airBaltic

airBaltic aumenta l’uso di carburante per aviazione sostenibile

Tempo di lettura 2 minuti

La compagnia aerea lettone airBaltic nel 2021 ha aumentato l’uso di carburante per aviazione sostenibile (SAF) del 20% rispetto al 2020, in collaborazione con Neste e altri fornitori di carburante sulla rete airBaltic.

La collaborazione con Neste è iniziata di recente con il volo del 28 dicembre 2021, BT302 da Helsinki a Riga, volo alimentato con SAF miscelato al 37% di Neste MY Sustainable Aviation Fuel ™ .

Martin Gauss, amministratore delegato di airBaltic : “La nostra visione ci vede diventare un vettore sostenibile nel mercato dell’aviazione dell’UE. In airBaltic , crediamo che SAF giocherà un ruolo cruciale nel garantire il futuro dell’industria aeronautica e aiuterà tutte le persone coinvolte a ridurre il loro impatto sull’ambiente. Il nostro uso di SAF aumenterà ulteriormente nel 2022 e oltre”.

Neste MY Sustainable Aviation Fuel ™, riduce le emissioni di gas serra fino all’80%* rispetto all’uso di carburante fossile per aviazione convenzionale.

Tuomas Kulola, Head of Sales Marketing & Services, Neste : “ Neste si impegna ad aiutare l’industria aeronautica a raggiungere i suoi obiettivi climatici. Abbiamo sviluppato una soluzione drop-in che è prontamente disponibile e fornisce una soluzione immediata per ridurre le emissioni di gas serra del volo. Tutte le soluzioni sono necessarie e ogni passo è importante. Siamo felici di supportare airBaltic per raggiungere i loro obiettivi di riduzione delle emissioni”.

La gestione ambientale di airBaltic si basa sul principio del miglioramento continuo e sistematico. Ha identificato gli aspetti ambientali chiave delle sue operazioni, i loro impatti, i rischi e le opportunità coinvolti e ha fissato obiettivi relativi ad essi.

airBaltic ha una flotta di 32 Airbus A220-300 , che al momento è l’aereo commerciale più ecologico al mondo, in quanto è il primo aereo ad avere una dichiarazione trasparente dell’impatto ambientale del ciclo di vita, contribuendo a ridurre Emissioni di CO2 e NOX rispettivamente del 20% e del 50%.

* Calcolato con metodologie consolidate di valutazione del ciclo di vita (LCA), come la metodologia CORSIA.