easyJet

Passeggera “impazzita” in un volo easyJet a Belfast

Tempo di lettura 2 minuti

A bordo del volo easyJet EZY481 da Belfast a Edimburgo il 18 ottobre, una passeggera a dir poco “impazzita” è stata giustamente fatta scendere e denunciata per un episodio inaccettabile a bordo, ancor di più durante una pandemia.

Il personale di bordo ha gestito come meglio poteva e secondo procedura, l’accaduto, la passeggera non indossava la mascherina e si rifiutava di indossarla, ma l’episodio ha avuto un risvolto anche peggiore.

La passeggera infatti nel momento in cui l’equipaggio l’ha invitata ad indossare la mascherina, ha iniziato a imprecare contro l’equipaggio di cabina e gli altri passeggeri seduti vicino.

Ovviamente in questi casi non c’è altra soluzione che invitare il passeggero a scendere dall’areo e avvisare immediatamente la polizia dello scalo aeroportuale che deve provvedere a prendere il consegna il passeggero.

Mentre la passeggera veniva faticosamente fatta scendere, come testimonia un video circolato in rete si vede e si sente la donna imprecare con equipaggio e passeggeri, con queste parole:

“everybody f***ing dies” – .

“Everybody dies, you know that. Every f***ing body dies.

“If it’s from corona or not, everybody dies.”

L’aeroporto di Belfast conferma l’arresto e l’apertura di un un indagine.

Anche easyJet in una nota ha confermato ieri l’incidente sul volo per Edimburgo ribadendo che non avrebbero “tollerato comportamenti dirompenti nei confronti di altri passeggeri e membri dell’equipaggio“.

Un portavoce di easyJet ha dichiarato: “easyJet può confermare che la polizia ha assistito al volo EZY481 da Belfast a Edimburgo il 18 ottobre a causa di un passeggero che si è comportato in modo irregolare a bordo e si rifiuta di indossare la copertura del viso. In linea con le linee guida dell’EASA, tutti i passeggeri sono attualmente tenuti a portare la propria copertura per il viso per il proprio volo che deve essere indossata durante l’imbarco e a bordo, tranne quando si mangia o si beve. I passeggeri ricevono comunicazioni chiare prima del viaggio e tramite annunci a bordo per garantire che siano consapevoli di questo requisito per la salute e la sicurezza di tutti a bordo. Non tollereremo comportamenti di disturbo nei confronti di altri passeggeri e membri dell’equipaggio”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi