Aeroporto di Amburgo HAM

Salviamo il Boeing B707-430 Lufthansa ad Amburgo

Tempo di lettura 2 minuti

Lo storico Boeing 707-430 D-ABOD Lufthansa di proprietà dell’aeroporto di Amburgo, verrà demolito in primavera.

L’aeroporto di Amburgo motiva la scelta a causa dei costi di manutenzione e la necessità di tagliare i costi.

Sarebbe un errore demolire un unico esemplare di un aereo che ha fatto la storia dell’aviazione mondiale.

Sebbene non sia stato il primo jet commerciale a entrare in servizio (il primo fu il de Havilland DH.106 Comet), fu il primo aereo di linea di successo di Boeing ed il primo della serie 7X7.

Trainò l’aviazione commerciale nell’era degli aerei a reazione, con cui Boeing si attestò come uno dei più grandi produttori di aerei passeggeri.

Dopo quasi 40 anni al servizio della Deutsche Lufthansa / Lufthansa Technik e più di 20 anni come aereo da museo all’aeroporto di Amburgo, il Boeing 707-430 dell’aeroporto di Amburgo per “la difficile situazione economica legata alla corona sta costringendo l’aeroporto di Amburgo ad adeguare i costi e le strutture: anche le spese di manutenzione per lo storico aereo a lungo raggio hanno dovuto essere messe alla prova. Ora la decisione è stata presa: la macchina con registrazione D-ABOD verrà riciclata. I fan dell’aviazione possono anche fare offerte per singoli articoli.

Boeing 707-430 aeroporto di Amburgo D-ABOD

Sono stati diversi i tentativi da parte dell’aeroporto di Amburgo di dislocare in un museo il 707, senza riuscirci ed ha quindi deciso di demolirlo, vendendo i pezzi tramite la casa d’aste di Amburgo Dechow.

Erano 5 i Boeing 707-430 di Deutsche Lufthansa entrato in servizio nel 1960 ed e’ l’unico rimasto.

E’ rimasto in servizio per 15 anni, con il nome di “Francoforte”, e’ stato dismesso nel 1975.

Da quando D-ABOD con il nuovo logo “HAMBURG AIRport” e il logo dell’aeroporto nella parte posteriore e’ diventato di proprietà dell’aeroporto, un team dedicato di dipendenti aeroportuali e fan del 707 dell’”Hamburg Airport Friends” si sono occupati della riparazione si sono presi cura degli interni, oltre al suo ruolo di velivolo da museo, l’aereo è stato anche un set cinematografico per numerose produzioni cinematografiche e fotografiche.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi