Airbus

ECO… Airbus Urban Mobility

La mission di Airbus Urban Mobility, è contribuire positivamente a un sistema di mobilità multimodale urbana sostenibile.

Quattro membri del dipartimento Urban Mobility di Airbus (UAM) parlano dei progetti a cui stanno lavorando, di cosa li ha interessati alla mobilità aerea urbana e di come potrebbero cambiare i cieli per le generazioni future.

Mona Moren, Ingegnere dei sistemi avionici per CityAirbus Demonstrator, Airbus Helicopters

“Ho sempre avuto una naturale curiosità per tutto ciò che riguardava la scienza e l’ingegneria. Dopo aver conseguito il master, ho deciso di iniziare a lavorare nell’aeronautica, un’industria divertente e stimolante. Vedi cosa ti fa nella vita quotidiana e io volevo farne parte.

Sul dimostratore CityAirbus, ho lavorato sulle architetture dei sistemi avionici a bordo e nella stazione di controllo a terra, dove il pilota comanda l’aereo. Ciò ha comportato diverse attività, dalla progettazione al supporto delle operazioni, seguite da iterazioni secondo necessità. Arrivare al volo è stato uno sforzo di squadra: ci sono voluti il ​​coinvolgimento, le specialità, la collaborazione e la dedizione di ogni membro.

La differenza tra lo UAM oggi e l’industria aeronautica classica è che il prodotto non esisteva tre anni fa. Quando sono entrato a far parte del team, il dimostratore era costituito da due soli travi strutturali collegate insieme: quello era il veicolo. Il team CityAirbus è piccolo e dinamico. Abbiamo lavorato come una start-up veloce con processi semplificati e modalità di lavoro più snelle. Le tempistiche sono più brevi e uno degli obiettivi è imparare il più possibile sul design immaginato solo pochi anni fa.

Puoi anche vedere in prima persona come ogni dettaglio ha la sua importanza. Ogni collaboratore del team ha fatto ciò che era necessario e tutto ha trovato il suo posto: ora abbiamo un dimostratore che abbiamo costruito e testato a tempo di record e che ha volato in alcune località.

La parte più entusiasmante del lavoro in UAM è far parte dell’esplorazione di una frontiera moderna. Si tratta di lavorare con persone esperte che sono appassionate, dedite, collaborative ed entusiaste di provare cose nuove, il tutto mantenendo le persone al sicuro “.

Dr. Markus May, amministratore delegato di Airbus Urban Mobility GmbH 

“Quando l’organizzazione UAM è stata creata tre anni fa, il mio manager mi ha chiesto se volevo unirmi a questo viaggio. Mi è piaciuta l’idea di aprire il cielo nelle aree urbane e portare la mobilità verticale a emissioni zero nelle nostre città.

“Ho avuto la possibilità di fondare due società in passato. Quindi, ho visto come una bella sfida costruire un’entità legale moderna per UAM sotto forma di una start-up aziendale. Abbiamo iniziato identificando i principi di base, abbiamo costruito un team e definito la cultura insieme in modo da poter impostare processi snelli e strumenti all’avanguardia, mentre ci siamo dilatati e lavorando sui contenuti in parallelo.

“Dal punto di vista del veicolo, abbiamo scelto deliberatamente due diverse configurazioni per la dimostrazione tecnologica. Da un lato, Vahana come veicolo monoposto con una configurazione ad ala inclinabile in grado di volare per 20 minuti con un’autonomia di 50 km. CityAirbus è stato invece progettato per quattro passeggeri e con l’obiettivo di testare il sistema di propulsione elettrica per questa categoria di peso. La propulsione elettrica distribuita sta aprendo completamente lo spazio di progettazione convenzionale e in questa fase è disponibile una varietà di configurazioni di veicoli. E sappiamo che l’autonomia sarà un fattore chiave per un servizio di trasporto commercialmente sostenibile in futuro.

“Tutto sommato, siamo davvero all’avanguardia dell’innovazione ed è entusiasmante far parte di questa rivoluzione nel settore dell’aviazione e, più in generale, della mobilità. Aspetti come la sostenibilità e l’accettazione da parte del pubblico diventano sempre più importanti nella nostra vita quotidiana. Ed è una grande avventura dipingere il quadro di come integriamo questo nuovo tipo di mobilità verticale nelle nostre città “.

Romain Legast, Head of Procurement di Airbus Urban Air Mobility

“Nel 2018, sono stato selezionato per guidare la catena di approvvigionamento e fornitura di Airbus Urban Mobility US per il dimostratore Vahana. Da giugno 2020, sono stato incaricato di gestire la catena di fornitura per gli sviluppi UAM da tutte le entità Airbus.

Quello che trovo affascinante è che stiamo creando un nuovo tipo di industria. Le generazioni future si aspettano soluzioni immediate su richiesta, ma vogliono anche vivere in un mondo più sostenibile. All’interno di Airbus possiamo essere parte di questa avventura.

È davvero emozionante lavorare su un aereo elettrico. La decarbonizzazione del settore è importante, per me personalmente, ma per il pubblico in generale. Sarebbe un grande successo se l’industria aeronautica potesse diventare decarbonizzata. Ciò che è anche eccitante è che siamo sfidati da nuovi concorrenti, il che ci aiuta ad essere più agili e definire modi di lavorare in modo da essere in grado di muoverci alla stessa velocità di queste nuove aziende. Avere lavorato in Acubed * ha aiutato molto! Durante i miei anni lì ho imparato a gestire il rischio quando prendo una decisione – potrebbe non essere sempre la migliore, ma ti permette di essere veloce.

Poiché le nuove generazioni stanno cambiando il modo in cui vivono, UAM alla fine consente alle persone di ridefinire le città e il modo in cui le gestiamo”.

* Acubed, il laboratorio di innovazione di Airbus con sede nella Silicon Valley

Jose Carlos Ramos Fernandez, Program & Strategy presso Airbus Urban Mobility GmbH

“Sono arrivato allo UAM perché volevo far parte della prossima trasformazione del volo. Le persone in UAM sono un team diversificato che condivide la passione per creare il futuro dell’aviazione.

Sto allestendo l’ufficio di gestione del progetto per il veicolo CityAirbus. Uno dei miei compiti è analizzare come snellire la gestione dei progetti. Airbus dispone di processi per sviluppare e certificare un aeromobile o un elicottero. Vogliamo trarre vantaggio dai processi già in atto e adattarli con modi nuovi e più agili di lavorare per migliorare l’efficienza tra progetti e team.

“Sebbene il fulcro di UAM sia lo sviluppo del veicolo, abbiamo anche colleghi che lavorano per influenzarne l’accettazione da parte del pubblico, altri che lavorano con progetti urbani o stanno lavorando alla gestione e ai regolamenti dello spazio aereo. Non svilupperemo l’intera infrastruttura, ma dovremo assicurarci che questo veicolo sia integrato in questo ecosistema.

È entusiasmante far parte della creazione di un trasporto futuro e contribuire a città più intelligenti e sostenibili. Questa è una delle mie motivazioni come ingegnere. È un ambiente dinamico, quindi dobbiamo essere abbastanza veloci per reagire. Non solo sviluppi la tua resilienza in quest’area, ma anche la tua antifragilità: migliora, prospera come risultato della volatilità. Affrontare una tale sfida richiede persone che condividano lo spirito di sviluppare un progetto in un ambiente incerto “.

fonte: Airbus

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi