sustainable aviation

Il progetto britannico per un nuovo aereo a idrogeno…

Tempo di lettura 3 minuti

Il concept è stato presentato oggi (6 dicembre 2021) dall’Aerospace Technology Institute ( ATI ) in vista della quarta riunione del Jet Zero Council , presieduto dal Segretario ai Trasporti.

Il progetto FlyZero, guidato dal ATI e finanziato dal governo, ha sviluppato un concept per un aeromobile alimentato da idrogeno liquido. È in grado di trasportare 279 passeggeri nel lungo raggio.

Si potrebbe operare un volo senza scalo a zero emissioni di carbonio tra Londra e San Francisco, o da Londra ad Auckland, in Nuova Zelanda, con un solo scalo tecnico.

Il progetto si basa sui progressi già raggiunti dal Jet Zero Council, una partnership tra industria e governo con l’obiettivo di fornire voli transatlantici a emissioni zero entro una generazione.

Il consiglio si riunirà oggi per la quarta volta, in vista della Giornata internazionale dell’aviazione civile il 7 dicembre.

Il segretario ai trasporti Grant Shapps ha dichiarato: “Mentre ricostruiamo in modo più ecologico, è fondamentale porre la sostenibilità al centro della ripresa dell’industria aeronautica da COVID-19. Questo progetto pionieristico per un aereo alimentato a idrogeno liquido, guidato da un’organizzazione britannica, ci avvicina di un passo a un futuro in cui le persone possono continuare a viaggiare e connettersi ma senza l’impronta di carbonio. Continuerò a lavorare a stretto contatto con il Jet Zero Council per sostenere la ricerca leader mondiale del Regno Unito in questo settore, che creerà posti di lavoro verdi, ci aiuterà a raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi net zero e guiderà la transizione globale verso l’aviazione net zero.”

Il segretario del commercio Kwasi Kwarteng ha dichiarato: “Questi progetti potrebbero definire il futuro dell’aerospazio e dell’aviazione. Lavorando con l’industria, stiamo dimostrando che un volo veramente privo di emissioni di carbonio potrebbe essere possibile con l’idrogeno in prima linea per sostituire i combustibili fossili convenzionali. Rifornire gli aerei in modo sostenibile consentirà al pubblico di viaggiare come facciamo ora, ma in un modo che non danneggi il pianeta. Non solo ci aiuterà a porre fine al nostro contributo al cambiamento climatico, ma rappresenta anche un’enorme opportunità industriale per il Regno Unito.”

Emma Gilthorpe, CEO di Jet Zero Council , ha dichiarato: “La ricerca pionieristica dell’Aerospace Technology Institute mette in evidenza il potenziale dell’idrogeno nella realizzazione di una connettività globale a zero emissioni di carbonio. Questa rivoluzionaria tecnologia ecologica sembra destinata a svolgere un ruolo fondamentale nella decarbonizzazione del volo e, attraverso il lavoro del Jet Zero Council, il settore dell’aviazione del Regno Unito sta esplorando tutte le strade per garantire la protezione dei vantaggi del volo per le generazioni future riducendo al contempo il costo del carbonio .”

Chris Gear, direttore del progetto FlyZero, ha dichiarato: “In un momento di attenzione globale per affrontare il cambiamento climatico, il nostro concetto di medie dimensioni definisce una visione davvero rivoluzionaria per il futuro dei viaggi aerei globali mantenendo famiglie, aziende e nazioni connesse senza l’impronta di carbonio. Questa nuova alba per l’aviazione porta con sé opportunità reali per il settore aerospaziale del Regno Unito di assicurarsi quote di mercato, posti di lavoro altamente qualificati e investimenti interni, contribuendo nel contempo a rispettare gli impegni del Regno Unito per combattere il cambiamento climatico.”

SAF

Un’altra tecnologia con il potenziale per decarbonizzare il volo è il carburante per aviazione sostenibile SAF, un carburante a basse emissioni di carbonio ottenuto da materiali di scarto.

All’inizio di quest’anno, il governo del Regno Unito ha espresso la sua ambizione di diventare un leader mondiale nella produzione di carburante per aviazione sostenibile, lanciando il concorso Green Fuel, Green Skies da 15 milioni di sterline per supportare lo sviluppo iniziale di strutture pionieristiche del Regno Unito che lavorano per trasformare i rifiuti quotidiani in carburante per jet.

I vincitori finalisti , 8 progetti guidati dall’industria che riceveranno una quota del finanziamento di 15 milioni di sterline, hanno ora ricevuto la conferma degli accordi di finanziamento definitivi dal Dipartimento dei trasporti.

L’annuncio di oggi arriva poco dopo la conferenza sul clima COP26 di Glasgow, che ha visto nuovi ambiziosi impegni internazionali per la decarbonizzazione dei trasporti, incluso l’ accordo di 24 paesi , che rappresentano circa la metà delle emissioni globali dell’aviazione, di lavorare insieme per raggiungere un nuovo obiettivo di decarbonizzazione dell’aviazione.