A4E

A4E contesta la riforma del Cielo unico europeo

Il 3 giugno, Il Consiglio Europeo ha approvato la sua posizione sulla riforma del Cielo unico europeo. 

L’obiettivo della riforma, secondo quanto dichiarato dall’UE è migliorare la gestione dello spazio aereo europeo e il sistema dei servizi di navigazione aerea al fine di aumentare la capacità, migliorare l’efficienza dei costi e aumentare la capacità del sistema di adattarsi alle variazioni del traffico, cercando anche di ridurre l’impronta di CO₂ dell’aviazione.

A4E, durante l’annuale Aviation Summit ha ribadito la richiesta “che i politici mettano da parte gli interessi di sovranità per adottare una riforma più ambiziosa del regolamento SES, che andrebbe immediatamente a beneficio degli obiettivi di decarbonizzazione del settore e dei cittadini europei. L’attuale regolamento è in discussione dal 2013.

Non ha senso dal punto di vista ambientale o economico aspettarsi che l’industria aeronautica investa miliardi in SAF o nuovi aeromobili e, allo stesso tempo, continui a ritardare l’introduzione da tempo attesa di uno spazio aereo più efficiente dal punto di vista dei consumi. La riforma dello spazio aereo è una soluzione a breve termine ea basso costo per la crisi climatica”, ha affermato l’amministratore delegato di A4E, Thomas Reynaert.

Nel frattempo, spiega A4E, il costo delle quote di carbonio nell’ambito del sistema di scambio di emissioni dell’UE (ETS) è più che raddoppiato rispetto ai livelli pre-pandemia e aumentato del 140% da maggio 2020. Il trasporto aereo è l’unico settore dei trasporti incluso nel sistema ETS, con le compagnie aeree che acquistano crediti di carbonio per aiutare a compensare le loro emissioni dal 2012.

La crisi COVID è una chiara opportunità sia per l’industria che per i politici di unire le forze e ricostruire il nostro settore in modo più verde e intelligente. Tuttavia, come si è visto al Consiglio dei trasporti dell’UE della scorsa settimana, le proposte di riforme significative continuano a essere ostacolate dagli interessi nazionali”, ha aggiunto Reynaert.

A4E sostiene che operazioni più efficienti in termini di costi e una migliore gestione del traffico aereo rappresentano il punto di partenza per le più ampie ambizioni di decarbonizzazione dell’aviazione, l’imposizione di costose tasse sull’aviazione soffoca ulteriormente il settore. 

A4E apre anche la questione delle nuove tasse che alcuni paesi europei, tra cui Spagna e Paesi Bassi, hanno deciso di andare avanti con l’introduzione di nuove tasse, che potrebbero aumentare i costi di viaggio e ostacolare la capacità delle compagnie aeree di investire nella trasformazione verde.

Siamo perfettamente chiari, ancora una volta: le tasse non riducono le emissioni di CO2. Sono controproducenti e renderanno semplicemente più costoso il volo in un periodo in cui le compagnie aeree stanno cercando di riprendersi dalla peggiore crisi della nostra storia. Inoltre, tolgono al settore i soldi necessari per gli investimenti sulla sostenibilità“, ha affermato Johan Lundgren, CEO di easyJet e presidente 2021 di A4E.

I governi dovrebbero piuttosto concentrarsi sull’aiutare il nostro settore a raggiungere ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni nell’ambito di Destinazione 2050 sostenendo il sostegno finanziario e normativo per le tecnologie verdi, gli investimenti in aerei a zero emissioni e carburanti innovativi“, ha aggiunto Lundgren.


Documento: Cielo unico europeo: il Consiglio approva la sua posizione sulla riforma della gestione del traffico aereo.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017