Parigi, 18 maggio 2021 - Air France-KLM, Total, Groupe ADP e Airbus hanno unito le forze per realizzare il primo volo a lungo raggio con carburante per aviazione sostenibile (1), o SAF (" Sustainable Aviation Fuel "), prodotto in Francia . Il volo 342 di Air France è decollato oggi alle 15:40 dal Terminal 2E dell'aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle a Montreal (Canada), trasportando per la prima volta nei suoi serbatoi carburante per aria sostenibile prodotto da Total nei suoi stabilimenti francesi. Air France

Primo volo long haul con SAF per Air France

Tempo di lettura 3 minuti

Air France-KLM, Total, Groupe ADP e Airbus hanno unito le forze per operare il primo volo a lungo raggio con carburante per aviazione sostenibile (SAF Sustainable Aviation Fuel ), prodotto in Francia. 

Il volo 342 di Air France è decollato ieri (18 maggio) alle 15:40 dal Terminal 2E dell’aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle a Montreal (Canada), alimentato da SAF al 100% prodotto da Total in Francia.

L’ambizione comune dei quattro gruppi di decarbonizzare il trasporto aereo e sviluppare una catena di produzione francese per carburanti aerei sostenibili, un prerequisito essenziale per la generalizzazione del loro utilizzo negli aeroporti francesi.

I biocarburanti possono essere incorporati senza alcuna modifica all’infrastruttura logistica per lo stoccaggio e la distribuzione, o agli aerei o ai motori. Il loro utilizzo graduale su scala globale dovrebbe consentire di ridurre notevolmente le emissioni di CO 2 del trasporto aereo, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

SAF “Made in France” Total

Il biocarburante utilizzato per questo volo proviene da rifiuti e residui dell’economia circolare. È stato prodotto da Total da oli da cucina usati grazie alla sua bioraffineria a La Mède (Bouches-du-Rhône) e al suo stabilimento a Oudalle (Seine-Maritime), senza l’utilizzo di olio vergine di origine vegetale.

Questo primo SAF “ Made in France ” è stato certificato ISCC-EU da International Sustainability & Carbon Certification, un ente indipendente che ne garantisce la sostenibilità. La sua incorporazione del 16% su questo volo ha permesso di evitare l’emissione di 20 tonnellate di CO 2 .

Sviluppando e sostenendo la prima fase di un settore francese del carburante per aviazione sostenibile, Air France-KLM, Total, Groupe ADP e Airbus stanno mostrando la strada per rendere la Francia un paese che guida l’innovazione, al servizio della transizione energetica e ambientale. La legislazione francese prevede attualmente l’incorporazione dell’1% di biocarburante di questo tipo su tutti i voli in partenza dalla Francia a partire dal 2022, a monte dell’ambizione di incorporazione graduale (fino al 2% entro il 2025 e dal 5% al ​​2030) che sarà il quadro del “Green Deal” europeo.

Per rispondere a questo cambiamento nella legislazione, Total produrrà anche biocarburanti sostenibili per l’aviazione dal 2024 dalla sua piattaforma zero-oil a Grandpuits (Seine-et-Marne).

Non solo SAF, aerei efficienti e operazioni di terra green

Il volo è stato operato con l’Airbus A350, un aereo che consuma il 25% in meno di carburante rispetto ad altri modelli che ha sostituito nella flotta di Air France.

L’aereo è stato rifornito di carburante tramite il primo camion di rifornimento 100% elettrico, sviluppato in Francia con l’esperienza di Total, e tutti i veicoli di pista utilizzati da Air France sono stati anche completamente forniti all’aereo.

In occasione di questo primo volo, Benjamin Smith, Amministratore Delegato di Air France-KLM ha dichiarato:
“ Il Gruppo Air France-KLM è da tempo impegnato a ridurre il proprio impatto ambientale. I carburanti sostenibili per l’aviazione sono, con il rinnovo della nostra flotta, la principale leva accessibile a medio termine per dimezzare le nostre emissioni di CO 2per passeggero / km entro il 2030. Sono quindi al centro del nostro approccio, insieme all’ecopilota e alla neutralità del carbonio delle nostre operazioni di terra. La Francia ha ora l’opportunità di posizionarsi come leader nella produzione e nell’uso di combustibili sostenibili e stiamo facendo tutto il possibile per contribuire a questo insieme ai nostri partner. Promuovere l’emergere di un settore francese economicamente sostenibile per tutti gli attori è una priorità strategica per il paese e per il gruppo . “

Patrick Pouyanné, Presidente e CEO di Total , hanno inoltre dichiarato: “  ha lo sviluppo di biocarburanti è uno dei pilastri della strategia multi-energy del totale per affrontare la sfida della decarbonizzazione del settore dei trasporti. Dopo aver avviato con successo la produzione di biocarburanti dell’aria sostenibile sui nostri siti produttivi in Francia nel mese di marzo ou continuare ad adeguare la nostra base di produzione per soddisfare la crescente domanda del settore aereo nel prossimo decennio.Riducendo direttamente l’intensità di carbonio dei prodotti energetici utilizzati dai nostri clienti del trasporto aereo, stiamo lavorando attivamente con loro per raggiungere la nostra ambizione di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, insieme alla società. “

Augustin de Romanet, Presidente e CEO del Groupe ADP, sottolinea : “Questo primo volo dall’aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle è un simbolo della nostra ambizione di decarbonizzare il trasporto aereo, grazie all’integrazione di nuovi carburanti aerei durevoli negli aerei. La roadmap europea per il trasporto aereo mira a zero emissioni nette entro il 2050 e, come operatori aeroportuali, siamo desiderosi di sostenere questa transizione energetica e di intraprendere, senza indugio, il percorso di trasformazione delle nostre operazioni e delle nostre infrastrutture. “

William Faury, CEO di Airbus, ha aggiunto: ” I combustibili sostenibili sono una leva importante per raggiungere i nostri obiettivi di decarbonizzazione nel settore dell’aviazione e Airbus supporta tutte le iniziative che contribuiscono al loro sviluppo e utilizzo sui voli commerciali. È necessaria un’azione coordinata da parte di tutte le parti interessate. per aumentare la quota di questi combustibili sostenibili che possono essere già utilizzati fino al 50% sui nostri aerei oggi, senza alcuna modifica o impatto operativo, e riducendo di conseguenza il loro impatto ambientale ”.

Per il GM Anne Rigail, combinare le varie leve per ridurre l’impronta di carbonio è essenziale per raggiungere gli obbiettivi di Air Francei di riduzione delle emissioni di CO2 del 50% per passeggero km entro il 2030.
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017