Covid-19 Regno Unito UK

La variante sud africana preoccupa Londra

Tempo di lettura 2 minuti

A Londra preoccupa la scoperta di alcuni casi positivi con la variante Sud Africana, il vaccino Astra Zeneca largamente utilizzato nel Regno Unito è praticamente inefficace a questa variante.

Massima cautela e attenzione, il Regno Unito ha riaperto gran parte delle attività il 13 aprile come previsto dalla road map, gli assembramenti e la folla nei locali e il non uso della mascherina, potrebbe come era già stato previsto dalla London School of Hygiene and Tropical Medicine portare ad un nuovo incremento dei contagi.

Il surge test con lo screening quasi a tappeto della popolazione ha reso possibile la scoperta di questi casi e la sequenziazione della variante.

Il Dr Kevin Fenton, Direttore regionale, PHE London e Direttore regionale della sanità pubblica, NHS London: “Il cluster di casi in alcune parti del sud di Londra – prevalentemente nelle aree di Lambeth e Wandsworth ma anche a Southwark – della variante identificata per la prima volta in Sud Africa è significativo. È molto importante che le persone nell’area locale facciano la loro parte per fermare un’ulteriore diffusione all’interno della comunità locale. Il test PCR è ora disponibile per tutti e incoraggerei vivamente tutti a Southwark che sono invitati a partecipare per fare il test, anche se non hanno alcun sintomo di coronavirus. Circa 1 persona su 3 con COVID-19 non mostra alcun sintomo.

Il professor John Edmunds, epidemiologo presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine  che fa parte del gruppo consultivo scientifico del governo sulle emergenze, ha affermato di sperare che i test di massa mantengano basso il numero di casi.

Ma ha avvertito, se questi sforzi non hanno avuto il successo sperato, potrebbe essere necessario inasprire le regole in alcune aree.

Quello che stiamo osservando nel sud di Londra è un esempio di ciò che vedremo ora nei prossimi mesi, mentre facciamo del nostro meglio per tenere fuori quella variante o al livello più basso possibile, perché se questi test di massa non funzioneranno e per ora non lo sappiamo, dovremo valutarlo molto attentamente e quindi è possibile che dovremo imporre una sorta di restrizioni locale e vorremo non farlo “, ha detto al programma Peston di ITV.

Nella foto copertina: Guy’s Hospital situato a London Bridge, l’ospedale fa parte del Guy’s and St Thomas ‘NHS Foundation Trust, uno degli ospedali universitari più famosi di Londra, è l’ospedale di riferimento per i quartieri di Lambeth e Southwark. 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017