IATA

Anche IATA richiede il test Covid prima del volo

Tempo di lettura 5 minuti

Vorrei tornare ai benefici ed ai risultati positivi, rispetto ad una politica basata sulle quarantene, dei test rapidi in aeroporto, per permettere al settore aereo di operare, seppure per ora con una capacità notevolmente ridotta, vista la stagione invernale.

Anche IATA sta utilizzando tutta la sua influenza sui diversi governi per lo sviluppo e l’implementazione di test COVID-19 rapidi, accurati, convenienti, facili da usare, scalabili e sistematici per tutti i passeggeri prima della partenza, come alternativa alle misure di quarantena.

Lo scopo come appena anticipato, ristabilire la connettività aerea globale. 

La IATA lavorerà con l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) e con le autorità sanitarie per implementare rapidamente questa soluzione.

Dopo più di sei mesi da quando la connettività globale è stata distrutta, quando i paesi hanno chiuso i loro confini per combattere la diffusione della pandemia, successivamente una riapertura parziale con una serie di vincoli oggetto di aggiornamenti e modifiche continue, non comuni, che hanno creato anche una confusione di regole e restrizioni, difficili da comprendere per i passeggeri e che hanno complicato le operazioni dei vettori aerei, rendendo impossibile una pianificazione affidabile.

La chiave per ripristinare la libertà di mobilità transfrontaliera è il sistematico test COVID-19 di tutti i viaggiatori prima della partenza. Ciò darà ai governi la fiducia necessaria per aprire i propri confini senza complicati modelli di rischio che vedono cambiamenti costanti nelle regole imposte ai viaggi. Testare tutti i passeggeri restituirà alle persone la libertà di viaggiare con sicurezza. E questo riporterà milioni di persone al lavoro “, ha affermato Alexandre de Juniac, Direttore generale e CEO della IATA.


Approfondimento:

Test4Travel – Telegraph

I test in aeroporto sono più efficaci della quarantena, lo mostrano i dati raccolti tra i paesi che hanno ampliato i test aeroportuali sui turisti in arrivo, che hanno visto diminuire i tassi nazionali di infezione da Covid.


Il costo economico dell’interruzione della connettività globale rende l’investimento in una soluzione di test per l’apertura delle frontiere una priorità per i governi. 

La sofferenza umana e il dolore economico globale della crisi si prolungheranno se l’industria aeronautica, da cui dipendono almeno 65,5 milioni di posti di lavoro, collasserà prima della fine della pandemia.” avverte IATA che continua: “la quantità di sostegno del governo necessaria per evitare un tale collasso è in aumento. Si prevede che i ricavi già persi supereranno i 400 miliardi di dollari e il settore avrebbe registrato una perdita netta record di oltre 80 miliardi di dollari nel 2020 in uno scenario di rimbalzo più ottimistico di quanto si sia effettivamente verificato.

“La sicurezza è la massima priorità dell’aviazione. Siamo la forma di trasporto più sicura perché lavoriamo insieme come industria con i governi per implementare gli standard globali. Con il costo economico associato alle chiusure delle frontiere in aumento ogni giorno e una seconda ondata di infezioni che si diffonde, l’industria aeronautica deve fare appello a questa esperienza per unirsi ai governi e ai fornitori di test medici per trovare un sistema rapido, accurato, conveniente e facile da usare. e una soluzione di test scalabile che consentirà al mondo di riconnettersi e ripristinarsi in sicurezza “, ha affermato de Juniac.

Opinione pubblica

Un sondaggio sull’opinione pubblica commissionato da IATA, ha rivelato un forte supporto per i test COVID-19 dei passeggeri, il 65% degli intervistati ha convenuto che la quarantena non dovrebbe essere richiesta se una persona risulta negativa per COVID-19.

Il supporto dei passeggeri per i test è evidente nei risultati del sondaggio:

  • L’84% ha convenuto che il test dovrebbe essere richiesto a tutti i viaggiatori
  • L’88% ha convenuto di essere disposto a sottoporsi a test come parte del processo di viaggio

Oltre ad aprire le frontiere, la ricerca dell’opinione pubblica ha anche indicato che i test aiuteranno a ricostruire la fiducia dei passeggeri nell’aviazione. 

Gli intervistati hanno identificato l’implementazione delle misure di screening COVID-19 per tutti i passeggeri come efficace nel farli sentire al sicuro, secondo solo a indossare la maschera. 

Inoltre, la disponibilità di test rapidi per COVID-19 è tra i primi tre segnali a cui i viaggiatori cercheranno di essere rassicurati sul fatto che il viaggio è sicuro (insieme alla disponibilità di un vaccino o di un trattamento per COVID-19).

Praticità

La richiesta di IATA è di sviluppare un test che soddisfi i criteri di velocità, accuratezza, convenienza e facilità d’uso e che possa essere somministrato sistematicamente sotto l’autorità dei governi seguendo standard internazionali concordati. La IATA sta perseguendo questa posizione attraverso l’ICAO, che sta guidando gli sforzi per sviluppare e implementare standard globali per il funzionamento sicuro dei servizi aerei internazionali durante la pandemia COVID-19.

L’evoluzione dei test COVID-19 sta procedendo rapidamente su tutti i parametri: velocità, precisione, convenienza, facilità d’uso e scalabilità. Le soluzioni distribuibili sono previste nelle prossime settimane. “Chiedendo l’istituzione di un approccio globale al test COVID-19 per tutti i passeggeri prima della partenza, stiamo inviando un chiaro segnale delle esigenze dell’aviazione. Nel frattempo, stiamo acquisendo conoscenze pratiche dai programmi di test che già esistono come parte delle varie iniziative di bolla di viaggio o di corridoio di viaggio in tutto il mondo. Dobbiamo continuare con questi preziosi programmi che ci muovono nella giusta direzione costruendo esperienza di test, facilitando i viaggi essenziali e dimostrando l’efficacia dei test “, ha affermato de Juniac.

Il test COVID-19 prima della partenza è l’opzione preferita in quanto creerà un ambiente “sicuro” durante tutto il processo di viaggio. 

I test all’arrivo riducono la fiducia dei passeggeri con il potenziale di quarantena a destinazione in caso di risultato positivo.

ICAO

Ci saranno molte sfide pratiche per integrare i test nel processo di viaggio che stabiliscono i protocolli per gestire in sicurezza i test su larga scala tra tutte le parti interessate del settore. Il processo ICAO è fondamentale per allineare i governi a un unico standard globale che può essere implementato in modo efficiente e riconosciuto a livello globale. Le compagnie aeree, gli aeroporti, i produttori di apparecchiature e i governi dovranno quindi lavorare in totale allineamento in modo che possiamo farlo rapidamente. Ogni giorno che l’industria è radicata rischia di perdere posti di lavoro e difficoltà economiche “, ha detto de Juniac.

I Test COVID-19 prima della partenza sarebbe una soluzione temporanea a medio termine in attesa di un vaccino “Molti vedono lo sviluppo di un vaccino come la panacea per la pandemia. Sarà sicuramente un passo importante, ma anche dopo che un vaccino efficace sarà riconosciuto a livello globale, è probabile che il potenziamento della produzione e della distribuzione richiederà molti mesi. I test saranno una soluzione provvisoria molto necessaria “, ha affermato de Juniac.

Priorità

Il trasporto aereo non è l’unico settore con una necessità critica di test. “Le esigenze del personale medico devono essere la prima priorità. E riconosciamo che anche le istituzioni educative e i luoghi di lavoro competeranno per capacità di test di massa efficaci. I responsabili politici devono considerare lo stimolo economico che solo l’aviazione può fornire quando danno la priorità alle loro risorse di test. Ad esempio, ristabilire la connettività globale preserverà i posti di lavoro nei viaggi e nel turismo, che rappresentano il 10% dell’occupazione globale e sono stati i più colpiti in questa crisi. Ciò si aggiunge al ruolo fondamentale svolto dall’aviazione nel facilitare il commercio e gli affari globali. La riapertura delle frontiere supportata da test sistematici di tutti i passeggeri prima della partenza dovrebbe rientrare nella lista delle priorità dei governi “, ha affermato de Juniac.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi