Airbus

Airbus nessun ordine a febbraio

Tempo di lettura < 1 minuto

Risente dell’epidemia di Coronavirus Covid-19 anche Airbus, nel mese di febbraio non ha ricevuto nessun nuovo ordine.

Il calo della domanda, il taglio di voli, con una riduzione che da un 10% di easyJet arriva anche al 50-60% per altri vettori in particolare europei, viene da se che i vettori al momento non possono programmare nuovi investimenti.

I piani di emergenza di tutti i vettori, coerentemente con un taglio dei costi ed un blocco degli investimenti, non prevedono l’ordine di nuovi aeromobili, almeno per il momento, in attesa che la diffusione del virus si stabilizzi ed anche la domanda per il mercato aero torni a crescere.

Dall’inizio dell’anno Airbus ha registrato però ordini netti per 274 aerei commerciali XWB A220, A320 e A350.

Il mese scorso per la prima volta ha anche superato Boeing, e non preoccupa per ora la mancanza di ordini a febbraio, visto il gran numero di aeromobili già ordinati.

A febbraio Airbus ha consegnato 55 aeromobili a 35 clienti, 40 della famiglia A320 (composti da 37 versioni NEO e tre nella configurazione del CEO); più quattro A220; 7 XWB A350 nella configurazione A350-900 e due XWB A350 nella configurazione A350-1000; insieme a due aeromobili della famiglia A330 (composti da una versione NEO e un CEO).

Tra le consegne degne di nota del mese c’era il primo A350-900 consegnato ad AEROFLOT, la compagnia aerea nazionale della Russia, su 22 aeromobili del tipo su ordinazione.

L’arretrato di Airbus degli aeromobili che sarebbero stati consegnati al 29 febbraio ammontava a 7.670. Questo totale comprendeva 6.209 aeromobili della famiglia A320 e 547 A220, nonché 328 A330, 577 A350 XWB e nove A380.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi