azione diluita di 0,22 dollari su ricavi operativi rettificati di 8,4 miliardi di dollari
  • Risultato ante imposte GAAP per l’intero anno 2021 di 398 milioni di dollari, su un fatturato operativo totale di 29,9 miliardi di dollari
  • Perdita ante imposte rettificata per l’intero anno 2021 di 3,4 miliardi di dollari su ricavi operativi rettificati di 26,7 miliardi di dollari

Risultati finanziati trimestre al 31 dicembre 2021

  • L’utile ante imposte rettificato di $ 170 milioni esclude un impatto netto di $ 564 milioni principalmente in perdite di metodo del patrimonio netto, aggiustamenti mark-to-market sugli investimenti e pagamento speciale di partecipazione agli utili
  • I ricavi operativi rettificati di $ 8,4 miliardi, che escluse le vendite di raffinerie di terze parti, sono stati recuperati del 74% rispetto al trimestre di dicembre 2019 su una capacità ripristinata del 79%
  • Le spese operative totali sono diminuite di $ 833 milioni rispetto al trimestre di dicembre 2019. Rettificate per i costi delle vendite di raffinerie di terze parti, le spese operative totali sono diminuite di $ 1,9 miliardi o del 19% nel trimestre di dicembre 2021 rispetto al periodo comparabile del 2019
  • La remunerazione di American Express nel trimestre è stata di 1,2 miliardi di dollari, in aumento dell’11% rispetto al trimestre di dicembre 2019
  • Alla fine del trimestre di dicembre, la società disponeva di 14,2 miliardi di dollari di liquidità, inclusi disponibilità liquide e mezzi equivalenti, investimenti a breve termine e linee di credito revolving non utilizzate

Risultati FY2021

  • La perdita ante imposte rettificata di 3,4 miliardi di dollari esclude un beneficio netto di 3,8 miliardi di dollari dalle voci relative principalmente ai programmi di sostegno al personale (PSP), parzialmente compensato dalle perdite del metodo del patrimonio netto, dalle spese di estinzione del debito e dal pagamento speciale di partecipazione agli utili
  • Ha generato un utile ante imposte di $ 1,1 miliardi nella seconda metà del 2021. Escludendo PSP, aggiustamenti mark-to-market, perdite del metodo di equità e oneri di estinzione del debito hanno registrato un utile ante imposte rettificato di $ 386 milioni nella seconda metà del 2021
  • I ricavi operativi rettificati di $ 26,7 miliardi, che escluse le vendite di raffinerie di terze parti, sono stati recuperati del 57% rispetto all’intero anno 2019 su una capacità ripristinata del 71%
  • Le spese operative totali, che includono $ 4,5 miliardi di benefici relativi a PSP, sono diminuite di $ 12,4 miliardi rispetto al 2019. Rettificati per i benefici relativi a PSP e i costi delle vendite di raffinerie di terze parti, i costi operativi totali rettificati sono diminuiti di $ 10,9 miliardi o del 27% rispetto al 2019
  • La remunerazione di American Express per l’intero anno 2021 è stata di $ 4,0 miliardi, ripristinata al 98% rispetto all’intero anno 2019
  • Investito di nuovo $ 2,9 miliardi nell’attività e ridotto gli obblighi finanziari di $ 7 miliardi, incluso il finanziamento completo dei piani pensionistici sulla base del Pension Protection Act (PPA)
  • La società aveva debiti totali e obbligazioni di locazione finanziaria di $ 26,9 miliardi con un debito netto rettificato di $ 20,6 miliardi alla fine di dicembre 2021

Leggi il comunicato stampa completo su  PRNewswire  o tramite  scaricalo da qui .

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017