London City LCY

London City , un sondaggio per i viaggi post…

Tempo di lettura 2 minuti

Un sondaggio tra i passeggeri britannici, commissionato dal London City Airport in seguito alla road map di blocco del Primo Ministro del 22 febbraio punta all’ottimismo tra i viaggiatori del Regno Unito.

Il 72% dei frequent flyer desidera tornare a viaggiare, non appena le restrizioni verranno rimosse, il 71% ritiene che il viaggio dovrebbe essere consentito da e verso paesi con l’epidemia sotto controllo, un supporto significativo per “Certificati Covid” per i viaggi internazionali.

Un sondaggio rappresentativo a livello nazionale su 2.100 persone in tutto il Regno Unito ha dimostrato un forte desiderio di tornare ai viaggi nazionali e internazionali non appena le restrizioni saranno allentate dal governo.

Il sondaggio è stato effettuato il fine settimana successivo al 22 febbraio, data in cui il primo ministro Boris Johnson ha illustrato la road map per l’allentamento delle restrizioni Covid nel Regno Unito.

Favorevoli al passaporto sanitario.

I risultati del sondaggio hanno anche mostrato la volontà di adattarsi al paesaggio post Covid con tre quarti degli intervistati, che accetteranno e sono quindi favorevoli di fornire un test COVID negativo prima del viaggio, se necessario.

E sulla base dei recenti risultati relativi alla certificazione di viaggio, tre quarti sarebbero disposti a portare la prova di essere stati vaccinati se ciò significasse essere autorizzati a viaggiare. È

interessante notare che, tra gli over 65, il numero sale all’89% ma per i 18-24 anni è del 67%, il che potrebbe indicare che l’accettazione complessiva aumenterà una volta che ogni adulto nel Regno Unito riceverà la prima vaccinazione entro luglio.

Commentando il sondaggio, Robert Sinclair, amministratore delegato, London City Airport, ha dichiarato: “Dopo il primo trimestre più debole che chiunque nel settore possa ricordare, i risultati del sondaggio mostrano che la roadmap del Primo Ministro ha ridato speranza ai britannici ed è molto piacevole vedere che così tanti vedono i viaggi come una priorità poiché le restrizioni vengono allentate. Ha anche dato fiducia ai nostri partner aerei nella pianificazione dei servizi per tutta l’estate e sono lieto che saremo in grado di collegare i viaggiatori a così tante destinazioni in tutto il Regno Unito e in Europa per le vacanze estive più meritate che avranno mai. La sfida ora per l’industria e il governo è assicurarsi che il 17 maggio non sia un’altra falsa alba e concordare gli standard di viaggio con i nostri principali partner internazionali il prima possibile che consentiranno a tutti di volare in sicurezza dall’inizio dell’estate. E una volta raggiunto questo obiettivo, mi aspetto un altro aumento delle prenotazioni che non solo sarà un enorme colpo al braccio per il settore, ma dimostrerà che possiamo finalmente iniziare la nostra ripresa “.

Preferenza al corto raggio, solo il 22% se sarà possibile sceglierà destinazioni a lungo raggio.

Guardando all’estate, il quadro emergente indica una preferenza per le vacanze a corto raggio, con il 55% dei frequent flyer che preferisce l’Europa e il Mediterraneo, rispetto al 22% che aspira a viaggiare a lungo raggio.

Questa tendenza potenziale è supportata dal 71% che indica che i viaggi dovrebbero essere consentiti tra il Regno Unito e i paesi in cui COVID-19 è sotto controllo, aprendo la possibilità di corridoi di viaggio verdi tra il Regno Unito e i paesi europei in cui il rischio è basso.

In preparazione per la ripresa dei viaggi internazionali, la compagnia aerea britannica British Airways ha annunciato 24 destinazioni, tra cui anche l’Italia.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi