Lufthansa

Lufthansa un 2021 forte dopo perdita di €5,5 miliardi.

Tempo di lettura 5 minuti

Carsten Spohr: “I certificati di vaccinazione e test digitali riconosciuti a livello internazionale devono sostituire i divieti di viaggio e la quarantena”

Lufthansa si è preparata a offrire nuovamente fino al 70% della capacità a breve termine, continua la crescita del cargo
dopo i risultati record nel 2020.

Carsten Spohr, CEO di Deutsche Lufthansa AG, afferma: “L’anno scorso è stato l’anno più impegnativo nella storia della nostra azienda – per i nostri clienti, i nostri dipendenti e i nostri azionisti. Le restrizioni di viaggio e la quarantena hanno portato a un crollo unico della domanda di viaggi aerei. Ora riconosciuti a livello internazionale, vaccinazioni digitali e certificati di prova deve sostituire i divieti di viaggio e la quarantena in modo che le persone possano ancora una volta visitare familiari e amici, incontrare partner commerciali o conoscere altri paesi e culture “.

Guardando al futuro sviluppo del Gruppo Lufthansa, Carsten Spohr ha dichiarato:
La crisi unica sta accelerando il processo di trasformazione della nostra azienda. Il 2021 sarà per noi un anno di ridimensionamento e modernizzazione. L’attenzione rimarrà sulla sostenibilità: stiamo esaminando se tutti gli aeromobili di età superiore a 25 anni rimarranno a terra in modo permanente. Da dall’estate in poi, prevediamo una ripresa della domanda non appena i limiti di viaggio restrittivi saranno ridotti da un’ulteriore introduzione di test e vaccini. Siamo pronti a offrire nuovamente fino al 70% della nostra capacità pre-crisi a breve termine con l’aumentare della domanda. Con un Lufthansa Group più piccolo, più agile e più sostenibile, vogliamo mantenere la nostra posizione di leader a livello mondiale e garantire i posti di lavoro di circa 100.000 dipendenti a lungo termine “.

Risultati 2020

La domanda è diminuita drasticamente nell’anno della pandemia e per le limitazioni di viaggio.

I ricavi del Gruppo Lufthansa sono scesi a 13,6 miliardi di euro nel 2020 (anno precedente: 36,4 miliardi di euro).

Nonostante la rapida e ampia riduzione dei costi, il Gruppo Lufthansa ha dovuto registrare un EBIT rettificato di meno 5,5 miliardi di euro (anno precedente: profitto di 2,0 miliardi di euro) -40,1% (anno precedente: più 5,6 percento).

Il cash burn operativo nel quarto trimestre del 2020 è stato di circa 300 milioni di euro al mese.

I progressi nella ristrutturazione hanno limitato l’impatto dell’intensificarsi della pandemia sui guadagni. I costi del personale sono stati notevolmente ridotti grazie alla riduzione della forza lavoro, agli accordi di crisi con le parti sociali e al lavoro a orario ridotto. A fine anno 2020, il numero di dipendenti era di 110.000, circa il 20% in meno rispetto all’anno precedente.

La perdita di EBIT riportata è stata inferiore di circa 1,9 miliardi di euro a meno 7,4 miliardi di euro, principalmente a causa di svalutazioni eccezionali su aeromobili e avviamento.

Lufthansa Cargo ottiene risultati record.

A differenza delle compagnie aeree passeggeri, la divisione cargo del Gruppo ha beneficiato della crescente domanda nel corso dell’anno.

Sostenuta da un forte aumento dei rendimenti medi a fronte di una domanda costantemente elevata, Lufthansa Cargo ha ottenuto un risultato record con un EBIT rettificato di 772 milioni di euro (anno precedente: 1 milione di euro) nonostante un calo del 36% della capacità di trasporto merci.

La spesa in conto capitale presso il Gruppo Lufthansa è stata ridotta di circa due terzi anno su anno nel 2020 a 1,3 miliardi di euro (anno precedente: 3,6 miliardi di euro), principalmente sulla base di ampi accordi con i produttori di aeromobili. Queste prevedono il posticipo delle consegne di aeromobili nel 2021 e oltre, in modo che la spesa in conto capitale annuale sarà inferiore a quanto originariamente previsto anche negli anni futuri.

Il flusso di cassa libero rettificato è stato negativo per 3,7 miliardi di euro (anno precedente: 203 milioni di euro), con circa 3,9 miliardi di euro pagati solo per il rimborso dei biglietti. Ciò è stato compensato da 1,9 miliardi di euro di nuove prenotazioni. Il flusso di cassa residuo è stato limitato da una rigorosa gestione dei crediti e dei debiti.

L’indebitamento finanziario netto, inclusi i debiti per leasing, è aumentato a circa 9,9 miliardi di euro (anno precedente: 6,7 miliardi di euro). Le passività pensionistiche sono aumentate del 43% a 9,5 miliardi di euro (anno precedente: 6,7 miliardi di euro), principalmente a causa del calo del tasso di interesse utilizzato per scontare gli obblighi pensionistici allo 0,8% (anno precedente: 1,4%).

Al 31 dicembre 2020, il Gruppo Lufthansa aveva una liquidità disponibile di circa 10,6 miliardi di euro, di cui 5,7 miliardi di euro relativi a misure di stabilizzazione governative non utilizzate. Entro la fine del 2020, il Gruppo Lufthansa aveva prelevato fondi di stabilizzazione governativi per circa 3,3 miliardi di euro, di cui 1 miliardo di euro è già stato nel frattempo rimborsato.

Nella seconda metà del 2020, il Gruppo è tornato con successo sul mercato dei capitali e ha raccolto fondi per 2,1 miliardi di euro tramite obbligazioni e finanziamenti per aeromobili. Inoltre, il 4 febbraio il Gruppo ha collocato due obbligazioni per un volume totale di 1,6 miliardi di euro, i cui proventi sono stati utilizzati tra l’altro per rimborsare il prestito KfW di 1 miliardo di euro. Nel complesso, il rifinanziamento a lungo termine di tutte le passività finanziarie in scadenza nel 2021 è così garantito.

“Le ultime transazioni hanno dimostrato quanta fiducia il mercato ha nella nostra azienda. Il Gruppo Lufthansa è ben finanziato oltre il 2021. Ciò è anche aiutato dagli elementi precedentemente inutilizzati del pacchetto di stabilizzazione, a cui possiamo attingere se necessario per bilancio “, ha affermato Remco Steenbergen, Direttore finanziario di Deutsche Lufthansa AG.

Dati di traffico 2020

Nel 2020, le compagnie aeree del Gruppo Lufthansa hanno offerto circa un terzo dei voli o una capacità (chilometri di posti disponibili) del 31 percento rispetto all’anno precedente.

Con 36,4 milioni, il numero di passeggeri era del 25% rispetto al dato dell’anno precedente, risultando in un fattore di carico del 63%, 19,3 punti percentuali inferiore rispetto all’anno precedente.

A causa dell’eliminazione della capacità di carico in stiva degli aerei passeggeri, la capacità di carico è diminuita del 39%. Nello stesso periodo, i chilometri di merci vendute sono diminuiti del 31% a 7.390 milioni di tonnellate. Allo stesso tempo, il fattore di carico è aumentato di 8,4 punti percentuali al 69,7%. I rendimenti medi sono aumentati di circa il 55% a causa della carenza di offerta.

Il Gruppo Lufthansa ha beneficiato del suo sistema di hub. A differenza dei concorrenti, che offrono solo collegamenti point-to-point, le compagnie aeree del Lufthansa Group sono state in grado di raggruppare i bassi volumi di traffico nei loro hub e quindi mantenere importanti collegamenti. Inoltre, lo stretto collegamento in rete tra traffico passeggeri e merci negli hub ha reso possibile la sicurezza delle catene di approvvigionamento globali.

Outlook

Lo scorso anno il numero dei dipendenti è diminuito di circa 28.000. In Germania verranno ridotti altri 10.000 posti di lavoro o dovranno essere compensati i costi del personale corrispondenti.

La flotta del Gruppo sarà ridotta a 650 aeromobili nel 2023. Entro la metà del decennio, il Gruppo prevede che il livello di capacità tornerà al 90%. Inoltre, il Gruppo sta esaminando la cessione di società controllate che offrono solo piccole sinergie con il core business.

Ogni volta che le restrizioni vengono eliminate, le prenotazioni tendono ad aumentare notevolmente nella rispettiva area di traffico.

Per l’intero anno 2021, il Gruppo prevede che la capacità offerta aumenterà dal 40 al 50% rispetto ai livelli del 2019 e rimane l’aspettativa che verranno generati flussi di cassa operativi positivi quando la capacità offerta sarà superiore al 50%.

Con l’espansione strategica del business del turismo e un Lufthansa Cargo forte e costante, il Gruppo è in grado di trarre vantaggio dalle opportunità di mercato a breve termine. Continua il boom del settore cargo.

Il drenaggio di cassa operativo medio mensile, escluse le variazioni del capitale circolante, le spese in conto capitale e le spese una tantum e di ristrutturazione, dovrebbe essere limitato a circa 300 milioni di euro nel primo trimestre del 2021.

Grazie alle nostre recenti misure di finanziamento, disponiamo di liquidità sufficiente per resistere a un contesto di mercato che rimane difficile. Il passo successivo è rafforzare il nostro bilancio e ridurre il debito. In tal modo, ridurremo i nostri costi attraverso una ristrutturazione riuscita. La nostra crisi e la gestione dei costi ha avuto effetto molto più rapidamente di quanto inizialmente previsto. Allo stesso tempo, la nostra attività si è ripresa più lentamente di quanto avevamo inizialmente sperato. Oltre a rimborsare i fondi di stabilizzazione del governo, l’obiettivo della nostra strategia finanziaria è il ri -valutare la nostra solvibilità a livello di investimento a medio termine “, afferma Remco Steenbergen.

Il Gruppo Lufthansa prevede che la perdita operativa, misurata in termini di EBIT rettificato, sarà inferiore nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi