IAG

IAG, aumento di capitale di 2.741 milioni di euro

Tempo di lettura 4 minuti

A seguito dell’annuncio del 31 luglio 2020 e dell’approvazione da parte degli azionisti dell’8 settembre 2020, International Consolidated Airlines Group, SA IAG annuncia oggi una aumento di capitale con diritto di sottoscrizione anticipata per la raccolta di ricavi lordi per 2.741 milioni di euro.

L’aumento di capitale avverrà com l’emissione di 2.979.443.376 nuove azioni di IAG.

Il prezzo di sottoscrizione sarà di € 0,92 per ogni Nuova Azione, rappresentando uno sconto del 35,9% sul TERP (prezzo teorico ex diritti) basato sul prezzo di chiusura delle azioni del 9 settembre 2020.

Come precedentemente annunciato, Qatar Airways Group Q.C.S.C. (“Qatar Airways”), il maggiore azionista di IAG (partecipazione del 25,1%), si è irrevocabilmente impegnata a sottoscrivere il proprio diritto pro-quota ai sensi dell’Aumento di Capitale.

Obbiettivi da raggiungere grazie all’aumento di capitale

  • consentire a IAG di rafforzare il proprio bilancio e ridurre la leva finanziaria;
  • aumentare la liquidità e aiutare IAG a resistere a una recessione più prolungata dei viaggi aerei sulla base della pianificazione di scenari ribassisti di IAG;
  • fornire a IAG la flessibilità operativa e strategica per trarre vantaggio da una ripresa della domanda di viaggi aerei.
  • IAG ha agito rapidamente per mitigare gli impatti della pandemia COVID-19, rafforzare la liquidità e proteggere il suo futuro a lungo termine. Queste azioni hanno consentito di risparmiare denaro grazie a una serie di misure tra cui: riduzioni di capacità; abbassare i costi operativi; l’accesso ai regimi di sostegno salariale del governo nel Regno Unito, Spagna e Irlanda e altre misure concordate per ridurre i costi dei dipendenti; ridurre la spesa discrezionale, incluso dimezzare gli investimenti pianificati nei prossimi tre anni, e ridurre significativamente le consegne della flotta.

IAG ritiene che l’Aumento di Capitale, insieme alla sua rapida risposta alla crisi, dovrebbe consentire al Gruppo di uscire dall’attuale pandemia in una posizione di forza, con maggiore resilienza, maggiore flessibilità e capacità di prendere le giuste decisioni operative e strategiche per il vantaggio a lungo termine di tutti i suoi stakeholder.

L’Aumento di Capitale è, soggetto a determinate condizioni, sottoscritto da Goldman Sachs International e Morgan Stanley & Co. International plc in qualità di Joint Sponsor, Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners, Deutsche Bank Aktiengesellschaft in qualità di Joint Global Coordinator e Joint Bookrunner e Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, SA, Banco Santander, SA, Barclays Bank PLC, BofA Securities, Citigroup Global Markets Limited e Credit Suisse Securities (Europe) Limited in qualità di Joint Bookrunner.

Impiego dei proventi

I proventi netti dell’Aumento di Capitale verranno utilizzati per rafforzare il bilancio del Gruppo riducendo la leva finanziaria e aumentando la posizione di liquidità di IAG.

Trading e prospettive attuali

A seguito di una cessazione quasi completa delle nuove attività di prenotazione in aprile e maggio, giugno ha visto un aumento significativo dei prenotazioni a circa il 30% dei livelli dell’anno precedente entro la fine del mese. Ciò è stato determinato dall’allentamento dei blocchi nazionali nei principali mercati interni e in tutta Europa, nonché dalla graduale riapertura dei confini intraeuropei. I viaggi nazionali hanno guidato la ripresa, seguiti dai viaggi internazionali a corto raggio e poi a lungo raggio.

Da luglio, IAG ha registrato un livellamento generale delle prenotazioni. Le prenotazioni a corto raggio sono leggermente diminuite a seguito della reimplementazione dei requisiti di quarantena da parte del Regno Unito e di altri governi europei per i viaggiatori di ritorno da paesi specifici, compresa la Spagna.

Come anticipato, IAG ha assistito a una ripresa ritardata dell’attività di prenotazione a lungo raggio, influenzata dalla continua esistenza di restrizioni ai viaggi verso molte destinazioni a lungo raggio, tra cui Nord e Sud America. Le prenotazioni a lungo raggio hanno registrato un modesto aumento da metà agosto.

Laddove i mercati dei viaggi hanno riaperto senza restrizioni alle frontiere e requisiti di quarantena, IAG è stato incoraggiato dal livello di domanda repressa esistente per i viaggi aerei.

Come risultato dell’impatto delle attuali restrizioni di viaggio e dei requisiti di quarantena sull’attività di prenotazione, lo scenario di pianificazione della capacità del Gruppo per il 2020 è stato ridotto a meno 63% in termini di chilometri di posti disponibili (ASK) rispetto al 2019 da meno 59% in precedenza. Per il 3Q 2020 la capacità dovrebbe diminuire del 78% rispetto al 2019 e inferiore a un calo del 74% nello scenario precedente. Per il 4Q 2020 la capacità dovrebbe diminuire del 60% rispetto al 2019 e rispetto a un calo del 46% nello scenario precedente. Per il 2021 la capacità dovrebbe diminuire del 27% rispetto al 2019, una riduzione rispetto al 24% precedentemente pianificato.

Nonostante una capacità inferiore nel 4Q 2020 rispetto allo scenario di pianificazione precedente, il Gruppo continua ad aspettarsi di raggiungere il pareggio in termini di flussi di cassa netti da attività operative durante il 4Q 2020.

Ciò è il risultato delle azioni di mitigazione intraprese per ridurre i costi operativi ulteriormente e migliorare il capitale circolante.

Non c’è stato alcun cambiamento nelle aspettative del Gruppo secondo cui ci vorrà almeno fino al 2023 affinché la domanda di passeggeri riprenda i livelli del 2019.

Non sono state inoltre apportate modifiche allo scenario di pianificazione al ribasso del Gruppo, utilizzato per determinare l’entità dell’Aumento di Capitale. Lo scenario negativo include una riduzione della capacità in termini di ASK del 66% nel 2020 e del 35% nel 2021 rispetto al 2019. IAG ritiene che un ulteriore svantaggio rispetto all’ultimo scenario di pianificazione sia più probabile sotto forma di ritardi o estensioni traiettoria di recupero, ad esempio a seguito di limitazioni di viaggio parziali, piuttosto che un ritorno al blocco totale.

IAG ha continuato ad attuare i suoi piani di ristrutturazione. British Airways sta riducendo l’organico fino a 13.000. Entro la fine di agosto, l’organico è stato ridotto di 8.236

Iberia e Vueling continuano a beneficiare del programma di permessi ERTE del governo spagnolo, che dovrebbe essere esteso nel 2021. Aer Lingus ha implementato riduzioni degli stipendi e dell’orario di lavoro in tutto la compagnia aerea e prevede 250 esuberi volontari entro la fine del 2020.

IAG prevede di riportare oneri di ristrutturazione per circa 330 milioni di euro nei risultati del 2020 associati ai licenziamenti dei dipendenti.

Liquidità al 31 agosto

Al 31 agosto 2020, il Gruppo aveva una liquidità totale di 7,6 miliardi di euro, di cui 5,8 miliardi di euro di liquidità, mezzi equivalenti e depositi fruttiferi e 1,8 miliardi di euro di strutture generali e aeronautiche non utilizzate e impegnate. Il contante alla fine di agosto includeva un pagamento di circa £ 750 milioni da American Express, una parte significativa del quale era un preacquisto di punti Avios, come annunciato il 24 luglio 2020.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi