British Airways

Accordo produzione scala commerciale SAF per British Airways

Tempo di lettura 3 minuti

British Airways diventerà la prima compagnia aerea al mondo a utilizzare carburante per aviazione sostenibile prodotto su scala commerciale nel Regno Unito, dopo aver firmato un accordo con Phillips 66 Limited.

Migliaia di tonnellate di SAF saranno prodotte per la prima volta nel Regno Unito presso la Phillips 66 Humber Refinery vicino a Immingham e saranno fornite a British Airways per alimentare alcuni dei suoi voli dall’inizio del 2022.

L’accordo di fornitura tra British Airways e Phillips 66 Limited, una consociata interamente controllata della società di produzione e logistica diversificata di energia Phillips 66, anticipa gli impegni di entrambe le società per un futuro a basse emissioni di carbonio.

La compagnia aerea, che punta a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, acquisterà abbastanza carburante sostenibile per ridurre le emissioni di CO2 del ciclo di vita di quasi 100.000 tonnellate, l’equivalente di 700 voli a zero emissioni di CO2 nette tra Londra e New York sul suo Boeing a basso consumo di carburante 787 aerei.

SAF

Il SAF sarà prodotto da materie prime di scarto sostenibili presso la raffineria di Humber, che consegnerà la sua fornitura di SAF a British Airways tramite l’infrastruttura di gasdotti esistente che alimenta direttamente gli aeroporti del Regno Unito.

Sean Doyle, presidente e amministratore delegato di British Airways, ha dichiarato: “Questo accordo segna un altro passo importante nel nostro viaggio verso zero emissioni nette di carbonio e fa parte del nostro impegno, come parte di International Airlines Group, di alimentare il 10% dei voli con SAF entro il 2030. Il Regno Unito ha le risorse e le capacità per essere un leader globale nello sviluppo di SAF e l’aumento della produzione di SAF richiede un approccio veramente collaborativo tra industria e governo.

“Siamo entusiasti di sviluppare ulteriormente la nostra relazione con Phillips 66 Limited al fine di aumentare la capacità di produzione e utilizzare una gamma più ampia di materie prime di scarto sostenibili per fornire i nostri voli futuri. Lo sviluppo di carburanti sostenibili per l’aviazione è uno dei nostri obiettivi principali e fa parte del nostro impegno per raggiungere emissioni nette di carbonio zero entro il 2050 attraverso una serie di iniziative a breve, medio e lungo termine. “

International Airlines Group (IAG), sta investendo 400 milioni di dollari nei prossimi 20 anni nello sviluppo di SAF e British Airways ha partnership esistenti con una serie di società di tecnologia e carburante per sviluppare impianti SAF e acquistare il carburante. SAF può ridurre le emissioni di carbonio del ciclo di vita di oltre l’80% rispetto al tradizionale carburante per aerei che sostituisce.

Phillips 66 Limited

Il direttore generale della raffineria di Humber Darren Cunningham, capo esecutivo di Phillips 66 nel Regno Unito, ha affermato che l’annuncio riflette l’importanza che le industrie dell’aviazione e dell’energia stanno dando alla sostenibilità e al continuo sviluppo, adozione e potenziamento del carburante per aviazione sostenibile.

Il direttore generale della raffineria di Humber Darren Cunningham, capo esecutivo di Phillips 66 nel Regno Unito

“La raffineria di Humber è stata la prima nel Regno Unito a coprocessare gli oli usati per produrre combustibili rinnovabili e ora saremo i primi a produrre SAF su larga scala e siamo lieti che British Airways sia il nostro primo cliente nel Regno Unito”, ha affermato Cunningham.

“Attualmente stiamo raffinando quasi mezzo milione di litri di materie prime di scarto sostenibili al giorno, e questo è solo l’inizio. I mercati per i prodotti a basse emissioni di carbonio sono in crescita e questo accordo dimostra la nostra capacità di fornirli”.

L’anno scorso Phillips 66 Limited ha investito in modo significativo per espandere la sua produzione di combustibili da materie prime di scarto. L’investimento fa parte di un più ampio piano di transizione energetica per ridurre l’intensità di carbonio delle sue operazioni di raffineria e dei prodotti che supportano 1.000 posti di lavoro nella raffineria di Humber.

“Questo accordo con British Airways si allinea con la nostra strategia per creare una raffineria del futuro, dove produciamo combustibili dai rifiuti, essendo una parte fondamentale della catena di fornitura dei veicoli elettrici, riducendo l’intensità di carbonio dei nostri processi attraverso la cattura del carbonio e l’utilizzo l’idrogeno per alimentare la raffineria “, ha affermato Cunningham. “Garantisce attività a lungo termine in un mondo in continua evoluzione”.

Phillips 66 e British Airways supportano i piani del governo per un futuro mandato SAF e un modello di business per investire in progetti avanzati di rifiuti per il carburante dei jet attraverso la partecipazione al Jet Zero Council Delivery Group del Dipartimento dei trasporti, di cui British Airways e Phillips 66 Limited sono membri.

Translate