BER Brandeburgo Willy Brandt

Svelato il memorial wall Willy Brandt al BER

Tempo di lettura 3 minuti

“Se mi chiedessero di dire ciò che, a parte la pace, era più importante per me, la mia risposta sarebbe: libertà”

Queste sono le parole più famose di Willy Brandt, ex cancelliere tedesco a cui è stato intitolato il nuovo aeroporto di Berlino, il BER, non scelte a caso, ma con uno specifico significato nella storia della Germania.

Una delle cerimonie a contorno dell’inaugurazione di domami, 31 ottobre, si e’ svolta oggi per svelare il muro commemorativo a Willy Brandt nel Terminal 1 dell’aeroporto di Berlino Brandeburgo.

Il memorial wall dedicato a Willy Brandt al T1 del nuovo aeroporto di Berlino Brandeburgo BER

Willy Brandt e’ considerato uno degli statisti più importanti del XX secolo.

Il memorial wall si trova nell’area pubblica del Terminal 1 al livello degli arrivi E0, accanto alla scala principale che conduce alla hall del check-in.

Un particolare del memorial wall dedicato a Willy Brandt al T1 del nuovo aeroporto di Berlino Brandeburgo BER

Engelbert Lütke Daldrup, CEO, Flughafen Berlin Brandenburg GmbH: “I tre aeroporti di Berlino a Tempelhof, Tegel e Gatow hanno rappresentato la libertà di Berlino Ovest sin dal ponte aereo. Ma l’aeroporto di Schönefeld è stato anche la porta d’accesso al mondo per la DDR, nonostante i viaggi restrizioni. Il blocco di Berlino Ovest nel 1948 ha lasciato il segno su Willy Brandt e in seguito ha determinato le sue azioni come sindaco di governo della città. La libertà, come definita da Willy Brandt, include anche la libertà di movimento e la capacità di viaggiare senza restrizioni. il nuovo aeroporto dopo Willy Brandt è la scelta ideale. Berlino e Brandeburgo, e la Germania nel suo insieme, possono esserne orgogliosi “.

Michael Müller, sindaco di Berlino: “Willy Brandt è stato uno dei grandi statisti tedeschi. Come berlinese e tedesco, come europeo e cittadino del mondo, ha lavorato instancabilmente in difesa della libertà di tutti i cittadini. Il presidente degli Stati Uniti John F. La leggendaria visita di Kennedy a Berlino nel 1961 ebbe luogo durante il mandato di Willy Brandt come sindaco. Sono lieto che, commemorando Willy Brandt nel nuovo aeroporto della regione della capitale tedesca, sottolineiamo l’importanza implicita della libertà di viaggio e degli incontri transfrontalieri in relazione alla libertà di tutti noi “.

Katrin Lange, Ministro delle finanze e degli affari europei dello Stato di Brandeburgo: “Il lungo viaggio del nostro nuovo aeroporto non è stato sempre ed esclusivamente guidato da decisioni molto fortunate. Ma ora che il lavoro è stato completato, nonostante molti sforzi e difficoltà, vorrei cogliere l’occasione per sottolineare che una decisione è stata felice fin dall’inizio – e questa è stata la decisione di chiamare questo aeroporto in onore di Willy Brandt. Si potrebbe dire che questa decisione non avrebbe potuto essere migliore. Fu Willy Brandt a dichiarare nel 1969: “Vogliamo essere e diventare una nazione di buoni vicini, sia a livello nazionale che all’estero”. A trent’anni dalla rivoluzione pacifica e dall’unificazione della Germania, questo è un buon momento per ricordare chi era Willy Brandt prima di tutto: uno dei grandi e incrollabili combattenti per la causa della libertà e della democrazia. Ed è quello che ci ricorda questo muro. Non c’è modo migliore per accogliere i futuri viaggiatori da tutto il mondo qui al BER che con una parola del premio Nobel per la pace e grande europeo, Willy Brandt. “

L’ex presidente del Bundestag tedesco Dr. h.c. Wolfgang Thierse, Presidente del Consiglio di fondazione della Fondazione Willy Brandt del Cancelliere federale: “Quando BER aprirà domani, il nome di Willy Brandt accoglierà milioni di viaggiatori da tutto il mondo. L’aeroporto nella regione della capitale tedesca è quindi un luogo meraviglioso per ricordare l’affermazione di Willy Brandt secondo cui, come berlinesi ed europei, abbiamo la responsabilità di vedere la libertà di viaggio solo come una parte della libertà. “

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi