Carburanti e BioFuel

ExxonMobil acquisisce una partecipazione in Biojet AS

Tempo di lettura 2 minuti

ExxonMobil sta espandendo i suoi interessi nei biocarburanti che possono aiutare a ridurre le emissioni di gas serra nel settore dei trasporti, acquisendo una partecipazione del 49,9% in Biojet AS, una società norvegese di biocarburanti che prevede di convertire i rifiuti forestali e edili a base di legno in rifiuti a basso consumo emissioni di biocarburanti e componenti di biocarburanti.

Biojet AS prevede di sviluppare fino a cinque impianti per la produzione di biocarburanti e componenti di biocarburanti. L’azienda prevede che la produzione commerciale inizi nel 2025 in uno stabilimento di produzione da costruire a Follum, in NorvegiaL’accordo consente a ExxonMobil di acquistare fino a 3 milioni di barili di prodotti all’anno, in base alla capacità potenziale di cinque strutture.

“L’accordo con Biojet AS fa avanzare gli sforzi di ExxonMobil per fornire prodotti a basse emissioni per il settore dei trasporti“, ha affermato Ian Carr, presidente di ExxonMobil Fuels and Lubricants Company. “Utilizzando il nostro accesso al terminal di Slagen, possiamo distribuire in modo efficiente biocarburanti in Norvegia e nei paesi dell’Europa nord-occidentale”.

I biocarburanti ei componenti dei biocarburanti possono soddisfare i requisiti per i carburanti avanzati secondo le normative norvegesi, dell’Unione europea e del Regno Unito. Secondo la Direttiva sull’energia rinnovabile dell’Unione Europea, i biocarburanti prodotti dai rifiuti di legno possono aiutare a ridurre le emissioni di gas serra del ciclo di vita dell’85% rispetto al diesel derivato dal petrolio.

Una volta prodotti, i biocarburanti di Biojet AS possono essere utilizzati per autovetture e autocarri pesanti. Ulteriori opportunità per il trasporto marittimo e l’aviazione possono svilupparsi con l’espansione del mercato dei biocarburanti a basse emissioni.

L’investimento in Biojet AS si basa sui continui sforzi di ExxonMobil per sviluppare e implementare soluzioni energetiche a basse emissioni. ExxonMobil ha fondato un’attività di soluzioni a basse emissioni di carbonio nel 2021 e sta attualmente valutando progetti di biocarburanti, cattura e stoccaggio del carbonio e idrogeno in tutto il mondo.

L’affiliata di maggioranza di ExxonMobil, Imperial Oil Ltd., sta portando avanti i piani per la produzione di diesel rinnovabile  in un nuovo complesso presso la sua raffineria di Strathcona, ed ExxonMobil ha ampliato il suo accordo  per l’acquisto annuale fino a 5 milioni di barili di diesel rinnovabile dalla bioraffineria di Global Clean Energy in California. Chimicamente simile al diesel a base di petrolio, il diesel rinnovabile e altri biocarburanti possono essere facilmente miscelati per l’uso nei motori oggi sul mercato.

Dal 2000, ExxonMobil ha investito oltre 10 miliardi di dollari per ricercare, sviluppare e implementare soluzioni energetiche a basse emissioni.

Translate