easyJet

EasyJet Trading Update FY2020

Tempo di lettura 4 minuti

EasyJet ha rilasciato oggi il Trading Update per l’anno fiscale che termina il 30 settembre 2020.

Durante il quarto trimestre easyJet ha trasportato poco più di nove milioni di passeggeri, con una puntualità del 94%.

A seguito del recente annuncio secondo cui Moya Greene DBE ha deciso che non si candiderà per la rielezione al prossimo AGM della Società, Moni Mannings succederà a Moya come Presidente del Comitato per la remunerazione con effetto immediato.

Al 30 settembre 2020, la posizione debitoria netta di easyJet era di £ 1,1 miliardi (30 settembre 2019: £ 326 milioni) in crescita di 774 milioni, con disponibilità liquide e mezzi equivalenti di circa 2,3 miliardi di sterline.

easyJet si concentrerà sul flusso di cassa generato dalle operazioni di volo durante la stagione invernale al fine di ridurre al minimo le perdite e il cash burn durante la prima metà del FY21.

easyJet rimane estremamente disciplinato nel concentrarsi su voli redditizi. In genere riduciamo le frequenze delle nostre rotte durante l’inverno e lo faremo in modo molto più significativo quest’anno. I nostri team operativi, finanziari e commerciali hanno lavorato su aggiornamenti dinamici della pianificazione, con un tempo di consegna da due a quattro settimane, al fine di sfruttare tutta la domanda disponibile.”

easyJet ha raccolto oltre 2,4 miliardi di sterline in contanti dall’inizio della pandemia Covid-19, nel rapporto si legge che “è ben posizionata per resistere al contesto difficile in corso e capitalizzare su una ripresa, una volta che le restrizioni sui viaggi del governo saranno state allentate.”

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “All’inizio di quest’anno, nessuno avrebbe potuto immaginare l’impatto che la pandemia ha avuto sul settore. EasyJet si è adattata e ha raccolto le sfide presentate dalla pandemia intraprendendo azioni decisive per minimizzare le perdite, rafforzare la liquidità e ridurre il cash burn mentre l’avvio di un importante programma di ristrutturazione, dopo aver completato la consultazione nel Regno Unito e avviato consultazioni in una serie di paesi chiave.

In tutto abbiamo adottato un approccio molto prudente e conservativo alla capacità e questo approccio disciplinato ci ha visto fornire un risultato di cash burn migliore del previsto nel quarto trimestre e ci vedrà continuare a concentrarci su voli redditizi durante la stagione invernale al fine di minimizzare le perdite e cash burn durante la prima metà del 2021.

Sulla base delle attuali restrizioni di viaggio, prevediamo di volare circa il 25% della capacità pianificata per il primo trimestre del 2021, ma conserviamo la flessibilità di aumentare rapidamente la capacità quando vediamo il ritorno della domanda ei livelli di prenotazione anticipata per l’estate ’21 sono in linea con gli anni precedenti.

L’aviazione continua ad affrontare la minaccia più grave della sua storia e il governo britannico deve urgentemente intensificare un pacchetto di misure su misura per garantire che le compagnie aeree siano in grado di sostenere la ripresa economica quando arriva. […]

Revenue

Il numero di passeggeri1 per l’intero anno è diminuito del 50% a 48 milioni, in linea con una diminuzione della capacità del 48% a 55 milioni di posti, il LF per l’intero anno diminuirà di 4,3 punti percentuali all’87,2%.

La capacità nel quarto trimestre è stata del 38% dei livelli precedentemente pianificati.

Costi

I costi sono diminuiti per l’intero anno del 36% circa a 3.840 milioni di sterline circa, principalmente a causa di una diminuzione della capacità volata.

“Nonostante le limitazioni di viaggio in continua evoluzione in tutta Europa e il conseguente impatto sulla domanda dei clienti, easyJet ha mantenuto un approccio disciplinato alla gestione della capacità e della liquidità.” si legge nella nota, il consumo di cassa totale durante il quarto trimestre dovrebbe essere inferiore a 700 milioni di sterline, rispetto ai 774 milioni di sterline del terzo trimestre.

Ristrutturazione

Come annunciato in precedenza, easyJet ha lanciato un importante programma di ristrutturazione e riduzione dei costi per ridurre i costi in tutte le aree dell’attività.

La rimozione dei costi dal business è una priorità di gestione chiave e posizionerà easyJet per uscire dalla pandemia in una posizione ancora più competitiva a lungo termine.

easyJet ha avviato un processo di consultazione dei dipendenti sulle proposte per ridurre il numero di dipendenti fino al 30%, inclusa l’ottimizzazione della nostra rete e delle basi, il miglioramento della produttività e la promozione di modi di lavoro più efficienti.

easyJet ha chiuso le sue basi a Southend, Stansted e Newcastle, sebbene Stansted e Newcastle continuino ad essere servite con voli in entrata. Nell’ambito di questa ottimizzazione delle basi, easyJet aprirà basi stagionali a Malaga e Faro durante l’estate ’21.

Carburante e costi fissi

Il costo totale per il carburante per l’anno finanziario 2020 dovrebbe essere di circa 720 milioni di sterline.

L’onere non principale che sarà assunto nel secondo semestre 2020 relativo alle coperture cessate e all’inefficacia della copertura sarà di circa 145 milioni di sterline.

Il totale delle valute estere del titolo avrà un impatto positivo su base annua di circa £ 30 milioni.

Liquidità

easyJet ha intrapreso un’azione rapida e decisiva per raccogliere oltre 2,4 miliardi di sterline in contanti dall’inizio della pandemia Covid-19, da una gamma diversificata di fonti di finanziamento tra cui debito e azioni.

Dopo la conclusione in agosto del programma di leaseback di 23 aeromobili per un valore di 608 milioni di sterline, circa il 50% della flotta rimane libera, easyJet prevede di avere 337 aeromobili nella flotta alla fine di ottobre.

Queste misure hanno ulteriormente rafforzato la posizione di liquidità e le metriche di credito di easyJet, rafforzando al contempo la forza di bilancio per fornire un significativo cuscinetto di liquidità.

Al 30 settembre 2020 la liquidità è di circa 2,3 miliardi di sterline.

Come indicato in precedenza, easyJet continuerà a rivedere la propria posizione di liquidità su base regolare e continuerà a valutare ulteriori opportunità di finanziamento, tra cui vendita e lease back, se necessario.

Outlook

easyJet prevede di riportare una perdita complessiva del gruppo al lordo delle imposte compresa tra £ 815 e £ 845 milioni per l’anno finanziario 2020.

La perdita complessiva del gruppo di easyJet nel quarto trimestre dovrebbe essere inferiore alla perdita nel terzo trimestre.

Si prevede che nell’anno finanziario 2020 saranno rilevate voci non principali per circa 440 milioni di sterline, comprendenti l’inefficacia della copertura, il programma di ristrutturazione di easyJet, il deterioramento dei contratti di locazione a breve termine e gli utili da operazioni di vendita e lease back.

In linea con la politica dei dividendi di easyJet e alla luce della perdita attesa, il consiglio di amministrazione non consiglierà il pagamento di un dividendo per l’anno fino al 30 settembre 2020.

I risultati completi per l’esercizio chiuso al 30 settembre 2020 verranno comunicati il 17 novembre 2020.

Sulla base delle attuali restrizioni di viaggio nei mercati in cui operiamo, easyJet prevede di volare circa il 25% della capacità pianificata per il primo trimestre del 2021.

“Copriremo la maggior parte della nostra rete preesistente con una frequenza ridotta, approfittando della rinuncia europea agli slot meccanismo messo in atto per questo inverno per abbinare al meglio la nostra capacità con la minore domanda attualmente esistente.” si legge nell’aggiornamento.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi