Wizz Air

Wizz Air nuova base a Malpensa

Tempo di lettura 3 minuti

Annunciata oggi l’apertura della nuova base Wizz Air di Malpensa da luglio 2020.

La base di Malpensa avrà 5 aeromobili e opererà dal T1 il 3 luglio.

József Váradi CEO di Wizz air: “Malpensa è strategica per il nostro obbiettivo di crescita, entro i prossimi 14 mesi avremo 22 nuovi aerei, arrivando ad avere una flotta di 268 aeromobili. Wizz Air ha sempre voluto attraversare questa crisi con l’obbiettivo di uscirne bene, possiamo non volare per 24 mesi, abbiamo la liquidità per farlo. Abbiamo una storia in Lombardia, abbiamo creato più di 500 posti di lavoro, 2 milioni di passeggeri, 5 aeromobili dal 3 luglio a Milano Malpensa, raddoppiando la capacità di Wizz air in Lombardia” molto schietto un commento su Alitalia in riferimento ad una domanda di un giornalista presente alla conferenza stampa al salvataggio di Alitalia “Alitalia meritava di essere nella tomba già da 10 anni” 

Le rotte: Londra Luton, Corfù, Rodi, Marrakesh, Eindhoven, Mahon, Tenerife, Gran Canaria, Valencia, Fuerteventura, Lisbona, Porto, Tel Aviv, Reykjavik

Armando Brunini, A.D. SEA. “Benvenuti nella vostra nuova casa, i miei complimenti al team di Váradi per la lungimiranza di investire a Milano e in Italia, riconoscete la nostra forza strutturale, che ha i fondamentali per recuperare in tempi brevi dal punto di vista economico e trasportistico. Questo progetto è la più bella risposta a questa crisi, una risposta di mercato e a noi piace il mercato“.

La prima volta che Wizz Air vola in Islanda, “sappiamo che gli islandesi amano l’Italia” ha commentato Váradi.

I 5 aerei basati a Malpensa non verranno spostati da Bergamo, “non stiamo rimescolando le carte“, l’offerta da Malpensa è un incremento di quella attuale.

Ad una domanda specifica, sul motivo per cui Wizz Air abbia scelto proprio ora di aprire la base di Malpensa, vista la presenza di easyJet che è il primo vettore a Malpensa, Varadi risponde: “è da due anni che stiamo progettando l’apertura della base di malpensa, perchè abbiamo una storia in Lombardia, ci sono le giuste condizioni ed è una scelta sostenibile, siamo in un grande mercato, sappiamo tutti quello che sta succedendo in Italia con Alitalia, nonostante siano aumentati i costi in Wizz air, la compagnia è ancora competitiva, non è una mossa opportunistica ma strutturale, a lungo termine.”

Armando Brunini commenta così gli interventi del governo “Il trasporto aereo è una filiera ampia ed articolata, tutta la catena del valore è complessa, il trasporto aereo è il settore più colpito in assoluto insieme al turismo, ci aspettiamo di avere delle misure più mirate, ad oggi l’unica misura sostanziale è a supporto di Alitalia e la sola Alitalia non è in grado di ripristinare la collettività nei nostri territori, puntare tutto su Alitalia è un pò eccessivo, ci saremo aspettati misure più ampie, gli aeroporti investono e devono essere aiutati, bisogna lasciare inalterata la capacità di investimento anche con quelle compagnie che hanno intenzione di crescere nei nostri aeroporti, l’Italia negli ultimi anni è cresciuta nel settore, come il resto di Europa nonostante un PIL più basso, e gli aeroporti hanno avuto un ruolo importante in questa crescita, ci aspettiamo un supporto maggiore da parte del governo.

Brunini inoltre sottolinea come vi sia una evidente domanda di tornare a volare dei passeggeri, che stanno tornando a popolare il terminal 2 di Malpensa, attualmente l’unico operativo e che SEA continuerà con trasparenza a collaborare con tutti i vettori che desidereranno operare su Milano “SEA non ha mai fatto accordi in perdita con vettori, ogni accordo deve portare dei benefici economici a SEA ed ai passeggeri e continueremo a non discriminare nessun vettore che investirà su Milano“.

Il terminal T1 secondo le previsioni dovrebbe aprire tra il 15 giugno ed il 1 luglio.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi