Airbus

L’A330neo conforme ai nuovi standard ICAO sulle emissioni

Tempo di lettura 3 minuti

Più pulito ed efficiente: l’Airbus ‘A330-900 (neo) è diventato il primo aereo di linea ad essere certificato da EASA per il nuovo standard sulle emissioni di CO2 dell’ICAO.

Con questa pietra miliare, non solo Airbus è il primo produttore a ricevere tale certificazione per qualsiasi aereo commerciale in tutto il mondo, ma ciò dimostra anche che gli aerei che Airbus produce oggi, e continuerà a produrre anche in futuro, saranno conformi alle nuove direttive sulle emissioni di CO2.

Il nuovo requisito, adottato nel 2017, è stato sviluppato dal Comitato ICAO per la protezione dell’ambiente dell’aviazione (CAEP) delle Nazioni Unite e ora viene trasmesso a cascata alle autorità di certificazione dell’aeronavigabilità in tutto il mondo. Inoltre, integra gli standard esistenti sul rumore degli aeromobili e sulle emissioni dei motori e sarà applicabile sia agli aeromobili con certificazione di nuovo tipo che agli aeromobili in produzione. Entro gennaio 2028 tutti gli aeromobili prodotti dovranno essere conformi allo standard ICAO CO2 . Gli aeromobili in servizio esistenti, nel frattempo, sono oggetto di misure ambientali separate.

Simone Rauer, Head of Aviation Environmental Roadmap di Airbus, ha commentato: “Airbus è orgogliosa di essere il primo produttore di aeromobili commerciali a ricevere la certificazione EASA per il nuovo requisito sulle emissioni di CO 2 dell’ICAO . Gli standard ICAO sono elementi importanti del piano d’azione globale dell’ICAO per regolare le emissioni di aeromobili e motori e per contribuire a garantire condizioni di parità nel settore”. Aggiunge: “Per l’A330neo in particolare, questo premio dimostra che questo aereo soddisfa le normative ambientali dell’ICAO oltre il 2028″.

Quando l’ICAO ha rilasciato la sua raccomandazione agli Stati membri, l’EASA è stata la prima grande autorità di certificazione a implementare lo standard CO 2 nei suoi requisiti di certificazione per gli aeromobili commerciali. 

Airbus contribuirà a migliorare e sviluppare ulteriormente gli standard stabiliti dall’ICAO, a beneficio dell’intero settore. Tutti gli altri prodotti degli aerei di linea Airbus riceveranno la certificazione a tempo debito in un lasso di tempo coerente con i requisiti di certificazione e saranno quindi conformi ai requisiti di CO 2 entro la scadenza del gennaio 2028.

Tecnologicamente incoraggiante” e complementare ad altre misure ambientali dell’ICAO e dell’AESA per l’aviazione

Sono tecnologie che hanno dimostrato la loro efficenza e possono essere utilizzate nella prossima generazione di aeromobili, possiamo considerarle nuovi tasselli per completare una serie di misure ICAO esistenti che aiutano a controllare e ridurre le emissioni attribuite all’aviazione civile.

Tali altre misure includono anche carburanti per l’aviazione sostenibili e incentivi basati sul mercato, tra cui CORSIA (Carbon Offsetting and Reduction Scheme for International Aviation) dell’ICAO – Allegato 16 Volume 4, meccanismi di compensazione del carbonio per le emissioni di CO 2 operative , ecc. 

Va notato che solo il 12% delle flotte mondiali oggi comprende aeromobili di ultima generazione, quindi c’è ancora una grande riduzione delle emissioni di CO 2 che può essere ottenuta semplicemente attraverso il rinnovo della flotta su larga scala con velivoli di nuova generazione come l’A220 , A320neo, A321neo, A330neo e A350.

La certificazione CO2 delle attuali linee di prodotti (come i tipi di aeromobili Airbus sopra elencati, più gli ultimi aeromobili di altri OEM) dovrebbe essere uno dei pilastri chiave della prossima etichetta ambientale dell’EASA (che comprende, oltre a CO 2 , standard di certificazione delle emissioni acustiche e locali) al fine di veicolare le prestazioni ambientali di prodotto degli aeromobili di nuova generazione.

Standard sulle emissioni di CO2 dell’ICAO. 

lo standard definisce la certificazione di unvalore metrico delle emissioni diCO 2 che deve rimanere al di sotto di una linea limite in funzione del peso massimo al decollo dell’aeromobile (criterio pass/fail). Questo valore metrico comprende due componenti principali: un componente di consumo di carburante (chiamato Specific Air Range o SAR) misurato a tre diverse masse durante la crociera e quindi mediato; e un componente adimensionale (chiamato Fattore Geometrico di Riferimento o RGF) che rappresenta la superficie “utile” della cabina dalla porta della cabina di pilotaggio all’estremità poppiera dell’area pressurizzata. Ilvalore metrico delle emissioni diCO 2 risultanti, espresso in chilogrammi di carburante per chilometro.

Sono state definite le seguenti date di applicabilità:

  • 1° gennaio 2020: Nuove tipologie (per le domande presentate all’EASA dopo tale data);
  • 1 gennaio 2023: aeromobili derivati ​​a determinate condizioni (per domande fatte all’EASA dopo questa data);
  • 1 gennaio 2028: tutti gli aeromobili in produzione.

Nota: Non sarà possibile consegnare un aereo dopo questa data se il modello non è certificato al CO 2  Emissioni standard.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017