Scozia

La Scozia rimuove il corridoio sicuro per Dubai

Tempo di lettura < 1 minuto

Il governo scozzese ha rimosso dalla lista dei corridoi sicuri Dubai, dopo l’aumento dei casi positivi al covid19 da Dubai.

Anche l’inghilterra dovrebbe a breve prendere la stessa decisione.

Da oggi tutti i passeggeri in arrivo da Dubai dovranno quindi trascorrere un periodo di quarantena di 10 giorni, dalla data di rientro in Scozia.

I casi positivi sono stati riscontrati nei voli da Dubai a Glasgow, il segretario ai trasporti scozzese Michael Matheson precisa che: “Questa azione preventiva affronta il significativo aumento dei casi di coronavirus (COVID-19), e l’aumento del numero di casi risultati positivi in ​​Scozia. Rimane chiaro che le persone non dovrebbero intraprendere viaggi all’estero se non in circostanze eccezionali “.

Emirates da Glasgow a Dubai ha anche utilizzato l’Airbus A380, Dubai è una destinazione molto richiesta dagli scozzesi, il primo volo 16 anni fa nel 2004.

Il segretario ai trasporti scozzese Michael Matheson ha dichiarato: “È evidente, sia in Scozia che nei paesi di tutto il mondo, che il virus continua a rappresentare un rischio reale per la salute e la vita e dobbiamo interrompere l’aumento dei casi provocato da chi arriva nel Regno Unito è la nostra prima difesa nella gestione del rischio di casi importati da comunità ad alto rischio di trasmissione. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di rimuovere Dubai dall’elenco delle esenzioni dei paesi.” Matheson ci tiene a ricordare che “Indipendentemente dal fatto che una destinazione all’estero sia stata designata o meno per le restrizioni di quarantena, il nostro messaggio rimane chiaro che le persone non dovrebbero attualmente intraprendere viaggi all’estero non essenziali. Le persone devono rimanere a casa per aiutare a sopprimere il virus, proteggere il nostro NHS e salvare vite umane. “

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi