ITA

UE: con ITA garantita discontinuità economica

Tempo di lettura 3 minuti

ITA ha l’ok della Commissione Europea, il nuovo vettore aereo non è il successore economico di Alitalia, i conferimenti di capitale dell’Italia in ITA sono conformi al mercato

La Commissione Europea ha accertato che Italia Trasporto Aereo SpA (“ITA”) non è il successore economico di Alitalia e, quindi, non è tenuta a rimborsare gli aiuti di Stato illegali ricevuti da Alitalia. Ha inoltre rilevato che gli apporti di capitale dell’Italia di 1,35 miliardi di euro nella nuova società sono in linea con le condizioni di mercato e pertanto non costituiscono aiuti di Stato ai sensi delle norme dell’UE.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager , responsabile della politica della concorrenza, ha dichiarato: “L’Italia ha dimostrato che c’è una netta rottura tra Alitalia e la nuova compagnia aerea ITA, e che il suo investimento in ITA è in linea con i termini che un investitore privato avrebbe accettato. Una volta che ITA decolla, spetta all’Italia e al management di ITA sfruttare questa opportunità una volta per tutte. E continueremo a fare la nostra parte per garantire una concorrenza leale nel settore dell’aviazione europea”.

Discontinuità economica

Nel 2020, l’Italia ha istituito un nuovo vettore aereo, ITA, che prevede di rilevare parte delle attività e dei relativi diritti di Alitalia. In una decisione separata odierna, la Commissione ha concluso che due prestiti statali per un importo di 900 milioni di euro, concessi dall’Italia ad Alitalia nel 2017, sono illegali ai sensi delle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato.

La normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato prevede che una nuova società che acquisisce beni di un’altra società non è responsabile per gli aiuti ricevuti in passato dal venditore, se le due società sono sufficientemente diverse l’una dall’altra – in altre parole, se esiste una “discontinuità economica” tra il due società. Ai sensi della normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato, la “discontinuità economica” è valutata sulla base di una serie di criteri stabiliti dai tribunali dell’Unione, quali l’entità dei beni trasferiti e la logica economica dell’operazione.

La Commissione ha concluso che, in base al piano dell’Italia per la nuova società e alle condizioni alle quali alcune attività saranno trasferite da Alitalia a ITA, esiste una discontinuità economica tra Alitalia e ITA. Di conseguenza, ITA non sarà responsabile per i 900 milioni di euro, oltre agli interessi, che Alitalia dovrà restituire all’Italia a seguito della separata decisione odierna della Commissione.

Il piano ideato dall’Italia prevede una serie di elementi per garantire la discontinuità economica tra le due società:

  1. Per quanto riguarda l’ aviazione , ITA avrà un perimetro di attività notevolmente ridotto. Opererà meno della metà della flotta di aeromobili di Alitalia. Si concentrerà sulle rotte redditizie e ridurrà quelle in perdita. L’Italia si è inoltre impegnata a utilizzare solo un numero di slot di decollo e atterraggio di Alitalia commisurato alla sua capacità di volo.
  2. ITA potrà rilevare solo parti limitate delle attività di movimentazione e manutenzione di Alitalia . Queste attività saranno vendute mediante gare d’appalto aperte, trasparenti, non discriminatorie e incondizionate. In particolare, ITA potrà concorrere solo per una quota di maggioranza nelle attività di assistenza a terra presso l’aeroporto di Roma Fiumicino e potrà concorrere solo per una quota di minoranza nel ramo d’azienda manutenzione di Alitalia.
  3. Il marchio Alitalia sarà venduto con una gara aperta, trasparente, non discriminatoria e incondizionata al miglior offerente. ITA potrà presentare offerte in concorrenza con altri offerenti.
  4. Il programma fedeltà MilleMiglia di Alitalia sarà venduto con una gara aperta, trasparente, non discriminatoria e incondizionata, alla quale ITA non potrà partecipare. Questo per evitare trasferimenti diretti di clienti tra le due società.

Allo stesso modo, ITA non rileverà nemmeno i biglietti prepagati che i passeggeri hanno già acquistato da Alitalia. A questo proposito, per evitare un impatto negativo sui passeggeri e garantire che rimangano protetti, l’Italia ha accettato di rimborsare i biglietti prepagati che Alitalia non avrà onorato al momento della cessazione delle sue attività.

  1. Rispetto ad Alitalia, ITA avrà una struttura dei costi più sostenibile, in termini di flotta e contratti di lavoro . Assumerà dal mercato un numero significativamente ridotto di personale, anche da Alitalia, ma con nuovi contratti di lavoro, a condizioni di mercato. Modernizzerà inoltre la sua flotta attraverso la digitalizzazione e velivoli a basso consumo di carburante di nuova generazione.
  2. Gli obblighi di servizio pubblico (OSP) di Alitalia non saranno trasferiti ad ITA. I contratti PSO saranno aggiudicati sulla base di gare d’appalto aperte, trasparenti, non discriminatorie e incondizionate.
  3. ITA pagherà un prezzo di mercato per gli asset che acquisirà da Alitalia (direttamente o tramite gara).

Su tale base, la Commissione ha concluso che ITA sarà una società diversa da Alitalia e che esiste una discontinuità economica tra Alitalia e ITA. ITA non sarà quindi tenuta a rimborsare gli aiuti di Stato illegittimi ricevuti da Alitalia.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017