Delta

I dati dello studio di Delta sui voli covid-tested

Tempo di lettura 3 minuti

Il rischio di esposizione a COVID-19 durante il viaggio, dopo che tutti i passeggeri sono risultati negativi 72 ore prima del volo ,è inferiore allo 0,1 percento.

Questo è secondo uno studio unico che ha esaminato i dati dei clienti del mondo reale sui corridoi di volo testati dal COVID di Delta tra New York-JFK, Atlanta e Roma Fiumicino.

Lo studio peer-reviewed pubblicato su Mayo Clinic Proceedings, ha mostrato che un singolo test molecolare COVID-19 eseguito entro 72 ore dalla partenza potrebbe ridurre il tasso di persone infette attivamente a bordo di un aereo commerciale a un livello significativamente inferiore ai tassi di infezione della comunità attiva. Ad esempio, quando il tasso medio di infezione della comunità era dell’1,1 percento – o circa una persona su 100 – i tassi di infezione sui voli testati per COVID-19 erano dello 0,05 percento o 5 su 10.000 passeggeri. Il Dipartimento della Salute della Georgia e la Mayo Clinic hanno condotto lo studio in collaborazione con Delta.

“Per un po’ di tempo vivremo con le varianti del COVID-19. Questi dati del mondo reale, non modelli di simulazione, sono ciò che i governi di tutto il mondo possono utilizzare come modello per richiedere vaccinazioni e test invece delle quarantene per riaprire i confini per i viaggi internazionali”, ha spiegato il dott. Henry Ting, Chief Health Officer di Delta . “Il rischio del viaggio aereo varia a seconda dei tassi di casi e dei tassi di vaccinazione all’origine e alla destinazione, al mascheramento e ad altri fattori. Ma i dati raccolti da questo studio mostrano che l’uso di routine di un singolo test molecolare entro 72 ore prima del viaggio internazionale per individui non vaccinati riduce significativamente il rischio di esposizione e trasmissione di COVID-19 durante i viaggi in aereo“.

Lo studio è iniziato nel dicembre 2020 con il programma di test transatlantico COVID-19 che ha consentito l’ingresso in Italia senza quarantena e ha permesso ai team di rivedere e modellare varie strategie di test per fattibilità, tassi di falsi positivi e tassi di rilevamento dei casi. 

Ora sono disponibili i risultati di questo studio, che offrono informazioni uniche sui dati sul rischio di esposizione a SARS-CoV-2, sui tassi di infezione a bordo e mostrano la fattibilità di mettere in atto un protocollo di test con un impatto significativo.

Quando abbini il tasso di infezione estremamente basso a bordo di un volo testato per il COVID-19 con gli strati di protezione a bordo, tra cui il mascheramento obbligatorio e la filtrazione dell’aria di livello ospedaliero, il rischio di trasmissione è inferiore a uno su un milione tra gli Stati Uniti. e il Regno Unito, per esempio”, ha aggiunto il dott. Ting. “Questi numeri miglioreranno ulteriormente man mano che i tassi di vaccinazione aumenteranno e i nuovi casi diminuiranno in tutto il mondo”.

I punti dati chiave e le conclusioni dello studio, condotto da dicembre 2020 a maggio 2021, includono:

DatiConclusioni
Tra i 9.853 potenziali passeggeri sottoposti a test negli Stati Uniti, 4 (0,04%) sono risultati positivi sia all’antigene rapido che ai test molecolari di conferma.Durante il periodo di studio, il tasso medio di prevalenza dell’infezione nella comunità è stato stimato all’1,1%.Un singolo test molecolare eseguito entro 72 ore dalla partenza può ridurre il tasso di infezione attiva a bordo di un aereo commerciale a un livello di diversi ordini di grandezza inferiore ai tassi di infezione attiva della comunità. 
Gli individui che sono risultati positivi sia all’antigene rapido che ai test molecolari di conferma sono stati considerati veri positivi e non sono stati autorizzati a salire a bordo. Non ci sono stati test antigenici rapidi falsi positivi.Il rischio stimato di un test dell’antigene falso negativo è 0.00009.Una bassa resa di ulteriori test rapidi dell’antigene in aeroporto suggerisce che è improbabile che ulteriori test aggiungano sicurezza insieme ad altri sforzi di mitigazione (ad es. mascheramento), soprattutto perché i tassi di vaccinazione stanno aumentando rapidamente. 
I test all’arrivo in Italia hanno identificato 1 (0,01%) individuo infetto aggiuntivo.Durante un periodo di elevato carico di infezione da COVID-19 negli Stati Uniti, un singolo test molecolare eseguito entro 72 ore dalla partenza ha portato a una bassa percentuale di passeggeri delle compagnie aeree identificati con il virus durante il test rapido dell’antigene durante il viaggio. Questi dati possono informare le future raccomandazioni per i test durante il viaggio ed eliminare la necessità di quarantena dopo il viaggio.
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017