Airbus

Airbus: risultati del primo trimestre (Q1) 2021

Tempo di lettura 3 minuti

Airbus ha riportato i risultati finanziari consolidati per il primo trimestre (Q1) terminato il 31 marzo 2021.

Risultati in miglioramento, nuovi ordini e consegne in linea con il precedente trimestre.

I buoni risultati del primo trimestre riflettono principalmente le nostre prestazioni di consegna degli aerei commerciali, contenimento dei costi e della liquidità, i progressi con il piano di ristrutturazione, nonché i contributi positivi delle nostre attività di elicotteri, difesa e spazio“, ha affermato Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus. “Il primo trimestre mostra che la crisi non è ancora finita per il nostro settore e che il mercato rimane incerto. Stiamo investendo nell’innovazione e nella trasformazione della nostra azienda per realizzare le nostre ambizioni a lungo termine in tutto il portafoglio “.

I nuovi ordini di aeromobili commerciali sono stati 39 (Q1 2020: 356 aeromobili) e includevano 38 aeromobili a corridoio singolo.

Il portafoglio ordini e’ di 6.998 aeromobili al 31 marzo 2021.

Airbus Helicopters ha prenotato 40 ordini netti (Q1 2020: 54 unità), inclusi 2 aeromobili della famiglia Super Puma e 1 H160.

L’assunzione di ordini per valore di Airbus Defence and Space è stata di € 2,0 miliardi (Q1 2020: € 1,7 miliardi) e comprendeva importanti contratti acquisiti in Space Systems e ordini di servizi ricorrenti in Military Aircraft.

I ricavi consolidati sono stati sostanzialmente stabili su base annua a 10,5 miliardi di euro (1 ° trimestre 2020: 10,6 miliardi di euro).

Sono stati consegnati un totale di 125 aeromobili commerciali (Q1 2020: 122 aeromobili), di cui 9 A220, 105 A320 Family, 1 A330 e 10 A350.

I ricavi generati dalle attività di aeromobili commerciali di Airbus sono diminuiti del 4 percento, riflettendo principalmente il minor volume di servizi.

Airbus Helicopters ha consegnato 39 unità (Q1 2020: 47 unità) con ricavi che riflettono volumi inferiori negli elicotteri civili, in parte compensati dalla crescita dei servizi. I ricavi di Airbus Defence and Space sono rimasti stabili rispetto all’anno precedente.

EBIT rettificato consolidato : una misura di performance alternativa e un indicatore chiave che cattura il margine di business sottostante escludendo oneri o profitti materiali causati da movimenti negli accantonamenti relativi a programmi, ristrutturazioni o impatti sui cambi, nonché plusvalenze / minusvalenze derivanti dalla cessione e dall’acquisizione di attività – aumentato a 694 milioni di euro (primo trimestre 2020: 281 milioni di euro).

L’EBIT rettificato relativo alle attività degli aeromobili commerciali di Airbus è aumentato a € 533 milioni (Q1 2020: € 191 milioni), riflettendo principalmente l’attenzione sui costi e un mix favorevole. Include anche un impatto positivo dalla copertura valutaria.

L’EBIT Adjusted di Airbus Helicopters è aumentato a 62 milioni di euro (Q1 2020: 53 milioni di euro), trainato dai servizi, dall’esecuzione del programma e dalla minore spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) in seguito alle certificazioni dell’H160 e dell’H145 a cinque pale nel 2020.

L’EBIT rettificato di Airbus Defence and Space è aumentato a 59 milioni di euro (Q1 2020: 15 milioni di euro), riflettendo principalmente il continuo contenimento dei costi e le fasi positive nel trimestre. È stato consegnato un aereo da trasporto militare A400M.

Le spese consolidate autofinanziate in ricerca e sviluppo sono ammontate a 620 milioni di euro (1 ° trimestre 2020: 663 milioni di euro).

L’ EBIT consolidato (dichiarato) è stato pari a € 462 milioni (Q1 2020: € 79 milioni), comprese le rettifiche per un totale netto di € -232 milioni.

Questi aggiustamenti comprendevano:

  • -29 milioni di euro relativi al costo del programma A380;
  • -177 milioni di euro relativi al disallineamento dei pagamenti anticipati in dollari e alla rivalutazione del bilancio;
  • -26 milioni di euro di altri costi, inclusa la compliance.   

Il risultato finanziario è stato di 59 milioni di euro (primo trimestre 2020: -477 milioni di euro). Riflette principalmente la rivalutazione degli strumenti finanziari e l’evoluzione del dollaro USA oltre a 43 milioni di euro dalla rivalutazione della partecipazione Dassault Aviation, in parte ridotta dal risultato di interessi di -82 milioni di euro. L’ utile netto consolidato (1) è stato di 362 milioni di euro dopo una perdita netta del primo trimestre 2020 di 481 milioni di euro, con un utile per azione dichiarato consolidato di 0,46 euro (perdita per azione del primo trimestre 2020: -0,61 euro).

Il flusso di cassa libero consolidato prima di M&A e finanziamento ai clienti è ammontato a € 1.202 milioni (Q1 2020: € -8.030 milioni), principalmente guidato da un forte impatto positivo in fasi dal capitale circolante e riflette i continui sforzi di contenimento della liquidità. Il free cash flow consolidato è stato di € 1.164 milioni (Q1 2020: € -8.501 milioni). 

La posizione di cassa nettaconsolidata era di € 5,6 miliardi al 31 marzo 2021 (fine anno 2020: € 4,3 miliardi) con una posizione di cassa lorda di € 22,6 miliardi (fine anno 2020: € 21,4 miliardi). La posizione di liquidità della Società rimane forte. La scadenza della linea di liquidità supplementare è stata estesa di 6 mesi, mantenendo un elevato livello di flessibilità nell’ambiente incerto causato da COVID-19. 

Outlook

La guida emessa nel febbraio 2021 rimane invariata. 

Come base per la sua guida per il 2021, la Società non assume ulteriori interruzioni per l’economia mondiale, il traffico aereo, le operazioni interne della Società e la sua capacità di fornire prodotti e servizi. La guida della Società per il 2021 è prima di M&A.

Su questa base, la Società si prefigge di raggiungere almeno nel 2021:

  • Stesso numero di consegne di aeromobili commerciali del 2020;
  • EBIT adjusted di 2 miliardi di euro;
  • Flusso di cassa libero di rottura prima di M&A e finanziamento dei clienti.
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017