Berlino Brandeburg BER

Bonificata l’area sterile di BER Berlino-Brandeburgo

Tempo di lettura 2 minuti

Completata una delle fasi più delicate per l’apertura dello scalo di Berlino Brandeburgo BER dal punto di vista della sicurezza aeroportuale, è stata infatti completamente bonificata l’intera area air-side, che da questo momento in poi non è più un area di cantiere.

Questa fase è un ulteriore step verso l’apertura di BER con i primi voli il 1 novembre e la grande inaugurazione del 31 ottobre, una data importante che rimarrà nella storia tedesca e potrò dire “io c’ero!”

La bonifica ha lo scopo di garantire che non vi siano più oggetti pericolosi o vietati dislocati nelle ex aree operative del cantiere, ad effettuarla la sicurezza aeroportuale coadiuvata dalla Polizia di Stato e sotto la supervisione della LuBB (Aviation Authority di Berlino-Brandeburgo).

Engelbert Lütke Daldrup, CEO di Berlin Brandenburg Airport GmbH: “La” pulizia “è una pietra miliare importante per trasformare l’aeroporto BER in un edificio funzionante dopo l’accettazione dei lavori di costruzione. In tutta la Germania, un’area interna ed esterna così ampia non è mai stata perquisita ai sensi della legge sulla sicurezza aerea attualmente in vigore. Per tutti i dipendenti dell’Airport Company e per i suoi partner, BER con la sua Aviation Security Area sarà un’esperienza completamente nuova. Fare questo passo in tempo utile prima dell’apertura è un vantaggio in modo che tutti noi possiamo praticare ulteriormente i processi in condizioni reali “.

Sono state bonificate aree esterne per 970 ettari: la nuova pista sud e i piazzali nelle immediate vicinanze del Terminal 1 che non fanno ancora parte dell’area sterile.

280.000 metri quadrati, comprese le aree del terminal T1 che faranno parte dell’area di sicurezza e altri edifici come la mensa o la Caserma dei Vigili del fuoco Est.

Tutte le strutture sono state controllate mediante ispezioni visive, apparecchiature per il rilevamento di tracce di esplosivi e cani per il rilevamento di esplosivi e solo successivamente sigillate.

Dopo l’approvazione da parte della LuBB a metà agosto, l’accesso alle aree operative precedenti è quindi possibile solo con una tessera di identificazione aeroportuale tramite i punti di controllo degli accessi.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi