IATA

IATA, Spagna: “irresponsabili” aumentare le tasse sul trasporto aereo

Tempo di lettura 2 minuti

L’aumento “irresponsabile” delle tariffe aeroportuali spagnole danneggerà la ripresa economica e l’occupazione

IATA ha avvertito che le proposte di AENA di aumentare i diritti di utenza nei 46 aeroporti in cui opera in Spagna potrebbero danneggiare la ripresa economica e occupazionale in Spagna, le proposte presentate alla DGAC includono una richiesta di aumento delle tariffe del 5,5% in cinque anni. 

Per IATA, queste aprirebbero la porta ad AENA per recuperare le sue entrate perse a causa della crisi del COVID-19, per servizi che non sono mai stati operati o ai quali le compagnie aeree non potevano accedere.

“L’intera industria aeronautica è in crisi. Tutti devono ridurre i costi e migliorare l’efficienza per riparare il danno finanziario di COVID-19. Dopo aver analizzato la situazione di AENA, le compagnie aeree ritengono che AENA potrebbe ridurre le sue tariffe del 4%. Quindi proporre di trasferire l’onere della ripresa finanziaria sui clienti con un aumento del 5,5% è a dir poco irresponsabile. La DGAC dovrebbe respingere immediatamente la richiesta e incaricare AENA di lavorare con le compagnie aeree su un piano di recupero concordato di comune accordo “, ha affermato Willie Walsh, Direttore generale della IATA.

Pre-pandemia, AENA ha dichiarato 2,59 miliardi di euro di dividendi nel periodo 2017-19 e ha diverse opzioni per coprire le sue perdite. “AENA può facilmente finanziare perdite a breve termine senza aumentare i costi per i suoi clienti. Ha un ottimo rating creditizio per accedere al finanziamento. I suoi azionisti sono stati ben ricompensati e ora devono condividere parte del dolore. E, come il resto del settore, deve guardare all’efficienza operativa per ridurre i costi, che non sono affatto i più economici in Europa “, ha affermato Walsh.

Un settore del trasporto aereo sano, con tutte le parti concentrate sulla riduzione dei costi, sarà fondamentale per riprendersi dall’impatto devastante che COVID-19 ha avuto sul settore del turismo e dei trasporti:

  • La domanda di passeggeri è crollata del 76% nel 2020 e si prevede che non si riprenderà completamente fino al 2024
  • Il numero di destinazioni con collegamenti diretti con la Spagna è sceso da 1.800 (2019) a 234 (2020)
  • Più di 1,1 milioni di posti di lavoro spagnoli sono stati persi o messi a rischio e oltre 60 miliardi di euro di PIL sono andati persi
  • Il contributo dei viaggi e del turismo all’economia spagnola è sceso dal 12% al 4%.

Una rapida ripresa dei viaggi e del turismo è vitale per il successo economico della Spagna. Ma costi più elevati ritarderanno la ripresa del turismo e manterranno a rischio i posti di lavoro. AENA dovrebbe tenere a mente gli interessi a lungo termine sia dei suoi azionisti che del paese. Ed entrambi sono meglio serviti con un’infrastruttura aeroportuale efficiente in termini di costi. Il governo spagnolo sta attivamente cercando di aprire le frontiere e riavviare i viaggi aerei. AENA deve contribuire a questo sforzo, non erigere un posto di blocco miope ed egoista “, ha detto Walsh.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017