Treni

Il treno della Dolce Vita

Tempo di lettura 2 minuti

A dar vita al “treno della dolce vita” una partnership tra il gruppo francese leader dell’ospitalità Accor, che detiene il controllo dello storico marchio “Orient Express“, Trenitalia e Arsenale S.p.A. che ha firmato il progetto.

Dopo 150 anni dall’idea Georges Nagelmackers, che diede vita al primo treno di lusso, l’Orient Express, prende il via un nuovo progetto del lusso su rotaia, dove l’Italia torna ad essere protagonista, la prima corsa è prevista nel 2023.

Il treno della Dolce Vita porterà i turisti con un alto potere di spesa, alla scoperta degli angoli più suggestivi e nascosti dell’Italia, attraverso antiche tratte ferroviarie e una forma di turismo d’antan, al di fuori dei ritmi dell’Alta Velocità e delle linee commerciali.

Trenitalia è parte del progetto, il direttore generale di Trenitalia Luigi Corradi:sarà un mezzo sicuro ed ecosostenibile – spiega – per riscoprire i luoghi più affascinanti e nascosti della penisola: il treno della Dolce Vita è un progetto che porterà sulle rotaie una nuova forma di turismo slow per valorizzare le bellezze del nostro paese dalle città d’arte alla piccola provincia”.

Stephen Alden, CEO Raffles e Orient Express (Gruppo Accor) in un intervista ha dichiarato: “È un privilegio poter far rinascere il marchio Orient Express, riportando in vita il suo raffinato spirito nomade per una nuova generazione di viaggiatori. Il percorso originale del treno fu innovativo per il modo in cui riunì le culture – l’Occidente con l’Oriente, la storia con la modernità. Come “artigiani del viaggio”, faremo rivivere questa esperienza vecchio stile “verso l’altrove”, basata su un simile insieme di paradossi: un viaggio e una destinazione, stupore e ispirazione, movimento e contemplazione. Con panorami spettacolari e diverse culture regionali come sfondo, siamo certi che gli ospiti troveranno l’esperienza dell’Orient Express in Italia davvero indimenticabile”.

Saranno 5 i treni che percorreranno le linee italiane e straniere per Parigi, Instabul e Spalato, il treno sarà composto da 11 carrozze, 20 suite, 12 cabine deluxe e potrà trasportare 64 passeggeri.

La Dolce Vita darà una seconda vita a carrozze in disuso, che verrano restaurate, ripristinate ed allestite da Arsenale.

Il design del treno si ispirerà alla tradizione italiana, sposando l’epoca d’oro del design italiano con uno spirito di viaggio più contemporaneo, ispirandosi alle influenze dei grandi maestri del design italiano degli anni ‘60 e ‘70. La livrea e gli arredi interni sono progettati da Dimorestudio, lo studio internazionale di architettura e design fondato da Emiliano Salci e Britt Moran nel 2003.

Arsenale S.p.A.

Il progetto è di Arsenale S.p.A.  “È un grande onore e privilegio lavorare con Orient Express, uno dei marchi del lusso più prestigiosi al mondo”, ha commentato Paolo Barletta, CEO di Arsenale S.p.A. “Sancisce un nuovo ed importante risultato per i nostri treni della Dolce Vita. Un attestato di stima e fiducia che permette di aggiungere un nuovo tassello legato all’offerta turistica del nostro Paese. Desideriamo portare i viaggiatori lungo itinerari nuovi, luoghi in cui la resilienza del Made in Italy creerà esperienze dedicate ed un calore autenticamente nostrano. Il viaggio stesso diventa la meta e l’Italia non sarà mai stata così vicina e sensazionale”.

Il-Treno_della_Dolce_Vita