Embraer

Embraer è ottimista

Tempo di lettura < 1 minuto

Buone le previsioni di mercato di Embraer, che si aspetta una maggiore domanda per aeromobili fino a 150 posti e quindi nuovi ordini e consegne.

Il modello esamina la domanda dei passeggeri per i viaggi aerei e le consegne di nuovi aeromobili nei prossimi 10 anni.

Il focus sul segmento di mercato di Embraer ovvero aeromobili fino a 150 posti, identificano che in base alle tendenze emergenti che influenzeranno la crescita, i fattori che modelleranno le future flotte aeree e le regioni del mondo che guideranno la domanda nel settore commerciale e la pandemia che sta causando cambiamenti fondamentali che stanno rimodellando i modelli di viaggio aereo e la domanda di nuovi aeromobili, Embraer potrà avere un suo spazio.

Le compagnie aeree stanno ripensando la loro flotta, con aerei più piccoli, più efficienti e con meno costi operativi, non solo un modo per efficientare le operazione e ridurre i costi, ma anche un occhio al rispetto dell’ambiente, con una riduzione di consumi e emissioni.

E la pandemia: “l’impatto a breve termine della pandemia globale ha implicazioni a lungo termine per la domanda di nuovi aeromobili “, ha affermato Arjan Meijer, Presidente e CEO di Embraer Commercial Aviation. “La nostra previsione riflette alcune delle tendenze che stiamo già osservando: il pensionamento anticipato di aeromobili più vecchi e meno efficienti, la preferenza per aeroplani più piccoli più redditizi per soddisfare la domanda più debole e la crescente importanza delle reti di compagnie aeree nazionali e regionali nel ripristino di servizio aereo. Gli aeromobili con un massimo di 150 posti saranno determinanti per la rapidità con cui il nostro settore si riprenderà

E’ possibile consultare il sito dedicato di Embraer, qui di seguito il rapporto dettagliato.

EMBRAER-Market-Outlook-2020

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi