Pipistrel

EASA certifica il primo velivolo full-electric

Tempo di lettura 2 minuti

EASA ha annunciato la certificazione del primo aereo elettrico, il Pipistrel Velis Electro, la prima al mondo.

Il Velis Electro è un velivolo a due posti destinato principalmente all’addestramento dei piloti.

Pipistrel, con sede in Slovenia, è uno dei principali progettisti e produttori di piccoli aeromobili, specializzato in aeromobili ad alta efficienza energetica ed economici.

“Questa è una svolta entusiasmante”, ha affermato Patrick Ky, direttore esecutivo dell’EASA. “Questo è il primo aereo elettrico che l’EASA ha certificato, ma non sarà certamente l’ultimo, poiché l’industria aeronautica persegue nuove tecnologie per ridurre il rumore e le emissioni e migliorare il sostenibilità dell’aviazione.

La certificazione, completata in meno di tre anni e’ stata possibile grazie alla stretta collaborazione tra Pipistrel ed EASA, con l’obiettivo comune di garantire che l’aeromobile soddisfacesse gli elevati standard di sicurezza necessari per la certificazione.

L’aeromobile è alimentato dal primo motore elettrico certificato, E-811-268MVLC, certificato dall’EASA per Pipistrel il 18 maggio 2020.

La certificazione del tipo di Pipistrel Velis Electro è il primo passo verso l’uso commerciale di aeromobili elettrici, necessario per rendere fattibile l’aviazione senza emissioni. È notevolmente più silenzioso di altri aeroplani e non produce affatto gas di combustione “, ha dichiarato Ivo Boscarol, fondatore e CEO di Pipistrel Aircraft. “Fornisce ottimismo, anche ad altri progettisti di velivoli elettrici, che la certificazione del tipo di motori elettrici e aerei è possibile.”

Il progetto di certificazione si è sviluppato in due flussi, in primo luogo le tipiche attività di certificazione relative all’aeromobile e in parallelo un programma di test di volo coordinato che utilizza una flotta di Alpha-Electros (non certificati) con permesso EASA per volare.

Il team dell’EASA composto da membri delle autorità aeronautiche nazionali di Francia e Svizzera (la DGAC FR francese e la FOCA della Svizzera), ha avuto accesso ai dati operativi necessari per l’attività di certificazione, evidenziando al contempo le esigenze operative per consentire il volo elettrico.

Dominique Roland, capo del dipartimento dell’aviazione generale dell’EASA, ha dichiarato: “Per l’EASA, la certificazione del tipo di questo aereo segna una doppia pietra miliare significativa: il 18 maggio 2020 abbiamo certificato il suo motore come il primo motore elettrico – ora abbiamo seguito con la prima certificazione di tipo di un aereo che fa volare quel motore. Questo è stato un progetto davvero innovativo che ha prodotto molti apprendimenti per la futura certificazione di motori e aeromobili elettrici, senza dubbio un’area di crescita nei prossimi anni in linea con gli obiettivi di protezione ambientale.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi