Covid-19 Stati Uniti USA

Da novembre gli Stati Uniti aprono ai vaccinati

Tempo di lettura < 1 minuto

Dal 1 novembre, anche i passeggeri vaccinati provenienti da Europa e Regno Unito, potranno tornare a viaggiare verso gli USA.

Le complesse procedure per i voli Covid-tested non saranno più necessarie, sarà sufficiente dimostrare all’imbarco e alla dogana degli Stati Uniti di aver completato il ciclo di vaccinazione.

L’ex presidente Trump aveva imposto un divieto di ingresso un anno e mezzo fa, dopo un inizio estate, in cui alcuni paesi permettevano l’ingresso dei viaggiatori statunitensi, in cui però non vi era reciprocità, si era riusciti ad ottenere solo la possibilità dei voli covid-tested, l’annuncio di ieri di Biden, riapre ufficialmente le porte degli Stati Uniti.

Le restrizioni verranno tolte anche per gli arrivi dalla Cina, Brasile e altri paesi dimostrando di aver completato il ciclo di vaccinazione e un test negativo effettuato nelle 72 ore precedenti alla partenza.

Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie chiederà alle compagnie aeree di raccogliere i numeri di telefono e gli indirizzi e-mail dei viaggiatori, per il sistema di tracciamento dei contatti, resteranno in contatto per alcuni giorni con i passeggeri via SMS per monitorarli in caso di eventuali sintomi. 

Le compagnie aeree tirano un respiro di sollievo, con un impennata delle prenotazioni, dopo un anno e mezzo, possono ripristinare almeno un parziale operativo verso gli Stati Uniti, per compagnie come British Airways, Iberia, ma anche la nuova Norse e Virgin Atlantic sono vitali, a differenza delle altre compagnie Europee con un network domestico o intra UE, hanno visto una ripresa molto

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017
1 COMMENTO
  • La Winter 2021 di Air France - WEtravel

    […] A seguito dell’annuncio della revoca delle restrizioni di viaggio per i viaggiatori vaccinati …, Air France aumenterà progressivamente la sua capacità da e per gli Stati Uniti, dove serve 11 destinazioni (New York JFK, Boston, Washington DC, Detroit, Atlanta, Chicago, Miami,Houston, Seattle, San Francisco e Los Angeles) con un massimo di 100 voli settimanali.  […]

I commenti sono chiusi