Biofuel SAF

Appello dal settore aereo alla UE per una normativa…

Una coalizione di compagnie aeree, società del settore dell’aviazione e ONG europee hanno espresso la loro preoccupazione per le proposte politiche volte a limitare la portata dell’iniziativa dell’Unione Europea ReFuel EU Aviation ai voli intra-SEE.

In una lettera, inviata al vicepresidente della Commissione Europea, Frans Timmermans e al commissario per i trasporti Adina Vălean, il settore sottolinea che le operazioni a lungo raggio sono la fonte primaria dell’impatto climatico del settore.

Necessario che la nuova normativa per l’uso del SAF venga quindi fatta applicare anche per i voli a lungo raggio.

Secondo recenti dati di Eurocontrol, solo il 6% dei voli, quelli di lunghezza superiore ai 4000 km, creano la metà delle emissioni di CO2 del trasporto aereo.

Eurocontrol conclude: “Aumentare la fornitura di carburante per aviazione sostenibile per coprire solo il 10% del fabbisogno di lungo raggio, farebbe più di quanto si possa fare a corto raggio per ridurre le emissioni nette di CO2“. * Inoltre, voli extra-SEE e le operazioni di hub a lungo raggio sono già escluse da molte politiche ambientali europee, come il sistema di scambio di quote di emissioni (ETS).

Per i voli a corto raggio, i SAF sono solo un passaggio intermedio, simile alla compensazione, fino a quando le tecnologie a emissioni zero, come l’idrogeno o gli aeromobili a propulsione elettrica, saranno disponibili entro la metà e la fine del 2030. Queste nuove tecnologie a emissioni zero, tuttavia, non sono disponibili per l’aviazione a lungo raggio nel prossimo futuro, pertanto i SAF continuano a essere fondamentali per l’aviazione a lungo raggio per mitigare le sue emissioni di carbonio.

Inoltre, aumentando potenzialmente i costi, i SAF potrebbero sminuire gli sforzi in corso da parte dei produttori di tecnologia e dei vettori a corto raggio per passare a soluzioni più pulite ea zero emissioni.

I firmatari chiedono pertanto alla Commissione europea di garantire che le nuove normative per un obbligo di utilizzo di una quota % di SAF non ritardi lo sviluppo della propulsione a emissioni zero (ovvero idrogeno o elettrico) e vengano applicate anche alle compagnie aeree quando effettuano voli a lungo raggio e non solo a quelle europee.

Inoltre, chiedono i firmatari, la Commissione europea deve escludere i biocarburanti prodotti da terreni coltivati dedicati ** e garantire che i biocarburanti avanzati siano sostenibili e che siano inclusi i mandati per i migliori combustibili della categoria, come il cherosene sintetico.

Biofuel

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “Il mandato SAF dell’UE avrà un impatto considerevole sulle emissioni del trasporto aereo solo se tutti facciamo la nostra parte, compresi gli operatori a lungo raggio che sono la principale fonte di emissioni e che hanno bisogno di questa tecnologia per la lunga corsa. I SAF sono solo un passaggio intermedio per i vettori a corto raggio. La nostra soluzione definitiva è la propulsione a emissioni zero, motivo per cui è fondamentale che ci siano incentivi specifici per l’aviazione per tecnologie a emissioni zero come l’elettrico e l’idrogeno e perché dobbiamo evitare che tutte le risorse vengano attirate nei SAF, che non risolvono completamente il problema . easyJet opera anche voli a emissioni zero oggi compensando tutti i nostri voli come misura provvisoria “.

William Todts, direttore esecutivo di T&E, ha dichiarato: “I combustibili sostenibili per l’aviazione sono la soluzione per i voli a lungo raggio, che sfuggono alla regolamentazione del loro inquinamento nonostante causino la maggior parte delle emissioni. Tutti i voli in partenza devono essere coperti da un mandato di carburante verde per aviogetti. Ma i combustibili sostenibili devono effettivamente funzionare anche per l’ambiente, motivo per cui abbiamo bisogno di obiettivi per i combustibili sintetici, criteri più severi per i biocarburanti di seconda generazione e non combustibili a base di colture “.

Michael O’Leary, CEO di Ryanair Group, ha dichiarato: “I recenti dati di Eurocontrol confermano che i veri colpevoli non sono i voli a corto raggio per gli hopper cittadini che si prendono un weekend o in vacanza in Europa, ma i voli a lungo raggio / voli in coincidenza che creano la metà delle emissioni di CO2 dell’aviazione europea, ma rappresentano solo il 6% dei voli. Tagliare solo una frazione di queste emissioni a lungo raggio ridurrebbe più CO2 di quella emessa da tutti i voli a corto raggio europei messi insieme. Non vi è alcuna logica nell’escludere i voli a lungo raggio dagli obblighi di utilizzo di SAF poiché questo è il loro unico modo possibile per decarbonizzare. Sosteniamo pienamente l’iniziativa dell’UE di decarbonizzare il trasporto aereo, ma tutti i vettori, compresi i voli a lungo raggio, devono fare la loro parte affinché ciò avvenga “.

József Váradi, CEO di Wizz Air, ha dichiarato: “Dopo aver investito in SAF e promosso per anni come soluzione per la decarbonizzazione dell’aviazione, gli operatori di lungo raggio stanno ora cercando di escludere i propri voli da questo mandato. Questo è sbagliato. Se vogliono questa tecnologia, che essenzialmente blocca la propulsione dello status quo per decenni, quindi devono essere tra i primi a usarla. Pensiamo che tecnologie dirompenti più pulite arriveranno e romperanno gli schemi, come sta accadendo con le auto per voli a breve distanza. Dovremmo mantenere i vecchi sistemi di propulsione solo dove non ci sono alternative, come nel caso del lungo raggio. La concorrenza globale non può essere la scusa perenne per l’inazione. Non siamo nella stessa posizione di un decennio fa e non crediamo che il pubblico tollererà a lungo tale inazione. Ora è tempo che anche l’aviazione globale faccia la sua parte “.

Maarten van Dijk, amministratore delegato di SkyNRG, ha dichiarato: “L’Europa sta iniziando a compiere passi seri per raggiungere le emissioni nette del trasporto aereo. Accogliamo con favore la probabile introduzione di un mandato di miscelazione per il carburante per l’aviazione sostenibile che fungerà da misura fondamentale per queste ambizioni. Tuttavia, è di fondamentale importanza che il mandato si basi sulla quantità totale di combustibili fossili per aviogetti nell’UE per ottenere il massimo impatto con questa misura politica “.

Jeff Engler, CEO, Wright Electric, ha dichiarato: “Wright mira a introdurre il suo aereo di linea a corridoio singolo Wright 1 a emissioni zero nel 2030 con l’obiettivo finale di eliminare l’impronta di carbonio di tutti i voli inferiori a 800 miglia. Il volo può essere più pulito di quanto lo sia oggi, e il volo elettrico su distanze più brevi è più vicino di quanto molte persone credano. Dobbiamo dare a questa tecnologia il giusto contesto politico per prosperare. In Wright vogliamo rendere il volo più pulito, più silenzioso e più accessibile “.

Ivo Boscarol, fondatore e CEO di Pipistrel, ha dichiarato: “Per ottenere ciò che a volte può sembrare impossibile, compiere passi incrementali semplicemente non è sufficiente. L’aviazione deve diventare più pulita già a breve termine e abbracciare nuove tecnologie per introdurre nuovi modi di viaggiare in aereo in futuro. Il nostro impegno decennale per offrire voli a emissioni zero è più intenso che mai mentre ci imbarchiamo nel viaggio di offrire il nostro vero prodotto Miniliner a idrogeno a zero emissioni ai cieli europei entro il 2030 “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi