Covid-19 Croazia HR

La Croazia vaccina il turismo

Tempo di lettura 2 minuti

Il ministro del turismo e dello sport croato Nikolina Brnjac ha tenuto nei giorni scorsi un incontro con i rappresentanti dell’Istituto croato di sanità pubblica sul tema dell’inizio della vaccinazione dei lavoratori del turismo e della creazione di ulteriori luoghi per testare i turisti.

la Croazia attualmente ha somministrato la prima dose a circa il 3% della popolazione, circa 600 mila persone, 70.000 lavoratori del turismo inizieranno a metà aprile a ricevere il vaccino.

Oltre ai dipendenti a tempo indeterminato, saranno inclusi nella vaccinazione prioritaria anche i lavoratori stagionali.

Due gruppi prioritari.

Il Ministero del Turismo e dello Sport ha chiesto ai membri delle associazioni professionali del turismo di raccogliere i dati di quei dipendenti che vogliono essere vaccinati in modo tale da essere classificati in due gruppi prioritari

Il primo gruppo di priorità sono i dipendenti che hanno più contatti con gli ospiti o i dipendenti della struttura, tenendo conto di quei dipendenti la cui capacità di mantenere le distanze sociali è ridotta, come i lavoratori di cucina, mentre il secondo gruppo sono le persone che non hanno contatti significativi come varie professioni di servizio, lavoro d’ufficio e simili.

La Croazia è tra i primi ad iniziare a vaccinare i lavoratori del turismo e questo è estremamente importante per noi al fine di posizionarci ancora più fortemente come destinazione sicura. Oltre al progetto Soggiorno sicuro in Croazia , questa è un’ulteriore garanzia per i turisti che la Croazia soddisfi tutti i requisiti per una vacanza sicura per ogni ospite che sceglie il nostro paese come meta turistica ”, ha affermato il ministro Brnjac.

Oltre a iniziare con la vaccinazione dei lavoratori del turismo, durante l’incontro hanno anche discusso la creazione di ulteriori luoghi per testare i turisti, nonché hotel, campeggi, porti turistici e altro e l’istruzione delle persone che condurranno i test in conformità con le indicazioni concordate dall’Istituto croato di sanità pubblica. Inoltre, sono state discusse anche le modalità di rilascio dei certificati e le capacità necessarie per la distribuzione dei test.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017