IAG

IAG, risultati al 30 settembre 2020

Tempo di lettura 2 minuti

IAG ha presentato oggi (30 ottobre 2020) i risultati consolidati del Gruppo per i nove mesi fino al 30 settembre 2020.

I risultati sono stati influenzati in modo significativo dall’epidemia di COVID-19, che ha avuto un impatto materiale sui settori delle compagnie aeree e dei viaggi globali, in particolare dalla fine di febbraio 2020 in poi e senza segnali immediati di ripresa.

Risultati al 30 settembre 2020

  • La capacità passeggeri ha operato nel terzo trimestre in calo del 78,6% rispetto al 2019 e per il periodo di nove mesi in calo del 64,3% rispetto al 2019
  • Perdita operativa del terzo trimestre 1.300 milioni di euro prima degli elementi eccezionali (utile operativo 2019: 1.425 milioni di euro)
  • Perdita operativa prima delle componenti eccezionali per i nove mesi € 3.200 milioni (utile operativo 2019: € ​​2.520 milioni)
  • Oneri eccezionale nel periodo di nove mesi di 2.755 milioni di euro per eliminazione contabile di coperture su combustibili e cambi, svalutazione della flotta e costi di ristrutturazione; oneri eccezionali per il trimestre 3 € 618 milioni
  • Perdita al netto delle imposte prima degli elementi eccezionali per il periodo di nove mesi 3.176 milioni di euro e dopo la perdita legale di nove mesi imposte ed elementi eccezionali: 5.567 milioni di euro (utile 2019: 1.814 milioni di euro)
  • Liquidità di € 5.011 milioni al 30 settembre 2020 in diminuzione di € 1.672 milioni rispetto al 31 dicembre 2019. Impegnati e non utilizzati gli impianti generali e aeronautici sono stati di 1,6 miliardi di euro, portando la liquidità totale a 6,6 miliardi di euro. Includendo 2,7 miliardi di euro di proventi lordi dell’aumento di capitale (ricevuto all’inizio di ottobre) si ottiene una liquidità pro-forma totale di 9,3 miliardi di euro

Luis Gallego, amministratore delegato di IAG, ha dichiarato:
Nel terzo trimestre segnaliamo una perdita operativa di 1.300 milioni di euro al lordo degli elementi eccezionali rispetto a un utile operativo di 1.425 milioni di euro lo scorso anno. La perdita operativa totale è stata di 1.918 milioni di euro, comprese le voci eccezionali relative alle coperture del carburante più i costi di ristrutturazione di British Airways e Aer Lingus.
“Questi risultati dimostrano l’impatto negativo di COVID 19 sulla nostra attività, ma sono esacerbati dalle restrizioni governative in costante cambiamento. Ciò crea incertezza per i clienti e rende più difficile pianificare la nostra attività in modo efficace. Chiediamo ai governi di adottare test pre-partenza utilizzando test affidabili e convenienti con l’opzione di test post volo per rilasciare le persone dalla quarantena dove arrivano da paesi con alti tassi di infezione. Ciò aprirebbe rotte, stimolerebbe le economie e farebbe viaggiare le persone con fiducia. Quando apriamo rotte, la domanda di viaggi è repressa. Tuttavia, continuiamo a prevedere che ci vorrà almeno fino al 2023 affinché la domanda di passeggeri raggiunga i livelli del 2019. Il Gruppo ha compiuto progressi significativi nella ristrutturazione e continuiamo a ridurre la nostra base di costi e ad aumentare la percentuale dei nostri costi variabili. Abbiamo anche completato con successo un aumento di capitale da 2,74 miliardi di euro nel trimestre. Rafforza la nostra posizione finanziaria e strategica e rende IAG in una posizione migliore per trarre vantaggio dalla ripresa della domanda di viaggi aerei “.

Interim-Management-Statement-for-nine-months-to-September-30-2020

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi